Flat Earthers: Conspiracy Thinking on a Global Scale

Le convinzioni di Flat Earthers vanno ben oltre la forma del pianeta.

Public domain (NASA/ESA/Samantha Cristoforetti)

Vista dalla Stazione Spaziale Internazionale, scattata dall’astronauta dell’Agenzia spaziale europea Samantha Cristoforetti e pubblicata sui social media il 30 gennaio 2015.

Fonte: dominio pubblico (NASA / ESA / Samantha Cristoforetti)

Sulla scia di un post di Psych Unseen dello scorso anno intitolato “Flat Earthers: Belief, Skepticism and Denialism”, ho messo in campo una serie di interviste ai media sull’argomento. Ecco la trascrizione completa di una di quelle recenti interviste:

Come hai notato nel tuo recente articolo su Psychology Today , possiamo dire cose diverse quando parliamo di “credenza”. In che senso i terrestri piatti “credono” che il mondo è piatto?

In effetti, è stato sostenuto, sia in filosofia che in psicologia, che ci sono tipi qualitativamente differenti di credenze. Ad esempio, c’è la fede – scegliere di credere in qualcosa in assenza di prove – e la credenza basata su prove oggettive, osservabili e ripetibili, nella tradizione del metodo scientifico. Spesso, tuttavia, le cose non sono così semplici e asciutte: i pensatori di cospirazione spesso si considerano credenti sulla base di prove scientifiche, ma sono pesantemente influenzati dal bias di conferma nel servizio della fede in qualche altro principio guida, come una sfiducia nella saggezza convenzionale . Ciò consente di spazzare via vaste distese di conoscenze scientifiche consolidate nel processo di “ricerca della verità”.

Al di là dei tentativi di categorizzare la credenza in tipi, altri modelli suggeriscono che le differenze nelle credenze non sono tanto qualitative quanto quantitative, differendo per gradi lungo le dimensioni come convinzione o preoccupazione. O nella misura in cui siamo influenzati da diversi pregiudizi cognitivi. Penso che molti che si identificano con i Flat Earther, specialmente quelli che appaiono online o nelle interviste ai media (come Kyrie Irving), non siano in realtà così condannati come sembrano essere a prima vista. Possono o non credono davvero in una terra piatta, ma si stanno invece affiliati con la crescente attitudine generale che dovremmo mettere in discussione i fatti ad ogni passo e riporre fiducia nelle nostre intuizioni. Detto questo, ci sono certamente alcuni pianeti che credono veramente, con alti livelli di convinzione, che la Terra sia piatta. Alcuni degli esempi più noti stanno letteralmente facendo carriera per essere una platea, ma poi dobbiamo chiederci se alcune di queste persone, come l’Alex Jones di InfoWars, siano essenzialmente artisti che traggono profitto dalla promozione di cospirazioni e che a volte influenza gli altri a diventare veri credenti.

Sembrerebbe che solo raccogliere prove per confutare l’idea di una terra piatta non sia sufficiente – perché ciò che considereremmo come una prova, un rifiuto a parte. E ‘una dichiarazione giusta?

Molte credenze che possediamo sono notoriamente resistenti alla contro-argomentazione. Questo è, per definizione, il più vero delle delusioni viste nei disturbi mentali come la schizofrenia, ma l’impermeabilità alla ragione è parte della fede religiosa e di altri tipi di credenze normali. Avere “flessibilità cognitiva” – la capacità di cogliere le diverse prospettive e trovare una via di mezzo – è mentalmente salutare, ma non è necessariamente una qualità che la maggior parte delle persone possiede in vanga.

L’anno scorso, sono stato intervistato per un documentario su Flat Earthers intitolato Behind the Curve , che è stato recentemente presentato al festival di film Hot Docs di Toronto. Durante una parte dell’intervista che è finita sul pavimento della sala da taglio, ho commentato che mi piacerebbe vedere un appartamento Earther acquistare un biglietto SpaceX per “vedere da soli” come appare la terra da oltre 35.000 piedi e oltre. Ma dovevo essere d’accordo quando i registi si chiesero se alcuni pianeti terrestri avrebbero addirittura rifiutato quell’esperienza personale. In effetti, se guardi online, vedrai alcune persone che suggeriscono che l’atmosfera terrestre agisce come una lente sferica che dà l’illusione della curvatura.

Senza rivelare troppo di ciò che c’è nel film, ho pensato che i realizzatori del film facessero un ottimo lavoro nel mostrare come alcuni Flat Earther stessero compiendo esperimenti legittimi per testare la loro ipotesi e come reagivano quando i risultati non si adattavano alle loro teorie. Un’altra interessante rivelazione nel film è che ci sono disaccordi significativi tra i prominenti Flat Earther e in alcuni casi, questi disaccordi hanno portato all’accusa che uno o l’altro Flat Earther è in realtà una talpa della NASA. Quindi c’è sicuramente una qualità tra alcuni Flat Earther di essere in grado di confutare ogni potenziale contro-argomento.

Public domain (Orlando Ferguson)

Mappa della piazza e Terra stazionaria (1893)

Fonte: pubblico dominio (Orlando Ferguson)

Se round-earthers e flat-earther non sono nemmeno d’accordo su ciò che conta come prova, c’è qualcosa che può essere fatto? Sembra che potrebbe essere un vicolo cieco automatico.

Una cosa da tenere a mente dei Flat Earther è che la convinzione principale non è solo se la terra è rotonda o piatta. Credere che la Terra sia piatta richiede l’ulteriore convinzione che ci stiamo deliberatamente mentendo, non solo dalla NASA che, si sostiene, organizzò lo sbarco sulla Luna, ma potenzialmente da ogni singolo governo, organizzazione scientifica e legittimo astrofisico sul pianeta . Quindi, i Flat Earthers rientrano ampiamente nei limiti più ampi del pensiero complottista.

Sebbene sia stato scritto molto sulle origini e sui pregiudizi cognitivi che sono alla base del pensiero di cospirazione, c’è stata molta meno ricerca su come cambiare in modo efficace tali credenze. Ci sono prove che le credenze marginali possono essere rafforzate dall’appartenenza al gruppo, che in questi giorni è particolarmente facile da raggiungere online dove le teorie cospirative sono alimentate da “pregiudizi cognitivi sugli steroidi”. E dalla ricerca sulla correzione della disinformazione (non sul pensiero di cospirazione di per sé), noi sapere che la discussione tradizionale e la confutazione da “fonti ufficiali” possono dare legittimità al pensiero di cospirazione piuttosto che smorzarlo, risultando in una maggiore “polarizzazione di gruppo” attraverso il cosiddetto “effetto di ritorno” (sebbene la forza di questo effetto abbia stato chiamato in causa in una recente ricerca).

A livello individuale, modificare con successo i sistemi di credenze richiede di solito l’interazione con persone che hanno credenze diverse, purché l’obiettivo di tale interazione non sia il dibattito. In altre parole, il cambiamento di “cuori e menti” non dovrebbe riguardare la discussione e il tentativo di convincere l’altra parte. Ciò non funziona nell’interazione sociale e non funziona clinicamente in psicoterapia. Invece, le discussioni dovrebbero iniziare con l’ascolto empatico e la convalida di alcune delle premesse fondamentali che sono alla base del pensiero complice. Ad esempio, potremmo essere d’accordo sul fatto che accettare tutto ciò che ci viene insegnato a scuola al valore nominale non è necessariamente il modo migliore per imparare la verità. Da lì, lavorare insieme per valutare le prove tenendo conto di altre prospettive e spiegazioni alternative come facciamo nella terapia cognitivo comportamentale può attenuare l’intensità delle convinzioni. Da un punto di vista clinico, è quell’intensità, piuttosto che il contenuto della convinzione, che molto spesso ci mette nei guai influenzando le nostre azioni in modi potenzialmente dannosi e dovrebbe quindi essere l’obiettivo degli interventi.

Esiste una sorta di connessione tra il rifiuto della scienza tradizionale e il pensiero cospirativo?

Le teorie del complotto per definizione implicano il rifiuto di fatti e prove convenzionali. A volte questo è legato alla scienza (come con i Flat Earther) e qualche volta no (come con i teorici della cospirazione sulla Luna). Ciò che è interessante è che il pensiero cospirazionista non è associato alla mancanza di istruzione e che i teorici della cospirazione spesso si considerano scettici nel senso scientifico appropriato della parola. Ma in pratica, usano spesso l’opposto del metodo scientifico, iniziando con un’intuizione e poi setacciando l’informazione per confermarla e rifiutando il consenso scientifico nel processo. Siamo tutti suscettibili a questo tipo di pregiudizio di conferma, ma questo modo di cercare la verità non è la scienza o lo scetticismo, il suo negazionismo e la sua pseudoscienza.

Sappiamo che, nonostante ciò che immaginiamo, le persone normali spesso non la pensano molto razionalmente. Il metodo scientifico è un modo convalidato per aggirare i pregiudizi personali nella ricerca di fatti. Ciò suggerisce che il potenziamento dell’istruzione scientifica di base a partire dalla scuola elementare potrebbe benissimo essere un approccio a lungo termine per ridurre il pensiero di cospirazione, in particolare quando tale pensiero è contrario ai fatti scientifici.

Solutions Collecting From Web of "Flat Earthers: Conspiracy Thinking on a Global Scale"