Fissando Sessanta: alcune riflessioni sulla mortalità e la lista dei secchi

Presto avrò sessant'anni. Il mese prossimo, di fatto. Trasformare i sessanta può essere un momento traumatico e infido, specialmente per coloro la cui vita non è andata esattamente come previsto o desiderato in qualche modo importante. Non che la vita di nessuno possa mai procedere esattamente come pianificato. La vita ha un modo di compiere colpi di scena imprevisti che sono totalmente imprevedibili. Alcuni piacevoli Alcuni fortunati. Qualche tragico. Ma quando raggiungiamo i sessant'anni, cioè, lo facciamo, dal momento che una percentuale significativa della popolazione, anche oggi, anche qui in America, non ce la fa così lontano, la fine di quella tortuosa e fatidica strada si avvicina. Probabilmente abbiamo già speso almeno l'ottanta percento del nostro tempo produttivo su questo pianeta.

Il traguardo avanzato della sessantina è solo un decennio dal limite biblico di tre punti e dieci per la breve durata della vita umana. Certo, la scienza del ventunesimo secolo ha trovato il modo di prolungare le nostre vite e ritardare la morte oltre i settanta o anche ottanta o novanta. Ma anche con tutti i miracolosi progressi della medicina, sessanta segna ancora per la maggior parte l'inevitabile, insidioso inizio di un significativo declino fisico, e talvolta mentale. Potremmo dire che sessanta significa l'inizio della fine. Questo può sembrare morboso per alcuni. E deprimente. Eppure, paradossalmente, lo scontro esistenziale sempre più palpabile con la nostra stessa mortalità può rendere la vita più significativa e motivarci ad apprezzare e utilizzare in qualsiasi momento il tempo che abbiamo lasciato in questo mondo.

L'ansia di morte – la consapevolezza cosciente o, più spesso, inconscia di ciò che minaccia la nostra esile esistenza – può essere una forza positiva, persino creativa, che ci spinge a cogliere l'attimo, a mobilitare l'azione, a procrastinare i foreswear, a lanciare i dadi proverbiali, a trovare uno scopo e combattere furiosamente contro l'annientamento, nonostante la sua inevitabilità. Come dice poeticamente Dylan Thomas,

Non andare dolcemente in quella buonanotte
La vecchiaia dovrebbe bruciare e rave a fine giornata;
Rabbia, rabbia contro il morire della luce

L'ansia della morte, quando coraggiosamente incontrata, piuttosto che chimicamente o altrimenti neutralizzata, negata o repressa mentre fissiamo i sessanta, può servire a stimolare la creatività, a consolidare il senso di sé e rafforzare significativamente la spiritualità. In effetti, la spiritualità o religiosità ruota attorno al terrore esistenziale di tutto ciò che nella vita porta sofferenza, malattia, decrepitezza e, infine, morte. La qualità della vita dopo i sessanta dipende in parte da come affrontiamo la morte, dal significato che assegniamo ad essa e dall'atteggiamento che prendiamo nei suoi confronti. Lo psicologo Erik Erikson ha caratterizzato questa fase della vita come causa di un senso di integrità o di disperazione (vedi il mio precedente post sulla "disperazione clinica") riguardo a come abbiamo condotto le nostre vite fino a questo momento e in base a come veniamo a patti con ciò che hanno o non hanno ancora compiuto mentre ci avviciniamo alla morte. La dipendenza, il nilhilismo, il consumismo, l'edonismo e il disperato attaccamento ai giovani sono tutti modi di evitare piuttosto che incontrare in modo creativo l'ansia della morte.

In questo senso, fissare sessant'anni è simile a quello che lo psichiatra Carl Jung chiamava notoriamente una crisi di mezza età . Nella crisi di mezza età, iniziando dall'archetipo intorno ai trentacinque a quarantacinque, idealmente, consapevolmente, a volte inconsciamente facciamo il punto su ciò che abbiamo e non abbiamo ancora realizzato, consideriamo quanto siamo soddisfatti o insoddisfatti del nostro attuale stile di vita, rivalutiamo il nostro identità, sogni, desideri e valori, e o continuare, modificare o modificare radicalmente il nostro corso di conseguenza mentre entriamo nella seconda metà della vita. Ma non è corretto confondere gli anni sessanta con la classica crisi di mezza età, sebbene si tratti di un'errata percezione comune. Questi sono due distinti riti di passaggio . A metà della vita c'è teoricamente e statisticamente ancora tempo per fare quelle cose che non abbiamo ancora fatto e diventare più il tipo di persona che desideriamo. Mentre una crisi di mezza età o "a metà tempo" ci costringe a decidere come vivere la seconda metà o il pomeriggio della vita, fissando i sessanta, l'archetipo del tramonto o la crisi del "fine-gioco", chiede di decidere come affrontare , come dice Dylan Thomas, "il morire della luce". Una crisi di mezza età in piena regola può essere caotica, terrificante e profondamente disorientante. (Vedi, ad esempio, il mio post precedente sulla devastante crisi di mezza età di Jung documentata soggettivamente nel suo Red Book ) Ma fissando i sessant'anni può fare una pallida crisi a metà vita in confronto.

La svolta verso i sessanta porta un'urgenza bruciante e un'intensità potente che mancano comunemente nella crisi di mezza età nella varietà da giardino. A sessant'anni, la maggior parte della nostra vita è già stata vissuta, e rimane poco tempo per cambiare rotta. Potrebbe essere semplicemente troppo tardi per compensare la mancanza di certe esperienze di vita, o semplicemente non fisicamente o praticamente fattibile. Opportunità e potenzialità che erano ancora possibili a metà della vita sono, a sessant'anni, prosciugate o scomparse. Fissare a sessanta è l'ultimo confronto esistenziale con limitazione, finitudine, perdita e, infine, il nulla. A sessant'anni, non possiamo più evitare, negare o ignorare la nostra stessa mortalità, in genere essendo stati confrontati con il declino, il declino lento e la morte di genitori, fratelli, mentori, colleghi e amici. È una pericolosa crisi spirituale per eccellenza , e il risultato è sempre psicologicamente incerto. Mentre la descrizione classica di Erikson di questo stadio come una battaglia interiore tra disperazione o integrità ha un merito, mi sembra che forse un aspetto altrettanto adatto di questo passaggio precario è la questione fondamentale del coraggio contro la codardia : possiamo trovare il coraggio dentro di noi per confrontarsi volontariamente, superare o accettare ciò che inevitabilmente si trova davanti a noi? O potremo rannicchiarci nella paura e accovacciarci o ritirarci disperatamente in auto-inganno, evitando, distorcendo o negando la realtà nel volto scoraggiante e mistificante di ciò che ci attende in modo inquietante?

C'è una tendenza naturale o teleologica verso la totalità dentro di noi che tende all'equilibrio, alla compensazione e al completamento, anche quando entriamo nei nostri anni sessanta e oltre. E ora affrontiamo nuove opportunità e possibilità forse non disponibili in precedenza. Alcune porte si chiudono definitivamente per sessanta, mentre altre ancora aspettano di essere aperte. Sessanta è un'ultima possibilità per cercare più equilibrio, integrità e integrità nella vita. Non semplicemente guardando indietro, rivedendo la nostra vita e riconciliandoci con il passato, ma guardando in avanti a ciò che potremmo ancora essere in grado di realizzare, contribuire e sperimentare nella vita. Due dei miei ex mentori, Drs. Rollo May e June Singer, vissuti ben oltre i 80 anni, sono rimasti attivi, creativi e produttivi in ​​modo professionale e personale. Rollo May, ad esempio, pubblicò il suo magnum opus, Love and Will (1969) a sessant'anni, e il suo contributo culminante, The Cry for Myth , all'età avanzata di ottantadue. Non tutti noi che raggiungiamo i sessanta vedremo mai ottanta. Ma per quanto tempo abbiamo lasciato è prezioso e deve essere ben speso. E questa diventa la domanda cruciale quando si guardano i sessanta: come usare il tempo limitato che ci rimane nella maniera più significativa, soddisfacente, produttiva e appagante possibile. Vedere sessanta come l'inizio di un altro capitolo ancora da scrivere prima che il libro giunga a una conclusione. Un'ultima opportunità per provare a lasciare il miglior retaggio possibile a persone care, studenti, società e posteri. Per scoprire e perseguire il nostro destino.

La morte è una porta o un vicolo cieco? Qualunque siano le credenze religiose, gli insegnamenti spirituali tradizionali ci dicono che qualsiasi esistenza continua oltre la morte sarà influenzata da ciò che facciamo qui in questa vita e su questo piano terreno. Per gli atei, la convinzione che non ci può essere esistenza continua dopo la morte fisica rende assolutamente fondamentale ciò che facciamo con la vita prima della morte. Quindi, in entrambi i casi, la consapevolezza senza macchia della realtà della morte è essenziale per stimolare la crescita personale e spirituale nella forma di più distacco dal mondo materiale, maggiore sviluppo etico e morale, maggiore accettazione di sé, apprendimento per abbracciare sia il bene che il male lati dell'esistenza, coltivando relazioni di cura, aumentata creatività e un apprezzamento più sottile del momento presente, della bellezza e dei misteri fantastici della vita.

Nel film del 2007 The Bucket List , Jack Nicholson e Morgan Freeman interpretano due malati terminali di metà sessantenne che si incontrano nell'ospedale, ricevono prognosi per avere un anno o meno da vivere e decidono di elencare letteralmente e quindi perseguire attivamente alcune esperienze di vita che li avevano elusi a quel punto prima di "calciare il secchio" (morire). Paracadutismo. Guida automobilistica. Baciare la donna più bella del mondo Escursionismo sull'Himalaya. Ma anche, soprattutto per il Carter più incline alla filosofia, la lista include atti meno mondani, più romantici o persino spirituali :. Fare qualcosa di buono per un estraneo totale. Testimoniare qualcosa di veramente maestoso. Il personaggio di Morgan Freeman (Carter Chambers) lascia la sua amorevole moglie e la sua famiglia per accompagnare il ricco, cinico e senza legami Nicholson (Edward Cole) in queste inebrianti avventure nel mondo. Ma alla fine, perde la moglie e la famiglia, e torna a casa un uomo più felice e più contento. Purtroppo, la sua soddisfazione è di breve durata mentre soccombe al cancro che lo stava perseguitando. Anche Cole, che si trova miracolosamente sopravvissuto in remissione a una vecchiaia matura, trova un'anima, riconciliata con la sua figlia da lungo tempo separata e consegna il sentito elogio al funerale del suo amico Carter. Entrambi questi uomini molto diversi sono andati in cerca disperata di cose che pensavano di volere, hanno scoperto che queste esperienze erano un po 'carenti di soddisfarli e hanno scoperto qualcosa di inaspettato nel processo: amore, amicizia, conciliazione, compassione, accettazione, gioia e, sì , come dice Erikson, integrità. C'è molto che può succedere dopo la sessantina, e molto ancora da creare: luoghi da vedere, persone da amare, libri da scrivere, film da realizzare, quadri da dipingere e così via. Ma girare sessant'anni non è necessariamente il momento di iniziare a comporre la tua personale "lista dei desideri" di cose audaci o esotiche da fare nel mondo. In effetti, per alcuni potrebbe non essere affatto fare qualcosa. Oppure, potrebbe essere che ciò che deve essere fatto deve avvenire principalmente nel mondo interno piuttosto che nel mondo esterno. Tutto dipende

Ad esempio, per il tipo estroverso, sessanta potrebbe essere il momento di sviluppare ulteriormente la sua funzione introversa: potrebbe essere un momento per più introspezione, meditazione e solitudine. O per la psicoterapia o l'analisi. Questo è più di un interno che di un'avventura esteriore, ma sicuramente un'avventura comunque. Dopo aver attraversato un periodo prolungato di introversione estrema durata quasi vent'anni, CG Jung è entrato in una fase più estroversa mentre si avvicinava ai sessanta. I tipi introversi a sessant'anni potrebbero aver bisogno di integrare più attività estroverse nel loro stile di vita, in alcuni casi passando da uno stile di vita di relativa solitudine a uno dei maggiori rapporti interpersonali e partecipazione nel mondo. E, per alcuni, una vita precedente consacrata alla relazione, il matrimonio e la famiglia possono volgersi per essere soli e indipendenti per la prima volta. Per il materialista che dura tutta la vita, i sessanta possono segnare l'inizio di una prospettiva più spirituale. O religiosità appena ritrovata per l'ex ateo. O, in altri casi, ateismo o agnosticismo per la persona precedentemente devota o dogmaticamente religiosa. Per la persona orientata verso l'asceticismo spirituale, forse la sessantina è un tempo per imparare a partecipare, godere e apprezzare di più il mondo sensuale, fisico e materiale. E per l'individuo troppo mascolino, razionale, logico, intellettuale, aggressivo (non importa quale sia il loro genere), la sessantina può diventare l'impulso per integrare il suo lato femminile, intuitivo, emotivo, ricettivo e viceversa per l'unilateralmente uomo o donna femminile. (Vedi il mio post precedente). Alcuni di questi contraccolpi delle polarità della personalità tendono a manifestarsi naturalmente durante questa fase potenzialmente profondamente trasformativa, anche se potremmo resistere a tali cambiamenti violentemente, preferendo aggrapparci alla nostra precedente personalità a tutti i costi.

Sessanta può essere paragonato al quarto e ultimo quarto del calcio, o al settimo inning del baseball: in entrambi i casi, il gioco sta volgendo al termine, ma rimane il tempo per decidere il risultato finale. Non è finita fino alla fine. O fino a quando la proverbiale signora grassa canta. Ciò rende tutto più dinamico ed eccitante. Qualcosa di inaspettato può ancora accadere per influenzare il punteggio. Potrebbero esserci anche inning extra o straordinari. Il destino, sotto forma di limitazione fisica, malattia, circostanze professionali, finanziarie, personali e familiari, ecc., Entra sempre in gioco, così come il tempo, gli infortuni, la psicologia, la fortuna e altre variabili influenzano baseball, calcio, pallacanestro, tennis, golf o partita di hockey. Ma nonostante queste condizioni fatali al di fuori del nostro controllo, rimaniamo i principali autori di questo capitolo conclusivo, e abbiamo l'opportunità e la responsabilità di scrivere o riscrivere il finale. O, almeno, facendo del nostro meglio per farlo.

Se, come sessanta telai, desideriamo creare la nostra personale "lista del secchio", potrebbe essere più utile pensarla come una raccolta di "affari incompiuti". Di affrontare coraggiosamente nuove sfide, o vecchie non ancora prese in considerazione . Di compensare il nostro squilibrio sviluppando quella parte di noi che abbiamo perennemente trascurato. Non solo nel mondo esterno e con gli altri, ma nel mondo interiore e con noi stessi. Di cose lasciate asimmetriche, incomplete, non dette, non create, inconsce o non finite. Di questioni il cui compimento o compensazione ci lascerà sentire più integro, armonioso, equilibrato, pacifico e contento. E come un sacro processo di venire a patti con i nostri fallimenti, infrazioni, passi falsi ed errori. L'auto-perdono – insieme al riconoscimento e all'assunzione di responsabilità per le nostre passate azioni dolorose, distruttive, malvagie e le loro ramificazioni – è una parte vitale di questo stadio dello sviluppo spirituale.

In The Bucket List, come nella vita reale, ci viene detto che la morte è imminente per iniziare i due uomini nel loro viaggio spirituale redentore. Fissare a sessanta, se preso sul serio, può servire allo stesso scopo. E forse fornire più tempo per perseguire l'impresa, anche se questo non può essere previsto. Naturalmente, non completeremo mai tutti i nostri affari incompiuti, indipendentemente da quanto tempo, creatività o coraggio abbiamo. Né potremo sperimentare personalmente tutto ciò che è possibile nella vita. O diventare perfettamente integro, armonioso ed equilibrato. Dovremo sempre riportare sensi di colpa, rimpianti, risentimenti, lutti, frustrazioni e delusioni. Alcuni sogni non saranno mai realizzati e altri forse solo parzialmente. Parte del compito psicologico di superare i sessant'anni è più di accettare chi siamo, i nostri limiti umani e ciò che abbiamo o non abbiamo fatto o attualizzato piuttosto che cambiare noi stessi o le nostre vite. Imparare ad apprezzare e concentrarsi su ciò che abbiamo realizzato rispetto a ciò che non abbiamo fatto, e ciò che abbiamo contro ciò che ci manca. Cambiare dopo sessant'anni di carattere, circostanze, stile di vita, visione, comportamento, convinzione, vocazione, attitudine, se possibile, è difficile. (Vedi il mio precedente post sull'eccezionale redenzione spirituale di Scrooge in ritardo nella vita.) Ma impegnarsi con coraggio, impegno, creatività, integrità, autenticità e passione per la sfida del provare ci porterà il resto del modo. E potremmo trovare divertimento, eccitazione, soddisfazione, gioia, amore, bellezza, stupore, illuminazione, significato, intenzione e pace della mente nel processo. Controllami un po 'più tardi e ti farò sapere come va sul lato opposto della sessantina.

Solutions Collecting From Web of "Fissando Sessanta: alcune riflessioni sulla mortalità e la lista dei secchi"