Finalmente: una spiegazione del mangiare di notte?

Anche se molti di noi si svegliano nel mezzo della notte assetati e / o necessitano di un bagno, pochi di noi decidono di rimanere svegli per mangiare un'altra cena. Per essere sicuri, possiamo sgranocchiare un graham cracker, rosicchiare qualche torta avanzata o bere un bicchiere di latte con dei biscotti. Ma con l'eccezione di una categoria di persone chiamate mangiatori di notte, raramente abbiamo fame abbastanza da mangiare un pasto completo, anche se sono passate ore da quando abbiamo mangiato l'ultima volta. L'incapacità quasi fisica di mettere molto cibo nei nostri stomaci è evidente con l'appetito opaco che possiamo affrontare la colazione servita su un volo transatlantico alle due o alle tre del mattino. Siamo svegli, più o meno, ma i nostri stomaci non lo sono. Al contrario, alcuni di noi possono dire il tempo a metà giornata e rumori di prima serata nel nostro stomaco che segnalano "Tempo di mangiare!" Perché abbiamo fame a pranzo oa cena cinque o meno ore dal pasto precedente, eppure non abbiamo fame in nel mezzo della notte, otto o nove ore dopo aver cenato? Nel momento in cui lasciamo l'infanzia, è improbabile che la maggior parte di noi si svegli per un pasto alle 2 AM.

Un ormone, secreto dallo stomaco, ma che agisce sul cervello, potrebbe essere la risposta. La grelina (ritmi con Mary Ellen) sembra iniziare a mangiare in determinati momenti durante un ciclo di 24 ore, ma non in altre occasioni. Anche se sembra che mangeremo all'orologio come in "È mezzogiorno, quindi devo essere affamato", questo non è evidentemente il caso (almeno non in una situazione di ricerca). Circa sette anni fa, in uno studio pubblicato sull'American Journal of Physiology da DE Cummings e colleghi, i livelli di grelina venivano misurati in volontari ogni volta che cominciavano a mangiare. I ricercatori hanno scoperto che quando i volontari erano più affamati, proprio prima di iniziare un pasto, i loro livelli di grelina erano alti. Dopo aver mangiato, i livelli di grelina nel sangue diminuirono e, col passare del tempo, lentamente ricominciò a salire. Cinque o sei ore dopo il pasto precedente, i livelli di fame e di grelina erano ancora alti, ei soggetti iniziarono al loro prossimo pasto.

Allora perché non siamo tutti in cucina alle 1 o alle 2 del mattino in cerca di qualcosa da mangiare, 6 o 7 ore dopo cena? Molti di noi sono addormentati e se risvegliati probabilmente abbasserebbero un panino o delle uova strapazzate. Non abbiamo fame. La ragione? Secondo una ricerca riportata nell'European Journal of Endocrinology di Natalucci, et al, il livello dell'ormone della fame è più basso tra mezzanotte e le 7 del mattino

Ma alcune persone si svegliano ogni notte affamate abbastanza da mangiare più di qualche cracker e bere un po 'di latte. Questi cosiddetti mangiatori di notte possono effettivamente consumare tutte le calorie che il resto di noi mangia a cena. Non stanno mangiando per addormentarsi ma perché hanno fame. Non è chiaro se si svegliano perché hanno fame o notano quanto sono affamati quando si svegliano per altri motivi, come il rumore o la necessità di andare in bagno. Tuttavia, sono affamati e apparentemente perché i mangiatori di notte hanno un livello anormalmente elevato di grelina nel sangue tra mezzanotte e mattina. È come se questo ormone non fosse sincronizzato con gli altri ormoni, principalmente la melatonina, che dovrebbe tenerli addormentati, non usare la pizza al microonde o scongelare una bistecca nel mezzo della notte.

Nessuno sa esattamente cosa fare per gli alti livelli dell'ormone della fame nelle prime ore del mattino. I ricercatori riconoscono che l'ascesa di Gherlin è ritardata, così che invece di aumentare nel tardo pomeriggio / nelle prime ore della sera, quando normalmente consumeremmo il pasto serale, sembra di raggiungere il picco cinque o sei ore dopo. Un pensiero è quello di esporre i mangiatori di notte alla terapia della luce del mattino come le scatole di luce usate dalle persone affette da SAD (Seasonal Affective Disorder). Secondo un articolo di Goel N. Stunkard e altri del Journal of Biological Rhythms, i mangiatori di bevande notturne che sono stati esposti alla luce del primo mattino rispondono mangiando ai normali orari dei pasti e diminuiscono il loro consumo alimentare notturno. Forse la luce cambia il ritmo del rilascio della grelina in modo che si avvicini al normale ciclo sonno / veglia. O forse svegliare presto le persone per sedersi di fronte a una scatola leggera fa sì che facciano colazione la mattina presto (anche se è difficile credere che avranno fame) e questo prepara una normale zucca prima di pranzo e poi di cena.

O forse la risposta è di trasferirsi in Spagna, dove tutti sembrano cenare dopo lo spettacolo in ritardo.

Solutions Collecting From Web of "Finalmente: una spiegazione del mangiare di notte?"