Filling per una soluzione tecnologica!

Immagina questo, ti svegli nel bel mezzo della notte per bere un bicchiere d'acqua o uno spuntino a tarda notte. Mentre entri in cucina e apri la porta del frigo, con la coda dell'occhio si vede il tuo iphone. All'improvviso non stai più pensando a quello spuntino, ti ritrovi a chiedermi se hai qualche email. Dici a te stesso che lo controllerai solo al mattino, ma non puoi aiutarti da solo, e prendi il telefono per controllarlo ora. Scoprirai che hai un nuovo invito per un amico su Facebook, un inoltro da tuo cugino a Seattle e una bella email da qualcuno di nome Roseanne Legato che ti istruisce sui benefici del Viagra. Niente di urgente, ma sai che se non avessi controllato, ti saresti seduto a letto chiedendoti se dovessi alzarti e controllarlo, così puoi smettere di pensarci e tornare a dormire.

Se stai pensando che potresti essere l'unico là fuori che rimane costantemente connesso, o "collegato", non ti preoccupare perché non sei solo.

"Uno su tre persone al mondo ammette di essere dipendente dalla tecnologia, secondo uno studio globale condotto da ricercatori della Cranfield School of Management. Andrew Kakabadse, professore di International Management Development di Cranfield, ha dichiarato: "Il nostro studio globale ha concluso che la dipendenza da techno è interamente dipendente da uno stile di vita particolare – o stile di lavoro – e in quanto tale, è guidata dall'ambizione, dalla necessità di relazioni, dalla necessità di intimità, social networking ed età. Alcune persone vivono per socializzare, altre vivono per lavoro, mentre altre proteggono la loro privacy e il loro tempo personale. "(Business MK, 2009)

Detto questo, penso che sia importante notare che spesso parliamo di come consumiamo i media, o in questo caso, la tecnologia. Tuttavia, mi piacerebbe considerare questo dal punto di vista che la tecnologia ci sta effettivamente consumando. Ci consuma connettendoci come mai prima e talvolta disconnettendoci dal mondo che ci circonda.

Il mio cellulare è probabilmente il pezzo di tecnologia più usato che possiedo. Mi permette di rimanere collegato in ogni momento. Posso fare telefonate, inviare messaggi, ascoltare musica, scattare foto, navigare in Internet, controllare e rispondere alle e-mail, twittare, raggiungere Facebook, rimanere in contatto con colleghi di lavoro, giocare al solitario, trovare la mia strada e altro ancora. Mi sento perso quando non ce l'ho al mio fianco, e sì, sono una di quelle persone che controllano l'email ogni pochi minuti – triste ma vero. Questo piccolo dispositivo mi consente di rimanere in contatto con amici, familiari e contatti di lavoro in tutto il mondo. Permette anche a mia madre di provare tutti i modi possibili per raggiungermi se non le rispondo all'istante. Ad esempio, non è raro che il mio telefono di casa squilli e se non lo faccio in tempo per rispondere, chiamerà il mio cellulare. Se non rispondo entro 5 minuti, riceverò un messaggio e talvolta un'email da lei. Non sto esagerando. Tutto questo accade in un intervallo di 10-15 minuti. Quando la richiamo, devo spiegare che non ero raggiungibile in quell'istante perché, Dio non voglia, ero nel cortile di casa e lontano dal mio telefono o dalla mia linea di lavoro con un cliente. Ma hey, lei è "mamma" e sono ben consapevole che non vincerò mai quell'argomento. A volte mi manca il tempo dei telefoni cellulari e delle segreterie telefoniche domestiche … Sono finiti i giorni in cui ho lasciato un messaggio e mi sono sentito a mio agio a non sentire più tardi. Oggi, ci aspettiamo di essere connessi e raggiungibili in ogni momento. E se non siamo connessi per pochi minuti ci sentiamo persi, e anche quelli che ci circondano lo sentono.

Quindi, com'è che questo piccolo pezzo di tecnologia che è così utile per connetterci alla parola che ci circonda, riesce anche a disconnetterci dalla gente accanto a noi? Penso che sia una cattura 22. La capacità di rimanere collegati o collegati, interferisce continuamente con le nostre connessioni faccia a faccia di base. Ad esempio, ero molto pessimista nel leggere o rispondere a una email mentre il mio partner stava parlando con me. Vorrei ascoltarla a metà e non ricordare nulla di ciò che mi ha detto. A volte dovevo chiederle di ripetere ciò che lei diceva. Come puoi immaginare, non andava bene! Ma hey, ho avuto degli standard, sai. Non avrei mai alzato il telefono quando suonava e quando le parlavo. Ma in qualche modo avrei un errore quando si trattava di inviare messaggi o di rispondere alle e-mail. Avrei dovuto prendere me stesso e mettere via il telefono perché ero reso consapevole dal suo sguardo che ero scortese. E la verità è che lo ero. Quello che ho capito è che questo piccolo dispositivo di comunicazione mi stava disconnettendo dalle mie comunicazioni personali faccia a faccia, perché il bisogno di rimanere in contatto con tutto il resto mi avrebbe consumato a volte e vinto. Ho trovato strano che la necessità di rispondere ORA ad una conversazione virtuale mi sia sembrata più urgente che impegnarsi nella conversazione faccia a faccia che stava avvenendo proprio di fronte a me, quando in realtà avrebbe dovuto essere l'esatto opposto. C'era un articolo interessante in USA Today che tocca questo argomento, intitolato "La popolarità di Twitter ha alcune relazioni in una torsione" ha notato che:

"Twitter non è l'unico colpevole nella competizione per l'attenzione di una persona cara: Facebook e MySpace, e-mail tramite BlackBerry e iPhone, blog e video blogging, videogiochi, oltre a messaggi di testo (e il suo gemello birichino, sexting). La lotta tra la coppia di musica pop Rihanna e Chris Brown è iniziata perché, secondo il rapporto della polizia, ha visto un messaggio di un'altra donna sul suo cellulare e si è arrabbiato. "(USA Today)

Anche se la tecnologia è ottima per permetterci di effettuare connessioni a lunga distanza, può anche essere importante per abbattere le nostre connessioni più strette – quelle che contano davvero di più. Alcuni potrebbero dire che "Essere dipendenti dall'universo cablato potrebbe essere perfettamente sano, naturalmente, ed è certamente difendibile sotto il trionfo della tecnologia, della curiosità e del progresso." (Doerr, 2009) Ma quanto, è troppo? Il nostro mondo virtuale è pieno di testi, e-mail, interfacce utente e molto altro ancora? Penso che alla fine si tratta di trovare un equilibrio tra quanto usiamo la tecnologia e quanto lasciamo che la tecnologia ci usi. Questo non è importante solo per mantenere le nostre relazioni o connessioni più strette, ma anche quelle più distanti.

Solutions Collecting From Web of "Filling per una soluzione tecnologica!"