Figure affascinanti: Alan Watts

Recentemente mi è stato chiesto di scrivere una serie di profili di persone affascinanti ed eventi degli anni '60 e '70 per una rivista spagnola chiamata Cañamo. Poiché le varie rivoluzioni culturali che hanno travolto gli Stati Uniti e il resto dell'Europa non hanno mai superato la dittatura in controllo della Spagna, i redattori mi hanno chiesto di scrivere su alcune degne figure che gli spagnoli potrebbero non sapere. Ecco il primo articolo, su Alan Watts.

I parapsicologi hanno da tempo notato che le persone che sembrano possedere autentiche abilità soprannaturali sono spesso anche degli illusionisti dotati. La supposta spiegazione è che hanno iniziato a usare queste abilità quando erano molto giovani per impressionare e / o offrire assistenza ad amici e parenti – ma a volte le abilità falliscono. Quindi, in una prevedibile manovra compensatoria, hanno fatto ricorso a trucchi e illusioni quando la vera magia non sarebbe venuta. Questo rende difficile studiare queste persone, naturalmente, perché a volte riesci a coglierle nei loro trucchi, il che ti fa dubitare dell'autenticità di ciò che sembra essere veramente misterioso.

Si potrebbe dire che Alan Watts era in qualche modo simile a questi psichici / maghi. Il primo saggio che vedrai in una raccolta chiamata "The Essential Alan Watts" è "The Trickster Guru". La bellezza di Alan Watts è che i suoi trucchi erano così sofisticati e affascinanti che si avvicinavano al livello della magia, e quindi c'era non c'è bisogno di fingere che fossero tutt'altro che trucchi. Lasciatemi spiegare.

Alan Watts era uno dei più noti interpreti delle filosofie orientali per l'Occidente. Ha pubblicato il suo primo saggio sul Buddismo quando aveva solo 20 anni, nel 1935. Quando morì sulla sua celebre casa galleggiante nella Baia di San Francisco, nel 1973, aveva pubblicato più di 25 libri e centinaia di saggi, articoli, conferenze e seminari. La sua vita era un'avventura: era un sacerdote anglicano, studioso buddista, professore di filosofia, consulente presso ospedali psichiatrici e intrattenitore. Era uno scrittore dotato e prolifico, ma non era un uomo che passava la vita seduto da solo in una stanza con una macchina da scrivere. La sua vita ha guidato la sua scrittura molto più di quanto la sua scrittura abbia guidato la sua vita.

Quando scrissi prima che Watts era un po 'un "imbroglione", intendevo dire che capiva davvero l'essenza delle filosofie orientali – in particolare il buddismo Zen – così bene che vedeva l'illusione alla base di tutto , compreso il suo splendore e la sua fama . Quindi i suoi insegnamenti sulle grandi domande: la natura della vita e della morte, dell'amore, della trascendenza, della realtà, della coscienza, e così via – erano tutti infusi dall'umorismo e dall'ironia autoironica. Era, soprattutto, un guru che non prendeva troppo sul serio se stesso, oi suoi insegnamenti. Ad esempio, scrisse che "una persona che crede veramente in Dio non cercherebbe mai di spingere l'idea su qualcun altro, proprio come quando capisci la matematica, non sei un fanatico sostenitore dell'idea che due e due siano quattro".

Terminiamo con le stesse parole di Alan Watt riguardanti l'importanza personale degli umani: "Il punto è che il rapporto con il mondo meravigliosamente privo di scopo della natura ci dà nuovi occhi per noi stessi – occhi in cui la nostra stessa importanza non è condannata, ma vista come qualcosa di diverso da ciò che immagina di essere. In questa luce, tutte le strane e astratte inseguimenti degli uomini sono improvvisamente trasformate in meraviglie naturali dello stesso ordine degli immensi becchi dei tucani e dei buceri, le favolose code degli uccelli del paradiso, i colli torreggianti delle giraffe, e i vivaci colori policromi dei babbuini … Visto così, l'importanza personale dell'uomo si dissolve in una risata ".

Solutions Collecting From Web of "Figure affascinanti: Alan Watts"