Fetish o orientamento? Il caso degli uomini che indossano maschere femminili

Questa settimana nella sua sempre adorabile app di Savage Love per iPhone, l'editorialista di consulenza sessuale sindacato a livello internazionale Dan Savage ha ristampato una domanda da una donna il cui fidanzato "si diverte ad indossare abiti femminili e si comporta come una donna sottomessa quando facciamo sesso". "Niente lo spinge di più. Abbiamo appena iniziato ad esplorare il suo feticcio nell'ultimo anno perché si è vergognato di tutto ciò per tutta la sua vita. L'ho incoraggiato fino ad ora e ora abbiamo un paio di dollari di abbigliamento da donna sexy che si adatta a lui. La scorsa notte mi ha chiesto se poteva indossare una maschera di lattice sul volto di una donna durante il sesso. "

Come si può vedere, il lettore di Dan definì le propensioni del suo fidanzato "il suo feticcio", ma come Dan sottintese nella sua risposta, gli interessi del ragazzo potrebbero essere più come un orientamento sessuale. Qual è la differenza? Nella ricerca sul sesso e nella psicologia clinica, il "feticcio" di solito si riferisce a un oggetto (come un particolare articolo di abbigliamento) o una sostanza (come il lattice) che un individuo trova particolarmente eccitante sessualmente. Al contrario, un orientamento sessuale è più legato al modo in cui siamo collegati all'interazione (o meno) sessualmente con gli altri.

Per curiosità, ho chiesto a Ray Blanchard, ricercatore sessuale, psicologo clinico e professore di Psichiatria all'Università di Toronto, i suoi pensieri sul fidanzato di questo lettore. Ray e io ci siamo davvero incontrati sull'orientamento sessuale forse in questione qui, vale a dire l'autoginefilia, quando ho scritto una storia di polemiche sull'autoginefilia. Autogynephilila si riferisce ad un orientamento sessuale in cui un maschio eterosessuale biologico è sessualmente eccitato all'idea di essere o diventare una donna. Ray ha risposto:

I feticci sono tradizionalmente classificati sotto tre titoli: capi di abbigliamento (ad es. Scarpe, mutandine), materiali particolari (ad es. Gomma, spandex, seta, pelliccia) e parti non genitali del corpo (ad es. Piedi). L'ultimo tipo è talvolta chiamato parzialismo. Mi sono dovuto fermare e pensare un po 'prima di rispondere alla tua domanda se l'uso di maschere di lattice sui volti delle donne fosse un feticcio, perché penso che il confine di ciò che è un feticcio sia un po' sfocato, anche se la definizione tradizionale li specifica come fisici oggetti.

Ray continuò:

Il caso del fidanzato del lettore di Dan illustra in parte perché ho ritenuto necessario, oltre 20 anni fa, sostituire il termine "travestimento" con il termine più ampio "autoginefilia". Quindi, come ora, la tipica definizione psichiatrica del travestitismo si concentrava in modo molto concreto sull'eccitazione sessuale degli uomini dall'indossare, o dal trasformarsi, nell'abbigliamento femminile. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dell'American Psychiatric Association, ad esempio, definisce il travestimento "fantasie ricorrenti, intense e sessualmente eccitanti, impulsi sessuali o comportamenti che coinvolgono il cross-dressing". Alla fine degli anni '80, ero sempre più convinto che , almeno per alcuni uomini, l'idea di essere una donna era centrale per la loro eccitazione erotica, e che gli oggetti specifici che usavano per simboleggiare la loro femminilità erano secondari e intercambiabili.

In altre parole, Ray ha scoperto che queste pratiche assomigliavano molto più a un orientamento sessuale che a un caso di feticismo – di eccitazione a particolari sostanze o oggetti. Ulteriore prova?

Ci sono uomini occasionali le cui fantasie di masturbazione di se stessi come donne sono limitate all'idea di avere il corpo di una donna e non implicano affatto il pensiero dei vestiti femminili. Quindi ho coniato il termine autogynephilia dalle radici greche che significa "l'amore di se stessi come donna" e l'ho definito come la propensione del maschio ad essere eroticamente suscitato dal pensiero o dall'immagine di se stesso come donna. La fantasia autoginefila più comune è quella di avere il seno di una donna, ma sono anche comuni le fantasie di avere una vulva o un volto femminile.

Ma il desiderio di indossare una maschera in lattice sul volto di una donna costituisce un feticcio? Scrive Ray,

A conti fatti, probabilmente sì per la maggior parte delle persone che li usano. Il sito maskon.com ha numerosi video e foto di individui, presumibilmente uomini, che indossano maschere di lattice di volti femminili. I portatori sono sempre vestiti e calati come una donna, quindi il valore di eccitazione erotica della maschera sembra derivare almeno in parte dalla fantasia autogineafica di essere una donna (o essere come una donna) e non completamente dalle proprietà fisiche della maschera come un oggetto.

Ray continua:

D'altra parte, sul sito c'è poco da suggerire che una maschera di lattice sia semplicemente una scorciatoia per passare in pubblico come una femmina biologica o addirittura un aiuto per le tipiche fantasie sessuali autoginefile. L'effetto è sorprendentemente artificiale (come Kerry, il proprietario di maskon annota nel suo consiglio di ospite al lettore di Dan) e la maggior parte degli uomini potrebbe fare un lavoro migliore di passare come donne rasandosi da vicino, pizzicando le sopracciglia e usando il trucco. È possibile che alcuni uomini autoginofilici possano sperimentare con maschere di lattice prima di prendere in considerazione procedure più costose, costose e che richiedono tempo come l'elettrolisi, ma le maschere sarebbero probabilmente una fase di transizione per loro. Il materiale su maskon.com suggerisce che gli uomini che abitualmente usano maschere di lattice nel loro travestimento hanno un particolare tipo di fantasia erotica di se stessi come donne – come donne esagerate, stilizzate, simili a cartoni animati. Infatti, il sito presenta foto di uomini mascherati da donne e vestiti da Batgirl e Spider Woman.

Ray ha concluso:

Non c'è nulla nel concetto di autoginefilia che richieda che un uomo sia sessualmente eccitato all'idea di se stesso come una vera donna. Una volta sono stato coautore di un caso clinico su un uomo sessualmente eccitato all'idea di essere una specie di cane dei cartoni animati. Quindi non c'è nulla che impedisca a un uomo di essere sessualmente eccitato all'idea di essere una specie di donna dei cartoni animati. Certo, la maggior parte degli uomini autoginofilici sono eroticamente eccitati all'idea di essere una donna in carne e ossa, non una donna stilizzata. Alcuni diventeranno transessuali, sottoposti a costosi interventi chirurgici di ricostruzione facciale per rendere i loro volti il ​​più realisticamente femminili possibili.

Se volete leggere di più sul perché Ray Blanchard è venuto a vedere l'autoginefilia come un fenomeno che merita un nome più appropriato di "feticismo travestito", leggi questo articolo. I racconti convincenti in prima persona dell'autoginefilia sono disponibili su The Autogynephilia Portal e nella premurosa autobiografia di Alice / Richard Novic, Alice in Genderland. Ricercatore medico (e autoginofilo autodefinito) Anne Lawrence considera l'autoginefilia una forma di amore romantico in questo documento scaricabile.

Solutions Collecting From Web of "Fetish o orientamento? Il caso degli uomini che indossano maschere femminili"