Feste di festa? Parla con me!

Feste di vacanza Feste di ufficio Feste di Capodanno.
Se hai problemi di udito, il divertimento può anche essere frustrante.
Quello che dico. Scusate? Chi? Dove? Eh?
E poi spero che non si arrendono e se ne vadano.
Sì, voglio dire che ho la perdita dell'udito. Parlami comunque

Ma guardami quando parli, parli chiaramente, non parlare con la bocca piena.

Gli amici e la comprensione della famiglia lo faranno. Ripeteranno, riformuleranno, potrebbero anche sillabare. Un amico tira fuori un taccuino e annota le parole chiave. Mi aiuta se rispondo alle parti della frase che ho ascoltato, così capiscono cosa mi sono perso.

Ma quante volte ho sentito, "Non importa, non è importante"? Forse non lo è, ma voglio ancora sentirlo.

Tuttavia, la costante ripetizione di qualcosa di banale diventa noiosa per chi parla – e per me! – e così, a volte in una situazione sociale, l'ho lasciato andare. Preferirei che la persona continuasse a parlarmi che a capire ogni parola. Sì, in breve, lo faccio finta.

(Questo non è qualcosa che farei in un incontro di lavoro o in una discussione importante, a proposito. È solo per chiacchiere sociali. E prima di iniziare a darmi una lezione, uso dispositivi assistivi, come un sistema FM o Roger Pen A volte ancora non riesco a sentire.)

È saggio? Voglio davvero ascoltare solo una parte di una conversazione? Forse, dipende da chi è l'oratore. Quello che voglio è essere incluso nella conversazione. Voglio essere invitato in posti.

Ma noi, persone con problemi di udito, in particolare i sostenitori come me, dovremmo chiedere i nostri diritti, non sdraiarci e arrenderci. Allora, perché faccio proprio questo: sdraiarsi e arrendermi? Perché accetto solo una parte della conversazione?

Ho una buona ragione. Un enorme pericolo per le persone con perdita dell'udito è l'isolamento. L'isolamento non è buono per la tua salute mentale. Può portare alla depressione e al declino cognitivo.

Se chiedessi chiarimenti su ogni parola, le chiacchiere sociali si impantanerebbero rapidamente. Di conseguenza, potrei non riprovare la prossima volta. Ecco come si verifica l'isolamento.

Per ora, ascolto attentamente, cerco di valutare ciò che voglio veramente sentire e chiedo selettivamente al relatore un chiarimento. Il resto del tempo sorrido e annuisco, oppure aggrotto le ciglia e sospiro, o alzo le sopracciglia, o ridendo in modo apprezzabile. Come faccio a saperlo senza sapere cosa è stato detto? Seguo il volto dell'oratore. Gli indizi sono tutti lì. Naturalmente corro il rischio di una lettura errata del diffusore. Ma questo è un rischio che prenderò per far parlare la gente.

****
Per ulteriori informazioni su come vivere con la perdita dell'udito, leggi i miei libri "Grida non aiuta" e "Vivere meglio con la perdita dell'udito", entrambi disponibili su Amazon.com.

Solutions Collecting From Web of "Feste di festa? Parla con me!"