Fermare il bullismo: perché il genere conta

Sono così stufo dei gruppi conservatori che sono contrari ai programmi educativi che affrontano specificamente questioni di genere e sessualità nelle scuole. Ci sono state controversie recenti a Vallejo, CA e Alameda, in California su questo problema. Sostengono che i programmi generici anti-bullismo sono sufficienti per fermare i comportamenti negativi che accadono tra gli studenti nelle scuole. I programmi antibullismo generici non funzionano – dobbiamo nominare e affrontare specificamente le forme più comuni e dolorose di bullismo che si verificano tra gli studenti per avere un impatto. Scriverò un breve studio di casi basato su una recente serie di seminari che ho tenuto in una scuola superiore per dimostrare il mio punto.

Quando inizio un workshop con un gruppo di studenti, inizio chiedendo loro se hanno visto varie forme di bullismo nella loro scuola. Questo aiuta a familiarizzare con le diverse forme e convalida pubblicamente che questo è un problema che deve essere affrontato nella loro comunità scolastica. Per prima cosa definisco il bullismo come "qualsiasi comportamento, ripetutamente e nel tempo che danneggia intenzionalmente un altro individuo (Olweus, 1993)." Dico quindi degli esempi e chiedo se hanno visto:

* bullismo fisico (inciampare, spingere, bussare libri, ecc.)

* bullismo verbale (chiamare il nome, diffondere voci, raccontare barzellette)

* bullismo non verbale (esclusione, disegno di immagini, gesti, bagliori medi)

* cyber-bullismo (testi, e-mail, post di Facebook, ecc.)

Poi chiedo se qualcuno di questi tipi di bullismo è di natura sessuale, quindi offro una definizione di molestie sessuali: "qualsiasi comportamento indesiderato che ha un impatto negativo sull'obiettivo o sull'ambiente che ha una componente sessuale o di genere" (Terra, 2003). Infine, chiedo loro di votare per quale forma di bullismo vedono di più a scuola. La maggioranza degli studenti vota per "verbale" – è chiaramente la forma più comune che vedono durante il giorno. Il prossimo passo nel laboratorio è un po 'complicato, ma di solito ho un grande successo.

Dico agli studenti di scrivere 3-5 parole che sentono usate più spesso come insulti nella loro scuola. Mi assicuro che sappiano che non si metteranno nei guai per scrivere "parolacce" e poi raccogliere i documenti. Prendo 5-10 fogli di carta casuali e scrivo le parole sulla lavagna e aggiungo segni di spunta ogni volta che viene visualizzata una parola. È importante spiegare che queste parole non dovrebbero essere dette ad alta voce e che le scrivo solo sulla lavagna in modo che possiamo capire meglio perché queste parole fanno male e come possiamo ridurne l'uso a scuola. Di solito emerge un modello molto chiaro. In questi workshop, ho ottenuto risultati simili a quelli che ho avuto in altre scuole. I 5 termini più comuni sono elencati nell'ordine seguente:

  1. puttana
  2. cagna e cagna (legato)
  3. sigaretta
  4. gay

I successivi insulti più vicini (fica e grasso) hanno superato i 15 voti dietro questi cinque termini.

Agli studenti viene quindi chiesto di guardare il tabellone e commentare eventuali tendenze o osservazioni. Ho sempre avuto analisi intelligenti da gruppi a questo punto della sessione. Gli studenti notano generalmente che gli insulti nei confronti delle ragazze sono più comuni e che gli insulti nei confronti dei ragazzi sono di solito anti-gay.

Questo di solito è un buon momento per spostare la conversazione sull'uso dell'espressione "È così gay". Faccio questo proiettando tre brevi annunci di servizio pubblico prodotti da GLSEN come parte della loro campagna Think B4 you speak. Puoi vederli qui. Questi video offrono sollievo comico, potere stellare e un messaggio semplice che può essere rafforzato durante il workshop: è doloroso quando si usano queste parole, quindi "buttatelo".

Ci sono alcune parti aggiuntive del seminario, ma non ne parlerò ora. Ho deciso di condividere una breve panoramica del mio approccio al lavoro con gli studenti sulla prevenzione del bullismo perché ritengo che offra un chiaro esempio del perché dobbiamo parlare esplicitamente di questioni relative al genere e alla sessualità in qualsiasi tentativo di ridurre il bullismo nelle scuole. Senza un dialogo aperto su questi temi e su come questi nomi fanno male, gli studenti continueranno a ripetere ciò che sentono nei loro gruppi di pari e nei media giovanili popolari.

La sessione termina con alcune strategie specifiche che possono utilizzare per diventare "testimoni" attivi invece di "passanti" passivi quando si verificano bullismo o molestie. Praticano frasi di cattura come:

* "Quello è mio amico, taglialo."

* "Se fosse uno scherzo, starei ridendo. Una persona non è una battuta finale. "

* "Perché stai usando la parola 'gay' come un insulto? Non c'è niente di sbagliato nell'essere gay. "

* "Non dovresti diffondere voci. Se non eri lì, non sai se è vero o no, quindi non è la tua storia da raccontare. "

* "Non mi piace quando mi chiami nomi. Questo è bullismo. Se non ti fermi, ho intenzione di segnalarlo. "

Quali sono alcune altre frasi di cattura o strategie di intervento che hai trovato per avere successo? Questo tipo di allenamento è qualcosa che ritieni sia utile per i tuoi ragazzi o la tua comunità scolastica?

Solutions Collecting From Web of "Fermare il bullismo: perché il genere conta"