Ferguson: Perché è così difficile per noi accettare la verità?

Guardiamo costantemente al mondo che ci circonda. Mentre lo facciamo, registriamo milioni di immagini. Quindi interpretiamo ciò che significano e li organizziamo in categorie. Senza dubbio molti di noi capiscono che le nostre interpretazioni variano in funzione della nostra cultura, della nostra politica e di ogni sorta di altre differenze individuali e di gruppo.

Ma non è solo l'organizzazione che differisce. La nostra percezione della realtà è spesso molto diversa da quella degli altri, anche quando fissiamo gli occhi sulla stessa cosa. Questo è in parte il motivo per cui parlare della situazione a Ferguson è frustrante così com'è, anche con i nostri familiari. Di seguito sono riportati quattro insiemi di illusioni percettive che illustrano alcuni dei modi in cui persone diverse (o persino la stessa persona!) Possono vedere la stessa realtà sociale in modo diverso.

 

1. Sfondo / Primo piano o Qual è il focus?

La nostra mente sembra incapace di concentrarsi sullo sfondo e in primo piano allo stesso tempo. Spesso, questo è adattivo. Sappiamo ciò che vogliamo in primo piano e il nostro cervello soddisfa le nostre preferenze. Ma a volte, è il cosiddetto background che potrebbe essere più importante, o almeno altrettanto importante. Cosa vedi nelle immagini qui sotto? Continua a cercare … dovresti essere in grado di vedere anche qualcos'altro.

È importante sottolineare che ciò che vediamo come primo piano rispetto allo sfondo è anche socialmente rilevante. Alcuni giorni fa, gli studenti delle scuole superiori della mia comunità locale stavano organizzando una manifestazione al di fuori della scuola superiore per protestare contro le decisioni del gran giurì della polizia che uccidevano Michael Brown e Eric Garner. Il rally, che è stato approvato dai funzionari della scuola, è stato progettato per essere eseguito sul terreno della scuola ma riversato sulla strada di fronte alla scuola. Mentre gli studenti erano per strada, una donna ha tentato di guidare un'auto attraverso il gruppo di studenti [vedi video]. Gli studenti hanno risposto colpendo l'auto e apparentemente hanno fatto dei danni al vetro. L'evento è stato segnalato dal giornale locale:

Alcuni di loro [studenti] sono entrati in Crescent Drive di fronte alla scuola. Mentre ciò accadeva, un veicolo viaggiava tra la folla. Almeno uno degli studenti ha colpito la finestra del veicolo e causato danni al vetro, secondo la polizia, che è stata chiamata sulla scena. [vedi l'articolo completo]

Nota come l'articolo pone il danno alla macchina in primo piano. L'auto non è stata guidata attraverso il gruppo di studenti, ma in qualche modo "ha viaggiato tra la folla". Ma quando si tratta del danno alla macchina, non è successo. Piuttosto "uno degli studenti ha colpito la finestra del veicolo".

Uno avrebbe potuto legittimamente concentrarsi sul fatto che qualcuno avesse provato a guidare un'auto attraverso un gruppo di studenti in protesta. Probabilmente, questa non è solo la storia più interessante, ma anche quella più interessante, ma se otteniamo le nostre informazioni da una singola fonte, la nostra comprensione della verità sarà necessariamente limitata da un particolare reporter o da una particolare fonte multimediale intenzionale o non intenzionale messa a fuoco.

In molti modi, l'intero discorso / dibattito pubblico su Ferguson può essere visto come un disaccordo su ciò che è (o dovrebbe essere) l'obiettivo primario e ciò che è (o dovrebbe essere) lo sfondo. Per la polizia e i loro sostenitori, l'attenzione si concentra sulla minaccia che Brown e altri pongono sia alla propria sicurezza sia a quella della comunità che pattugliano. Per quelli che si stanno mobilitando e che protestano in altro modo contro la loro morte, il comportamento di Brown e Garner è il fondamento della vera storia, che è il modo in cui la polizia disumanizza (vedendoli come una minaccia piuttosto che come una persona) persone di colore in generale e uomini di colore in particolare .

In particolare, per entrambe le parti, gli incidenti che coinvolgono Brown e Garner sono rappresentativi di un più ampio problema di moralità. Così, sentiamo il linguaggio di "teppisti" e "rabbia nera" – parole intese a portare connotazione negativa – usato per descrivere ciò che alcuni vedono come la natura criminale di certe comunità, anche se la stessa lingua può, altrettanto facilmente, essere usata per descrivere coloro che sostengono e mantengono le strutture che creano insoddisfazione e aggressività in quelle comunità, come dimostrato in questo articolo sulla "rabbia bianca". Persino qualcosa come la mancanza di sottigliezza come la rabbia, a quanto pare, dipende dalla concentrazione dell'attenzione.

 

2. Distanza

Quando siamo lontani da qualcosa, vediamo i tratti generali ma non le linee sottili.

Se guardiamo l'immagine a sinistra, la maggior parte di noi probabilmente vedrà un teschio. Ma se ci avviciniamo, possiamo vedere che in realtà è qualcosa di MOLTO diverso. Questo è vero non solo per quanto riguarda la distanza fisica, ma anche la distanza sociale ed emotiva. Pertanto, gli afroamericani spesso vedono certe cose in modo diverso dagli americani bianchi rispetto alla razza, perché sono molto più vicini ai molti modi in cui il razzismo e il pregiudizio razziale operano nella nostra società. È interessante notare che, sebbene molti di noi non possano presumere di dire a qualcuno che sta molto più vicino di vedere le cose in modo errato, quando si tratta di razzismo, questo è esattamente ciò che accade spesso.

Certo, è possibile avvicinarsi a qualcosa che non è più possibile vederne chiaramente l'interezza. Forse alcuni bianchi pensano che gli afroamericani siano così vicini al razzismo da non essere più in grado di vedere dove inizia e finisce così che la loro intera realtà sembra razzista. Il punto qui non è quello di discernere chi sta vedendo più chiaramente – questo sicuramente differirà da persona a persona e situazione per situazione – ma per sottolineare che la nostra distanza sociale ed emotiva verso qualcosa può avere un forte impatto sulle nostre percezioni.

 

3. Posizione sociale

Non è solo la vicinanza a qualcosa che conta. Il posto da cui stiamo guardando – il punto di vista – conta anche. Nell'immagine qui sotto, entrambi gli uomini stanno percependo e interpretando la loro realtà in modo accurato, tuttavia la loro comprensione di ciò che è "vero" è diversa perché il loro punto di vista è diverso.

Come per la distanza, questo è vero per quanto riguarda le differenze nel luogo sociale come lo è per la posizione fisica. Quindi, genere, razza, religione, classe sociale, orientamento sessuale, ideologia politica e molte altre categorie sociali che modellano le nostre esperienze ci danno tutti i diversi punti di vista, che, a loro volta, determinano, come vediamo (e rendiamo il senso) gli stessi eventi.

In particolare, queste categorie non sono indipendenti l'una dall'altra. Piuttosto, ogni particolare combinazione rappresenta una diversa posizione sociale e, quindi, un diverso punto di vista. Questo è il motivo per cui la politica di rispettabilità è più probabile che venga asserita da gente come Bill Cosby, Charles Barkley e la manciata di altri neri che hanno la fortuna di far parte dell'1% o di aspirare realisticamente ad arrivarci.

Cosby e Barkley non sbagliano nel modo in cui nessuno dei due personaggi dei cartoni animati sopra è sbagliato, e la politica di rispettabilità ha un posto nel discorso pubblico. Ma è chiaro che vedono la loro realtà dal punto di vista della loro posizione sociale e coloro che si trovano altrove hanno probabilmente un'esperienza di razza diversa, specialmente nel contesto della polizia. E non hanno torto neanche loro.

 

4. Proiezione

Quando la situazione non è ambigua, non c'è un'intera interpretazione che deve accadere. Ma quando c'è ambiguità, una persona può solo determinare ciò che vede imponendo (cioè proiettando) il proprio contenuto sul contenuto.

Questo è il principio teorico alla base dei test proiettivi, come Rorschach (inchiostro) e Thematic Apperception Test (TAT). Cioè, ciò che una persona vede in una macchia d'inchiostro rivela un bel po 'della persona e nulla della macchia, perché la macchia è così ambigua che potrebbe essere praticamente qualsiasi cosa. Ottieni sufficienti macchie di inchiostro e i punti dati iniziano a raggrupparsi in temi (ad esempio, insicurezza, aggressività) che rivelano qualcosa di importante sulla personalità della persona.

Situazioni come quella di Ferguson sono abbastanza ambigue da funzionare come una macchia d'inchiostro. Spesso, vediamo non tanto ciò che è effettivamente lì, ma ciò che noi (spesso inconsciamente) aspettiamo o vogliamo essere lì. Cioè, quando la situazione è sufficientemente ambigua, piuttosto che vedere un'altra persona, vediamo qualche aspetto di noi stessi. E rispondiamo di conseguenza, non diversamente dall'artista nell'immagine qui sotto.

L'attrazione di questa illusione è la scoperta che l'autoritratto del coniglio può, infatti, rappresentare con precisione l'anatra. Ma proprio come la strategia "dipingi me stesso" difficilmente funziona per ogni sessione di studio con ogni soggetto, è improbabile che la proiezione rappresenti la realtà in modo preciso nella maggior parte delle circostanze.

Il problema è che la proiezione è un processo inconscio e, quindi, non intenzionale. Di conseguenza, è difficile superarlo intenzionalmente. Ma difficile non è impossibile. La chiave sembra essere capire abbastanza bene da prevedere ciò che è probabile che proiettiamo sugli altri. Gli strumenti sviluppati dagli psicologi, come l'Implicit Association Test, possono aiutarci a farlo rivelando a noi i nostri pregiudizi impliciti, compresi i pregiudizi razziali, che abbiamo (spesso involontariamente) presi dalla società.

Questo è importante perché i pregiudizi impliciti tendono ad influenzare il nostro comportamento in ogni tipo di situazioni ambigue. Nel caso degli agenti di polizia, è la migliore spiegazione del perché gli ufficiali riportano di aver visto una pistola invece dell'oggetto innocuo (ad esempio, telefono, bibita) che la persona stava effettivamente trasportando. Le conseguenze, come descritto in questo pezzo in Mother Jones, possono essere tragiche.

Ma non sono solo i poliziotti a cadere vittima di questo tipo di proiezione. Lo facciamo tutti. Di fatto, gran parte del razzismo in questi giorni viene perpetrato non da autoproclamati razzisti, ma da benintenzionati americani che, inconsapevoli del loro pregiudizio razziale, percepiscono un evento ambiguo e stressante in un modo coerente con il loro pregiudizio, anche se la loro mente cosciente rifiuta attivamente lo stesso pregiudizio.

Gli studi psicologici dimostrano che possiamo insegnarci a scavalcare il pregiudizio implicito, ma questo è un argomento per un altro articolo.

__________________________________________

Per un'analisi più razziale delle notizie e della cultura popolare, iscriviti al Tra le linee | Pagina Facebook e segui Mikhail su Twitter.

Licenza Creative Commons Questo lavoro è concesso in licenza con licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported.

Solutions Collecting From Web of "Ferguson: Perché è così difficile per noi accettare la verità?"