Felicità ed età

Una vista personale

Un recente sondaggio Gallup ha rilevato che generalmente le persone diventano più felici quando invecchiano. Pubblicato due settimane fa, il sondaggio rivela: "Worry rimane abbastanza costante fino a 50, quindi diminuisce drasticamente. . . . Il godimento e la felicità diminuiscono entrambi gradualmente fino a raggiungere i 50, aumentano costantemente per i prossimi 25 anni, per poi diminuire leggermente alla fine, ma non raggiungono mai il punto più basso dei nostri primi anni '50. "(Vedi," La felicità può arrivare Età, dice lo studio. ")

I ricercatori hanno cercato senza successo di collegare i risultati a quattro variabili: genere, convivenza con figli, partner e impiego. Quindi la spiegazione non è ovvia. Ma permettimi di offrire una visione personale.

La nostra cultura dà un premio al successo. Per prendere il nostro posto nel mondo, abbiamo bisogno di obiettivi e, inevitabilmente, sentiamo la pressione per raggiungerli. Ma, invecchiando, questa pressione diminuisce. Ciò avviene in due modi: in realtà ci avviciniamo al raggiungimento dei nostri obiettivi mentre lavoriamo e lottiamo per comprendere meglio ciò che è possibile ottenere. Impariamo il mondo. E, poi, quegli obiettivi originali perdono la loro forza. Nuove esperienze portano ad altri obiettivi e interessi. Acquisiamo una migliore comprensione di ciò che conta e ciò che vogliamo veramente.

In breve, invecchiando, abbiamo l'opportunità di accettare chi siamo, invece di concentrarci su chi sentiamo di dover diventare. Ci rilassiamo nell'essere noi stessi. Le nostre facce cominciano a sembrare quelle che siamo. E il mondo si sistema in modelli sempre più familiari. Questa accettazione porta a una diminuzione dell'ansia e ad un più alto grado di divertimento.

Non sto parlando solo delle ambizioni professionali, ma del tipo di obiettivi della vita che sono comuni alla maggior parte di noi: crescere i figli, possedere una casa, avere un lavoro decente, diventare competenti in qualche abilità, ripagare i nostri genitori, aiutare gli altri, prendersi cura di loro per gli animali, dare un contributo alle nostre comunità, essere un buon amico. Potrei andare avanti, ma tali ambizioni sono la roba della vita. Quando iniziamo, non sappiamo per certo cosa possiamo ottenere. Sentiamo che l'urgenza non fallisce, non solo per ottenere l'approvazione degli altri, ma anche per approvare noi stessi riuscendo a ciò che apprezziamo, facendo ciò che possiamo. Ma non è fino a quando non siamo più grandi che cominciamo a sentire che siamo arrivati ​​lì.

Non tutti ci arrivano, ovviamente. Ostacoli emotivi, insicurezze e ambivalenze si intromettono. Così fanno gli incidenti di vita, guerra, battute d'arresto finanziarie e malattie. E alcuni sono più fortunati di altri nel trovare opportunità. Ma, in generale, le statistiche migliorano come molti di noi vengono a patti con i nostri obiettivi. La mia impressione è che il punto di non ritorno si verifichi, in media, nei primi anni Cinquanta.

Non possiamo lavorare direttamente per essere felici. È un sottoprodotto di una vita soddisfacente, una vita ben vissuta. Ma miglioriamo nel vivere le nostre vite e questo fa aumentare la felicità.

Solutions Collecting From Web of "Felicità ed età"