Fede e ragione

Uno degli aspetti costantemente sconcertanti della vita sul pianeta Terra è l'assunzione che la maggior parte degli esseri umani sembra fare quella fede (di solito, ma non necessariamente, la varietà religiosa) è una virtù. Questo atteggiamento bizzarro – solo per aggiungere la beffa al danno – viene spesso accompagnato dall'idea altrettanto strana che in qualche modo troppa ragione fa male a te. Perché?

Fede significa che si crede a qualcosa indipendentemente o anche nonostante le prove. Questo, dovrei pensare, è così irrazionale e potenzialmente così dannoso per la salute, che educatori e politici sarebbero molto preoccupati alla prospettiva di una nazione in cui la fede fosse lodata e incoraggiata. Voglio dire, supponiamo di dirti che ho fiducia nel mio meccanico, ma poi scopri che il ragazzo non sa nulla delle macchine, non può mai averne una fissa, e per di più mi carica migliaia di dollari ogni volta che lo vedo. Saresti indignato con lui, forse fino al punto di chiedere un'azione legale contro il furfante, e avresti pietà di me per essere stato così sciocco. Ora sostituisci una delle parole "Preacher", "Pope", "Imam" o anche "Guru" per il meccanico nell'esempio sopra, cambia la cura della mia macchina per la cura della mia anima (qualunque cosa sia), e improvvisamente ottieni il fenomeno della forte difesa sociale e legale del concetto di religione organizzata. Come è matto?

Ma Massimo, la gente di solito mi chiede ogni volta che viene pronunciata la f-word, non credi in qualcosa? No, dico, una negazione che viene immediatamente soddisfatta sia per lo smarrimento che per la commiserazione. Ad esempio, non ho fiducia in mia moglie? No, mi fido di lei perché la conosco e so che lei mi ama. Che dire della fede nell'umanità, visto che io dichiaro di essere un umanista laico? No, ho speranza per il destino umano, e anche questo è seriamente mitigato dalla mia consapevolezza della sua storia tutt'altro che stellare.

Ah, ma io credo nell'evoluzione, no? Sì, lo so, ma noto il passaggio tra "fede" e "credenza", due parole che non significano necessariamente la stessa cosa. Una credenza è qualcosa che si pensa sia vera, ma le credenze – a differenza della fede – possono essere mantenute in proporzione alle prove disponibili e alle ragioni a loro favore. Io "credo" in evoluzione perché le prove sono schiaccianti. Non ho fiducia nell'evoluzione.

Va bene, allora, l'insopprimibile difensore della fede potrebbe dire, che dire della tua accettazione di cose che non puoi provare, né logicamente né empiricamente, come se ci fosse un mondo fisico là fuori (invece che l'universo sia una simulazione nella mente di qualcuno) ? Non è quella fede? No, è un'ipotesi ragionevole che io adotti per ragioni puramente pragmatiche, perché sembra che se uno lo rifiuta, le cose apparentemente peggiori gli capiteranno (come spaccarsi il cervello per terra mentre crede di poter volare via da un grattacielo).

I fedeli esasperati concluderanno che la mia vita deve essere priva di emozioni e che io sono – ancora una volta – meritevole di pietà e commiserazione più di ogni altra cosa. Ma naturalmente questa è un'altra confusione comune che non regge all'esame: la mia vita è emotivamente ricca come chiunque altro, penso, in accordo con la conclusione del filosofo David Hume e del neurobiologo Antonio Damasio che una sana esistenza umana richiede un equilibrio tra ragione ed emozione. Senza ragione, non saremmo stati in grado di costruire la nostra complessa civiltà; ma senza emozione non ci sarei fregato di realizzare nulla. Tuttavia, mentre la fede è ovviamente emotiva, non è un sinonimo di emozione; il secondo è necessario, il primo è parassitario.

Che dire di questa pazza idea che in qualche modo viviamo in una società iper-razionale che è già troppo oppressa dal trionfo della ragione? Se lo siamo, è difficile distinguere questa società da una società iper-irrazionale dominata dalla fede. Questa presunzione che troppa ragione sia cattiva è un residuo della reazione romantica all'Illuminismo, la cosiddetta "età della ragione" (che durò troppo brevemente e durante il quale si udì la ragione, ma non si dominavano le vicende umane). Se si vuole avere una buona misura di quanto poco ragionamento gioca nella nostra società, si deve solo ascoltare per un giorno ciò che la maggior parte dei nostri politici dice, o quello che scrive la maggior parte dei nostri giornalisti, per non parlare ovviamente del sorprendente esperienza spaventosa di ascoltare semplicemente le conversazioni delle persone in metropolitana o al lavoro.

Spesso ci viene detto con un certo grado di compiacimento che dobbiamo andare "oltre la ragione", anche se quella frase è pronunciata da persone che probabilmente non sarebbero in grado di passare la logica 101. Ora, questo non vuol dire che la ragione è sconfinato, tanto meno che è un garante della verità. La ragione è uno strumento, modellato dalla selezione naturale per affrontare problemi in gran parte banali di sopravvivenza e riproduzione in un tipo specifico di ambiente fisico e sociale. Ma sembra funzionare molto bene anche quando si tratta di dimostrare complessi teoremi matematici, di costruire ottime ipotesi su come l'universo è stato avviato, e persino di fornirci una guida decente su come condurre gli affari umani massimizzando la giustizia e riducendo al minimo le uccisioni – almeno in teoria!

La fede non ci porta oltre la ragione, come ampiamente dimostrato dal fatto che non un singolo problema – sia esso scientifico, filosofico o socio-politico – è mai stato risolto o anche lievemente migliorato dalla fede. Al contrario, la fede ha una brutta tendenza a farci ingannare da noi, sprecare le nostre energie, tempo e risorse all'inseguimento che non migliorano la condizione umana, e nel peggiore dei casi convince le persone a guidare gli aerei nei grattacieli o a montare "Sante" crociate per massacrare "l'infedele". La fede non è una virtù, è un ripudio di una delle poche cose buone che gli esseri umani hanno per loro: un po 'di ragione.

Solutions Collecting From Web of "Fede e ragione"