Fear + Disgust = Horror entomologico

 Alvesgaspar
Fonte: Wikimedia Commons: Alvesgaspar

Delle sette o così universali emozioni, due sono avversive. Sia la paura che il disgusto sono comunemente evocati dagli insetti. E mentre gran parte di ciò che sappiamo sul funzionamento della paura viene dallo studio degli entomofobi, sta diventando meno chiaro che tali individui sono semplicemente spaventati.

C'è un forte legame tra la sensibilità al disgusto e la paura dei ragni. A seguito di un trattamento di successo, i pazienti non hanno solo paura, ma mostrano una marcata riduzione del disgusto verso i ragni. Ma perché queste emozioni sono così difficili da isolare nella pratica? Nessuno si sentirebbe disgustato arrivando sul bordo di un precipizio o temendo una pozza di vomito. Ma quando si tratta di uno scarafaggio sotto il lavandino o di un ragno nel seminterrato, siamo sconcertati. Sono stati proposti cinque quadri esplicativi.

Innanzitutto, il "modello di imprecisione" si basa sul fatto che gli psicologi hanno scoperto che le persone sono spesso insicuri su come etichettare le proprie emozioni (in particolare quando sono moderate) e gli insetti spesso presentano stimoli complessi che generano emozioni complicate.

Un'altra spiegazione è il "modello di sinergia" in cui la paura e il disgusto si alimentano a vicenda. Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che la paura dei ragni amplifica il disgusto. E può anche accadere il contrario. Gli individui che sono disgustati dagli insetti evitano la vicinanza a questi organismi e quindi perdono opportunità per esperienze innocue che minano la loro paura concomitante.

Terzo, è il "primo modello della paura" che sostiene che il disgusto ha origine nella paura. Secondo questa teoria, la paura è una risposta al pericolo o alla contaminazione – e quest'ultima è disgusto. Questa visione fornisce una visione comune di una manifestazione del disturbo ossessivo-compulsivo: ripetute pulizie in risposta alla paura della contaminazione.

Il prossimo modello di genesi dell'avversione inverte la precedente formula psicologica. Nel "modello della genesi dell'avversione", le paure sono radicate nel disgusto. Se un individuo prova disgusto, è probabile che interpreti i movimenti della parte della creatura come minacciosi, creando così il terreno per la paura. E la preponderanza delle prove scientifiche supporta un mutualismo così emotivo.

Infine, il "modello horror" sostiene che a volte né "paura" né "disgusto" sono una descrizione sufficiente. Quando incontriamo uno scarafaggio, possiamo percepire che non c'è scampo fisicamente o psicologicamente. Se prendiamo il volo (la paura comporta la rimozione di noi stessi dall'oggetto) e lasciamo la stanza, la creatura rimarrà nella nostra cucina. E se proviamo a calpestare l'insetto (il disgusto comporta la rimozione dell'oggetto dalla nostra presenza) è probabile che la creatura ci sfugga. Anche se riusciamo a schiacciarlo, con l'appiccicosa sottigliezza viscida e l'odore di urina stantio, sappiamo che non c'è mai un singolo scarafaggio. Il termine per un tale disgusto impregnato di paura è l'orrore – il senso di essere respinti senza essere in grado di prendere le distanze dal corpo o dalla mente.

La mente infestata, davvero.

Solutions Collecting From Web of "Fear + Disgust = Horror entomologico"