Farmacoterapia di personalità borderline: medicina o caos

Fino alla fine del XX secolo, i disturbi di personalità erano ritenuti impermeabili a qualsiasi intervento farmacologico. Le caratteristiche della personalità erano percepite come croniche, radicate e incoerenti con le teorie neurobiologiche dell'intervento. Nel migliore dei casi, potrebbero essere affrontati sintomi minori, concomitanti, come ansia o depressione. Tuttavia, è stato presto osservato che il trattamento con i vecchi antidepressivi triciclici (come Elavil o Tofranil) ha effettivamente peggiorato i sintomi borderline, con conseguente controllo emotivo minore, non più. Allo stesso modo, i farmaci anti-ansia (Valium, Xanax, ecc.) Hanno spesso ridotto il controllo degli impulsi e hanno esacerbato i sintomi.

antidepressivi
Gli inibitori del reuptake della serotonina (SRIs), sviluppati per la depressione, hanno dimostrato il beneficio per specifici sintomi borderline, anche in assenza di caratteristiche depressive tipiche. Oltre ad alleviare sentimenti di vuoto, instabilità dell'umore e ansia, gli SRI (come Prozac, Zoloft, Paxil, Lexapro, ecc.) Hanno dimostrato di diminuire le esplosioni di rabbia e l'impulsività autodistruttiva. Alcuni studi hanno stabilito che le dosi significativamente più alte di quelle solitamente efficaci nel trattamento della depressione erano ottimali nel trattamento della BPD. Un'altra, vecchia classe di antidepressivi-inibitori delle monoaminossidasi (MAOI, come Nardil o Parnate) è stata anche efficace nel trattamento.

antipsicotici
I farmaci più vecchi (Thorazine, Haldol, Stelazine, Navane) e più recentemente sviluppati (Zyprexa, Risperdal, Seroquel, Abilify) in questa classe sono stati particolarmente utili nell'affrontare sintomi di paranoia, dissociazione e altre distorsioni cognitive e percettive. Inoltre, gli antipsicotici, di solito a dosi molto basse, possono alleviare sentimenti di rabbia, aggressività, ansia, impulsività e instabilità dell'umore.

Stabilizzatori di umore
Questo gruppo di farmaci comprende farmaci antiepilettici (Depakote, Tegretol, Lamictal, ecc.) E litio. Questi farmaci, a dosi normali, aiutano a ridurre l'impulsività, l'aggressività, l'irritabilità e l'instabilità dell'umore.

La "Linea guida pratica per il trattamento dei pazienti con disturbo borderline di personalità" dell'American Psychiatric Association (2001) raccomanda che quando i farmaci vengono utilizzati per integrare la psicoterapia, essi dovrebbero indirizzare un cluster di sintomi specifico. Le linee guida dividono i sintomi della BPD in tre gruppi principali:
Instabilità dell'umore,
Impulse Dyscontrol e
Distorsioni cognitive-percettive.

Gli SRI, di solito a dosi elevate, sono il solito primo approccio farmacologico ai primi due gruppi. A volte gli SRI possono essere integrati con antipsicotici e / o stabilizzanti dell'umore. Gli antipsicotici sono l'intervento iniziale per i sintomi primari di distorsioni della cognizione o percezione.
Sono stati anche esplorati altri medicinali e alcuni preparati omeopatici. Per una discussione più completa sulla farmacoterapia della BPD, consultare l'edizione 2010 di I Hate You, Do not Leave Me.

Solutions Collecting From Web of "Farmacoterapia di personalità borderline: medicina o caos"