Farmaci antipsicotici che prescrivono in modo sicuro

I farmaci antipsicotici sono prescritti dai medici per un'ampia varietà di disturbi psichiatrici. Gli antipsicotici più vecchi includono farmaci come la clorpromazina e l'aloperidolo. Vi è un numero crescente di farmaci antipsicotici di nuova generazione tra cui risperidone, olanzapina, quetiapina e aripiprazolo. Studi recenti suggeriscono che c'è stato un aumento sostanziale nell'uso di farmaci antipsicotici e mettono in evidenza le preoccupazioni riguardo agli effetti collaterali e ai rischi associati a questi farmaci.

I farmaci antipsicotici sono stati prescritti dagli anni '50. I loro effetti possono essere drammatici nell'aiutare a controllare i sintomi psicotici come allucinazioni (sentire voci, vedere visioni) e deliri (tenendo credenze fisse che non sono vere). I sintomi psicotici possono essere associati a malattie come la schizofrenia, il disturbo bipolare e un sottotipo di depressione noto come depressione psicotica. Sintomi psicotici possono verificarsi anche in pazienti con altre malattie tra cui demenze come il morbo di Alzheimer. Sebbene i farmaci antipsicotici possano aiutare a migliorare i sintomi psicotici associati alle demenze, funzionano meno bene che nella schizofrenia, nel disturbo bipolare o nella depressione psicotica. È importante sottolineare che i pazienti più anziani con demenza sono ad aumentato rischio di gravi effetti collaterali da tali farmaci, tra cui la morte. L'uso a breve termine di antipsicotici può spesso aiutare a calmare i sintomi psicotici nei pazienti con malattia di Alzheimer, ma gli effetti collaterali del loro uso per periodi di tempo più lunghi possono causare più danni che benefici.

I medici ora prescrivono farmaci antipsicotici per vari tipi di disturbi d'ansia, disturbi alimentari e disturbi della personalità. Sebbene i singoli pazienti possano mostrare miglioramenti, vi sono prove limitate a sostegno dell'uso di questi farmaci per queste condizioni. Quindi, la decisione di raccomandare questi medicinali per tali condizioni deve essere considerata attentamente alla luce degli effetti collaterali significativi associati ai farmaci antipsicotici.

Sulla base dei loro effetti antidepressivi, alcuni antipsicotici sono approvati dalla FDA per l'uso in pazienti depressi che già assumono più tipici farmaci antidepressivi. Questo è un esempio di una strategia di "potenziamento" in cui un farmaco (in questo caso un antipsicotico) viene utilizzato per migliorare gli effetti di altri farmaci (in questo caso un farmaco antidepressivo). Esistono già varie strategie di aumento che utilizzano farmaci non antipsicotici per aumentare l'efficacia degli antidepressivi. Quando un medico raccomanda un farmaco antipsicotico per un paziente con una depressione non psicotica, i rischi e i benefici devono essere attentamente valutati e confrontati con i rischi ei benefici di altre strategie di aumento.

Come già accennato, i farmaci antipsicotici possono avere notevoli effetti collaterali. Alcuni di questi farmaci sono associati a disordini involontari del movimento (ad es. Parkinsonismo, discinesia tardiva e distonia). Alcuni possono causare un sostanziale aumento di peso e possono influenzare negativamente i livelli di zucchero nel sangue e i livelli di lipidi nel sangue. Negli anziani, questi farmaci sono associati a maggiori possibilità di morte e ictus. Questi sono potenti farmaci che hanno rischi potenzialmente gravi. Non dovrebbero essere prescritti casualmente. Di fronte a queste preoccupazioni, è interessante vedere come l'uso di questi farmaci sia cambiato nel tempo.

Un recente studio dell'Archives of General Psychiatry di Mark Olfson e colleghi ha riportato un marcato aumento del numero di visite all'ambulatorio medico durante il quale è stato prescritto un farmaco antipsicotico. Nei bambini, il tasso è aumentato di 7 volte tra la metà degli anni '90 e il 2005. Negli adolescenti, l'aumento è stato di oltre 4 volte. Negli adulti, il numero di visite durante le quali è stato prescritto un farmaco antipsicotico è quasi raddoppiato. Associato a questo aumento è stato l'uso crescente di questi farmaci per le malattie per le quali ci sono dati limitati sulla loro efficacia.

Un altro articolo importante è stato recentemente pubblicato sul Journal of Clinical Psychiatry di Dilip Jeste, attuale presidente della American Psychiatric Association, e colleghi. Questi autori hanno notato che il 62% di tutte le prescrizioni antipsicotiche coinvolgono persone oltre i 40 anni. Questi ricercatori hanno arruolato pazienti in questa fascia di età che stavano già assumendo un farmaco antipsicotico o che stavano per essere prescritti a tale medicinale. I pazienti venivano trattati per una varietà di malattie, tra cui la schizofrenia, il disturbo schizoaffettivo, la depressione psicotica, il disturbo da stress post-traumatico e la demenza. I pazienti (con il consenso dei loro medici) hanno accettato di essere assegnati a uno dei farmaci di nuova generazione (risperidone, olanzapina, aripiprazolo e quetiapina). I ricercatori non hanno trovato alcun miglioramento nei sintomi psicotici in due anni di follow-up. (Naturalmente, è possibile che il deterioramento si sia verificato senza il farmaco.) Circa l'80% dei pazienti ha interrotto il trattamento assegnato, il 50% entro i primi 6 mesi. La metà ha lasciato cadere il farmaco originale a causa di effetti collaterali e un altro 27% a causa della mancanza di effetto. Molti pazienti sono stati quindi passati a un altro antipsicotico.

In modo preoccupante, oltre un terzo dei pazienti che non avevano una sindrome metabolica quando sono entrati nello studio ha sviluppato una tale sindrome durante il primo anno di assunzione dell'antipsicotico. Questo è in aggiunta al 50% che è entrato nello studio con una sindrome metabolica esistente. Cos'è una sindrome metabolica? È una combinazione di fattori di rischio che predispongono una persona allo sviluppo di malattie cardiache, diabete e ictus. Questi fattori di rischio includono ipertensione, circonferenza della vita grande, aumento degli zuccheri nel sangue a digiuno e livelli anormali di colesterolo. Inoltre, circa il 24% dei pazienti in questo studio ha sviluppato altri gravi effetti collaterali. Alcuni hanno avuto ictus o sono morti. Sebbene non sia noto se questi esiti avversi derivino direttamente dal farmaco antipsicotico, altri studi condotti su pazienti anziani con demenza hanno rilevato che le percentuali di ictus e morte sono aumentate sostanzialmente nelle persone che assumevano questi farmaci.

Jeste e colleghi hanno indicato che gli antipsicotici possono essere utili nel trattamento delle persone di mezza età e degli anziani, ma, ove possibile, le basse dosi devono essere utilizzate per un periodo di tempo breve come è clinicamente indicato e i pazienti devono essere monitorati attentamente per gli effetti collaterali.

In conclusione, i dati suggeriscono che l'uso di farmaci antipsicotici è aumentato drasticamente. Oltre ad essere utilizzati per malattie che hanno dimostrato di rispondere a questi farmaci, vengono sempre più prescritti per malattie per le quali esistono prove limitate a supporto del loro uso. I rischi degli antipsicotici sono notevoli, specialmente nei pazienti più anziani con funzione cerebrale compromessa. In questa popolazione possono verificarsi gravi effetti collaterali, tra cui la possibilità di ictus e aumento dei tassi di morte.

Vogliamo sottolineare che gli antipsicotici sono potenti farmaci che possono essere salvavita quando utilizzati per motivi appropriati. Tutti i farmaci hanno rischi e benefici. I medici dovrebbero aiutare i pazienti e le loro famiglie a determinare se i potenziali benefici di un particolare farmaco superano i potenziali rischi.

Questa colonna è stata co-scritta da Eugene Rubin MD, PhD e Charles Zorumski MD

Solutions Collecting From Web of "Farmaci antipsicotici che prescrivono in modo sicuro"