Fare qualcosa dal nulla

"L'affermazione 'I am an artist' è un forte contrappeso alle associazioni negative di 'I am a criminal' o 'I am a prisoner.'" Thompson, 2003.

Jimmy, un detenuto di 45 anni – che sembrava dieci anni più vecchio – era in prigione per omicidio colposo. Era stato in prigione per diversi anni prima di essere inviato all'unità di salute mentale per pensieri suicidi. Ben presto divenne chiaro che da quando era stato imprigionato era stato avvantaggiato da altri detenuti e ignorato dal personale della prigione. Ben presto tendeva a "fondersi sullo sfondo" per evitare di attirare l'attenzione negativa. Alla fine ha perso tutto il senso di sé. E 'stato inserito nel gruppo di arteterapia mentre raramente si è fidanzato con l'altro staff di salute mentale.

In una sessione, al gruppo è stato chiesto di prendere carta bianca e colla e "trarre il massimo dal nulla", creando una scultura di carta; potrebbe essere qualsiasi cosa – qualcosa di riconoscibile o astratto. Questo è simile alla loro esperienza in prigione: entrano nella prigione spogliati di tutto e per riuscire devono trarre il massimo dal nulla.

Mentre i membri del gruppo erano titubanti all'inizio, si fidanzarono. Ben presto si resero conto che, nonostante gli stessi materiali limitanti, tutti i prodotti finali erano considerevolmente diversi.

Jimmy era orgoglioso di sottolineare la sua forma unica. Tutti erano. Facendo così, i membri stavano rafforzando attraverso un'espressione positiva, la loro identità unica, che era stata erosa durante il loro periodo di detenzione (Gussak, 1997).

Uno dei modi in cui le carceri controllano le loro popolazioni è oggettivando i detenuti: è più facile controllare quelli che sono visti come inferiori o subumani (Fox, 1997). Essenzialmente, sono spogliati della loro identità, etichettati con numeri, richiesti a tutti di indossare gli stessi vestiti. Sono visti come nulla e rimarranno tali. Devo confessare, posso vedere come questo possa sembrare un valido strumento per la sicurezza. Tuttavia, tali dinamiche sono dannose per il cambiamento e la salute mentale e possono ostacolare la vera riabilitazione. Ciò che alla fine emerge è una persona che si ribella contro tale trattamento, diventa violenta, aggressiva, manipolatrice o sviluppa un senso di apatia e distanza. O diventa ritirato e asociale, o sviluppa tendenze sociopatiche.

Dire a un detenuto di non essere semplicemente un "prigioniero", ma un individuo con identità e problemi distinti e separati non può sfidare tali dinamiche; ha bisogno di impegnarsi in esperienze positive che lo dimostrino, esperienze che rafforzano la sua distintività e individualità senza renderlo ovvio. Questo renderà meno probabile che il detenuto si ribelli contro i partecipanti. Immagina di dire a un detenuto, indurito dal sistema, di aver perso la sua identità, il suo senso di individuazione? Inoltre, la sub-cultura, così coinvolta nelle dinamiche create, perpetua il ciclo di auto-degrado. Se un detenuto maschio cerca di avere successo all'interno del sistema, altri detenuti potrebbero picchiarlo. (Questo è abbastanza diverso da un carcere femminile, che sarà trattato in un prossimo post). Artmaking smentisce questa tendenza; quelli che possono creare hanno un bene degno, una competenza riconosciuta ed invidiabile. Se la loro arte è accettata, sono accettate. L'arte terapeuta può trarne vantaggio e usa l'arte per ristabilire un'identità superiore a quella di "detenuto". "Le arti in prigione sembrano un modo per rendere le persone degne di considerazione" (Brown, 131).

Rimane la domanda, tuttavia, che i prigionieri (per non parlare delle loro opere d'arte) siano degni di considerazione?

L'arte permette ai detenuti di ridefinirsi. Come ha affermato un detenuto, "Ho ancora qualcosa da contribuire". Alla fine causare una trasformazione o un cambiamento positivo, i detenuti prima di tutto possono trarre beneficio dall'arte usandolo per "rimanere umani in un ambiente disumano" (Brown, 2002, p 28).

Come Brown (2002) ha indicato, quando cita la Dichiarazione di scopo del servizio carcerario della Gran Bretagna , la prigione può servire i trasgressori "aiutandoli a vivere in condizioni di vita rispettose della legge e utili in custodia e dopo il rilascio" (p.26). Come terapeuta in carcere, uno dei miei ruoli era quello di aiutare il detenuto a superare le etichette dannose imposte a lui, e alla fine riuscire il sistema sviluppando un'identità distinta e unica in grado di prosperare in modo indipendente.

Brown, M. (2002). Dentro l'arte Winchester, Regno Unito: Waterside Press

Fox, WM (1997). L'arma nascosta: psicodinamica delle istituzioni forensi. In D. Gussak & E. Virshup (a cura di), Tempo di disegno: Arteterapia nelle carceri e altre impostazioni correzionali (pagine 43-55). Chicago, IL: Magnolia Street Publishers.

Gussak, D. (1997). L'ultima arma nascosta: la terapia artistica e l'opzione di compromesso In D. Gussak ed E. Virshup (a cura di), Tempo di disegno: Arteterapia nelle carceri e altre impostazioni correzionali (pp. 59-74). Chicago, IL: Magnolia Street Publishers.

Thompson, J. (2003). Principi dubbi nelle arti in prigione (pp. 40-61). In RM Crane Williams (a cura di) Teaching the Arts Behind Bars . Boston, MA: Northeastern University

Solutions Collecting From Web of "Fare qualcosa dal nulla"