Fare nuovi amici a scuola

Alle quattro, la maggior parte dei bambini ha i migliori amici e sa quali dei loro coetanei fanno la loro lista di amici e quali no. A volte sanno anche perché. Sanno chi ammirano, si impegnano e si sentono bene con i loro colleghi sapendo che sono amici. Come genitori, ci piace vederlo accadere perché sappiamo cosa significano i nostri amici per noi e che la gioia di crearne una nuova non scompare mai. Sappiamo anche che i bambini apprendono le verità indispensabili su se stessi da come i loro amici li trattano; cose che non possono imparare a casa – lealtà, altruismo, fiducia, ferita, perdono – nello stesso modo. Inizia presto, perché richiede molta pratica. Per uno, i bambini diventano capaci di attività condivise con compagni di età, di solito intorno alla condivisione – o meno – di oggetti giocabili. I prossimi 8-12 mesi iniziano a imitare il gioco l'un l'altro con tali oggetti e iniziano la strada dell'attività cooperativa, o almeno coordinata. A due, gli oggetti cominciano a perdere valore rispetto a quelli della relazione sociale stessa. A tre, gli "amici" si dilettano a vicenda avendo integrato gli aspetti verbali e non verbali del gioco coordinato. Intorno a questo momento, appaiono le preferenze di genere; i ragazzi tendono generalmente verso gruppi più grandi sottolineando il salvataggio, la competizione e il gioco ruvido e violento. Le ragazze generalmente preferiscono piccoli gruppi, con temi di relazione, conversazione e cooperazione come punto centrale.

L'arrivo del gioco di finzione tra 3 e 4 cambia tutto. Ora c'è uno scopo dedicato all'amicizia – l'esplorazione reciproca della fantasia attraverso copioni condivisi, sentimenti, sequenze ripetute e padronanza degli avvenimenti della vita attraverso il gioco – il secondo è particolarmente difficile da fare da soli. Non ci si può aspettare che un amico soddisfi le esigenze di amicizia di un bambino a tutti i livelli, quindi potrebbe avere un amico che è per lo più compagnia, un altro per l'intimità e un altro per giochi stupidi. Quindi questo è il lato naturale della creazione di nuovi amici; quale lato nutrizionale?

Anche inavvertitamente, i genitori modellano la creazione di nuovi amici nella vita dei loro figli; dove hanno scelto di vivere, le loro reazioni alle avventure sociali e alle disavventure dei loro figli, il valore che mettono sul posto dei loro migliori amici nella loro vita fanno tutti parte del fondamento dell'amicizia. Ma il supporto deve essere pubblicitario. Essere socievoli apre le porte alla creazione di amici, così i genitori possono …

1) fornire opportunità regolari e supervisionate per le interazioni tra pari che supportano la creazione di amicizia; giocare a gruppi, avere le famiglie a cena, o condividere attività e aiutare i bambini a essere sociopolitici. Essere socioprofessionali (avviare conversazioni, inviti a giocare) è noto per essere più importante nel fare nuove amicizie che semplicemente non essere aggressivi;

2) in realtà allenatore o modello per i vostri bambini piccoli in gioco cooperativo e comunicazione in questi contesti perché non viene naturale a tutti;

3) parla con l'insegnante di chi è il migliore amico di tuo figlio (al momento), facendogli sapere l'importanza di tali relazioni per farti conoscere entrambi. Uno studio di Chapel Hill ha evidenziato che gli insegnanti tendono a trattare questo importante argomento quando richiesto. *

* Hollingsworth, H. e Buysee, V. (2009) Stabilire amicizie in ambienti inclusivi della prima infanzia: quali ruoli giocano genitori e insegnanti? J. of Early Intervention, 31 (4), 287-307

Il Dr. Kyle Pruett è Professore Clinico di Psichiatria Infantile presso la Yale School of Medicine e Educational Advisory member di The Goddard School, un franchising di educazione della prima infanzia e principale insegnamento dell'apprendimento prescolare attraverso il gioco (www.goddardschool.com).

Solutions Collecting From Web of "Fare nuovi amici a scuola"