Fare la differenza dall'inizio

Di Heather E. Bullock

Molti studenti universitari e accademici all'inizio della carriera sperano di avere un impatto sulla politica sociale. Di sicuro l'ho fatto. Ho iniziato a frequentare la scuola di specializzazione per combattere il sessismo sul posto di lavoro. Dopo alcuni colpi di scena, mi sono interessato (si potrebbe anche dire ossessionato) a combattere un altro aspetto della discriminazione: il movimento politico per indebolire i programmi di assistenza sociale. La mia dissertazione, completata a metà degli anni '90, ha affrontato uno dei principali dibattiti politici degli Stati Uniti del tempo e uno che rimane importante oggi: la riforma del welfare. Con sia i repubblicani che i democratici, anche se in misura diversa, etichettando il welfare (assistenza monetaria per famiglie a basso reddito con figli) come "disfunzionale" e "fuori controllo", volevo capire in che modo i gruppi socio-economicamente diversi percepivano il programma. Ho studiato il modo in cui le attribuzioni per la povertà sono collegate al supporto di iniziative di "riforma" restrittive e progressive, allo scopo di comprendere come le convinzioni classiste, sessiste e razziste forniscano un supporto politico. Armato di questa conoscenza, speravo di trasformare il dibattito intorno – o almeno in modo significativo di ridistribuirlo – dagli stereotipi individualistici sulla pigrizia e la frode alla vera causa della povertà: disuguaglianza strutturale.

Non sorprendentemente, le cose non sono andate come speravo. Il 22 agosto 1996, il presidente Bill Clinton ha firmato la legge sulla responsabilità personale e le opportunità di lavoro per la riconciliazione del 1996 (PRWORA). La legge ha soddisfatto la promessa elettorale di Clinton di "porre fine al benessere come lo conosciamo" sostituendo gli aiuti alle famiglie con figli dipendenti (AFDC) con un nuovo programma di assistenza in denaro, aiuto temporaneo alle famiglie bisognose (TANF). Il TANF include restrizioni che molti scienziati sociali e sostenitori della lotta alla povertà, incluso il sottoscritto, considerano come elementi importanti della rete di sicurezza statunitense. Gran parte del sostegno a questi cambiamenti, credo, è stato alimentato dagli stereotipi radicati sulla "meritevolezza" che hanno influenzato a lungo gli atteggiamenti politici e persistono oggi.

Guardando indietro, mi rendo conto che io, come molti scienziati sociali, ho adottato una via idealizzata per l'impatto politico, diretto, indipendente e immediato. L'alternativa, un percorso più realistico, è tortuosa, collaborativa ea lungo termine. Solo pochi anni dopo, in qualità di membro del Congresso APA / AAAS che lavorava con l'ufficio democratico del comitato per la salute, l'istruzione, il lavoro e le pensioni (HELP) (il senatore Edward M. Kennedy, D-MA), ho imparato in prima persona che la politica "i successi "Sono pochi e lontani tra loro. Ancora più importante, ho imparato che probabilmente saranno il risultato di una rete impegnata di difensori, parti interessate e altri che lavorano insieme per il cambiamento.

Gli accademici della prima infanzia spesso si interrogano sui mordi e le fondamenta del lavoro orientato alla politica e su come essere coinvolti. Può sembrare opprimente, specialmente se contemporaneamente si cerca un mandato, e le università variano nel loro sostegno a una borsa di studio impegnata e orientata alla politica. Tuttavia, penso che sia possibile averlo tutto – per perseguire una rigorosa ricerca significativa e coltivare l'impatto e la portata della politica. In questo spirito, offro sei consigli per massimizzare la portata politica e l'impatto durante gli anni della carriera e oltre. Questi suggerimenti sono fondati sulla convinzione che gli sforzi per tradurre la ricerca in azioni politiche siano potenziati da collaborazioni che si basano su punti di forza individuali e collettivi e attingono a diversi tipi di competenze.

1. Metti la politica in primo piano nella tua borsa di studio sin dall'inizio. Questo suggerimento può sembrare dolorosamente ovvio, ma gli psicologi possono essere isolati da discussioni politiche più ampie. Per massimizzare il potenziale impatto, è necessario dedicare più tempo alla comprensione dei problemi. Ciò potrebbe comportare l'assunzione di corsi in altri campi (nel mio caso, sociologia e lavoro sociale) e richiederà inevitabilmente di leggere ampiamente, compresi giornali, analisi governative e rapporti di think tank, nonché parlare con i sostenitori che sono "sul campo". Partecipare a conferenze e incontri orientati alla politica. La conoscenza di questioni cardine e dibattiti di lunga data è essenziale, così come la consapevolezza delle iniziative emergenti. Questa conoscenza può rendere più facile porre domande di ricerca strategica all'inizio e successivamente inquadrare i risultati con un occhio all'impatto. È importante sottolineare che si muove anche oltre la vuota e fin troppo comune pratica di considerare le implicazioni politiche solo alla fine di un articolo di ricerca.

2. Pensa locale, regionale e statale, non solo nazionale e internazionale. La politica "succede" a più livelli. La difesa nazionale e internazionale può sembrare dove si trova tutta l'azione, ma in realtà si verificano effetti politici significativi che si propagano anche a livello locale, regionale e statale. La politica è multiforme e multidirezionale, con iniziative locali che viaggiano "verso l'alto" per informare la politica statale e nazionale e le politiche nazionali che filtrano "verso il basso" verso stati, città e città per influenzare la vita dei membri della comunità. A seconda della ricerca specifica e degli obiettivi di advocacy, lavorare a livello locale può persino essere preferibile. Potrebbe anche essere un punto di accesso più accessibile per studenti laureati e studiosi di carriera.

Ho spesso messo questo consiglio in azione. Gran parte della mia ricerca avviene localmente, con l'obiettivo di informare pratiche e politiche a più livelli. Attualmente, faccio parte di un team locale che sta valutando un programma di "housing first" per persone che sono cronicamente senzatetto e medicalmente vulnerabili. Questo progetto collaborativo, che è una partnership di attori e ricercatori chiave della comunità, esamina questioni di rilevanza per i responsabili politici a livello locale e nazionale. Un altro progetto ha indagato su come le persone che non sono a casa percepiscono e sperimentano le ordinanze antilavorazione e altre politiche di "qualità della vita". Questi risultati possono aiutare a richiamare l'attenzione sulle conseguenze discriminatorie e controproducenti di queste pratiche.

3. Costruire connessioni e partnership per una ricerca migliore e una comunicazione migliore. La ricerca di azioni partecipative e altre forme di ricerca basate sulla comunità sono riconosciute per generare risultati e azioni significative, ma queste partnership possono anche ampliare la copertura e migliorare la comunicazione. I partner della comunità possono essere particolarmente abili nel comunicare i risultati utilizzando un linguaggio accessibile, raggiungendo diversi collegi elettorali, costruendo reti di comunità, generando un impatto a livello del suolo e traducendo i risultati in azioni. Cerca potenziali partner all'inizio della tua ricerca e discuti con loro i tuoi vari ruoli, possibilità e punti di forza, con l'obiettivo di attingere a un pieno complemento di competenze.

Non trascurare il ruolo delle organizzazioni professionali, come SPSSI. Rispetto ai singoli ricercatori, è probabile che le organizzazioni professionali abbiano una rete più ampia e più risorse. Avere la tua ricerca profilata sul sito web di una società professionale o attraverso altri social media può espandere notevolmente la sua portata. Raggiungi e condividi le tue scoperte! All'inizio della mia carriera, ho avuto la fortuna di essere un membro di una task force della Divisione 35 che si è formata in risposta alla "riforma" del welfare. La portata della nostra relazione finale è stata notevolmente amplificata quando l'abbiamo condivisa con l'Ufficio Programmi dell'APA. Siamo stati felici quando hanno confezionato il nostro rapporto per renderlo "più amichevole" ai politici, lo hanno pubblicato e inviato copie ai membri del Congresso. Questo è molto più di quanto avessimo sperato o potuto fare da soli.

4. Condividi le tue scoperte attraverso strade non tradizionali e pensa in modo creativo all'impatto. La copertura politica richiederà la divulgazione delle scoperte al di là della tradizionale "zona di comfort" delle riviste accademiche verso altri punti di accesso accessibili al pubblico. Solo poche possibilità includono la redazione di editoriali di giornali, la creazione di sintesi video facilmente comprensibili di risultati, la stesura di colonne per newsletter comunitarie e / o no profit e la partecipazione a gruppi locali o riunioni di municipi quando le questioni politiche rilevanti vengono in primo piano. Alcune università e organizzazioni professionali offrono seminari per aiutare gli studenti a sviluppare le loro capacità di scrittura pubblica. Il direttore delle comunicazioni di SPSSI, David Aronson, è disponibile per aiutare i membri a scrivere editoriali efficaci. Mentre lavori sulla diffusione dei risultati, tieni presente che potresti voler sviluppare più prodotti e canali di comunicazione da un singolo progetto di ricerca.

5. Ricerca di borse di studio e altre opportunità per acquisire esperienza e competenza in materia di politiche. Le borse di studio possono essere un ottimo modo per acquisire esperienza politica in prima persona. La Fellowship della Summer Minority Policy di Dalmas A. Taylor Memorial della SPSSI, coordinata con l'APA's Public Interest Government Relations Office e Minority Fellowship Program, offre agli studenti laureati di colore l'opportunità di lavorare su questioni di politica pubblica a Washington, DC. La James Marshall Fellowship della SPSSI è ideale per gli studiosi di carriera all'inizio che desiderano portare competenze socio-psicologiche per fare affidamento sulla politica sociale e acquisire esperienza lavorando in un ufficio del Congresso. Il programma di Fellowship congressuale dell'APA porta alla DC la carriera iniziale e gli psicologi più anziani a personale di un membro del Congresso o del comitato del Congresso. Oltre a sviluppare competenze inestimabili, queste opportunità forniscono un passo avanti per perseguire carriere orientate alla politica in governi, gruppi di riflessione e organizzazioni non profit.

Le opportunità di finanziamento, come il programma di piccole sovvenzioni di SPSSI per le politiche locali e statali, possono contribuire a far decollare i progetti applicati. E, non dimenticare di cercare opportunità di supporto nel tuo campus. I centri di ricerca applicati, ad esempio, possono offrire sovvenzioni per seme per lavori orientati alla politica.

6. Se si sta perseguendo una carriera accademica, integrare i propri interessi di ricerca, insegnamento, servizio e politica e tornare alle priorità dipartimentali e istituzionali. Presta attenzione a queste priorità dipartimentali e istituzionali, in particolare come studioso della prima infanzia. Cerca di dimostrare il valore del lavoro orientato alla politica attraverso la tua ricerca e insegnamento (e potresti anche espandere con successo il modo in cui la tua istituzione pensa a questi limiti lungo la strada). Avere più strategie di disseminazione può aiutare a raggiungere questo obiettivo. Ci sono un numero crescente di luoghi accademici per la pubblicazione di questo lavoro, compresi gli indirizzi interdisciplinari e politici, così come le tre riviste e le serie di libri di SPSSI.

Più importante, perseverare, non importa quanto lungo o tortuoso il percorso! Ricorda che non devi farlo da solo. Esiste un'ampia rete di studiosi, sia all'interno che all'esterno dell'accademia, che valorizzano e supportano la ricerca orientata alla politica nelle sue molteplici forme. I vostri consulenti laureati e / o colleghi più anziani dovrebbero essere, spero, alleati utili, ma non disperate se non lo sono. Raggiungi le persone il cui lavoro orientato alla politica ammiri e prova a partecipare a sessioni pertinenti a conferenze e altri incontri. Questo è un ottimo modo per costruire una rete di colleghi di supporto per condividere idee e sollecitare feedback.

Heather E. Bullock è professore di psicologia all'Università della California, a Santa Cruz

Solutions Collecting From Web of "Fare la differenza dall'inizio"