Fare la cosa giusta: un'intervista con Stevan Harnad

Quello che segue è un'intervista / dialogo con il Dr. Stevan Harnad, fondatore ed ex caporedattore della rivista molto influente chiamata Behavioral and Brain Sciences (BBS) e attuale redattore capo della nuova rivista Animal Sentience . Le mie domande e commenti sono in grassetto e quelli del Dr. Harnad sono di tipo normale.

Marc: Sei la sedia di ricerca del Canada in Scienze cognitive all'Università del Quebec a Montreal e Professore di scienze del web all'Università di Southampton nel Regno Unito: che cosa fai in realtà?

Stevan Harnad: faccio una ricerca su come il cervello impara e comunica categorie. La categorizzazione è una capacità cognitiva molto generale. Penso che copra la maggior parte della cognizione. Significa solo fare la cosa giusta con il giusto tipo di cosa : mangiare ciò che è commestibile; evitare i predatori; e chiama una "vanga" (perché la maggior parte della lingua è anche categorizzazione).

E come fai a fare ricerche su come il cervello impara e comunica le categorie? Studi il cervello degli animali?

No. Studio come gli umani lo fanno, cerco di modellare il meccanismo generando tale capacità a livello computazionale e cerco di trovare indizi e correlare con le immagini del cervello (potenziali legati agli eventi). Di questi tre metodi, la terza osservazione e misurazione degli eventi cerebrali è in realtà la meno informativa.

È solo perché non puoi entrare abbastanza in profondità nel cervello e manipolarlo?

No, anche se potessimo manipolare il cervello delle persone in qualsiasi modo desideriamo, ciò che il cervello può fare, come organo, è tutto e tutto ciò che possiamo fare. Non indossa il suo funzionamento sulla manica, per essere letto con l'osservazione e la manipolazione, come con il cuore, che pompa solo il sangue, o i polmoni, che pompano solo aria. Come fa il cervello a fare quello che deve essere dedotto progettando e testando modelli che possono fare sempre di più di quello che possiamo fare – alla fine così bene che il modello può superare il test di Turing, il che significa essere in grado di fare tutto ciò che possiamo fare , indistintamente dal modo in cui lo facciamo. (Siamo ancora lontani anni luce da quello.)

Utilizzi gli animali nella tua ricerca?

No, e non solo perché sto studiando la cognizione umana piuttosto che la funzione cardiaca o polmonare.

Quale altro motivo c'è? Sei stato editore per 23 anni della rivista Behavioral and Brain Sciences (BBS), vero? E quella rivista pubblicava studi umani e su animali, vero?

Sì. E in tutti questi 23 anni sono stato profondamente turbato, moralmente, dalla ricerca sugli animali pubblicata dalla BBS. Sono stato vegetariano da quando ho compiuto 17 anni. Ho cercato di minimizzare la ricerca sugli animali in BBS, e solo di pubblicare articoli che esaminavano la ricerca già pubblicata, piuttosto che riferire esperimenti sugli animali direttamente in BBS.

Ma ora mi rendo conto che c'era un sacco di autoinganno e ipocrisia nel mio ragionamento, e mi vergogno profondamente. Sono anche ora vegano, non solo vegetariano.

Quello che è successo? Cosa è cambiato?

Non è successo niente di acuto Non ho imparato nulla che non avessi saputo da sempre. Ho appena raggiunto una soglia nelle mie razionalizzazioni in cui non potevo più negare ciò che era stato moralmente ovvio, anche se inespresso, da sempre: è sbagliato ferire o uccidere un essere sentimentale se non è assolutamente necessario .

Vitalmente necessario?

Ciò significa che c'è un conflitto di interessi di vita o di morte, come con i predatori e le prede. I felidi (compresi leoni e tigri e gatti domestici) sono carnivori obbligati; se non mangiano carne, muoiono. Se le prede vengono attaccate dai predatori, devono contrattaccare se possono, altrimenti muoiono. Quelli sono interessi vitali. Nel caso della ricerca biomedica salva-vita si può fare un caso per conflitto in interessi vitali: la vita dell'animale da laboratorio e la vita umana che potrebbe salvare.

Non è forse lo "specismo" salvare la vita dell'essere umano in quella dell'animale?

Sì. Ed è anche il nepotismo che devia il treno acceleratore del filosofo per uccidere il figlio di qualcun altro invece che il proprio. E le risposte morali ci sono preoccupanti e tutt'altro che scontate.

Ma quando consideriamo la conduzione e la pubblicazione di ricerche sugli animali in BBS o in qualsiasi altro giornale, ciò che di solito è in gioco non sono interessi vitali, non ricerche che salveranno o porteranno a ricerche che salveranno vite o alleggeriranno il dolore. È molto più probabile che si tratti di ricerca sulla curiosità o sulla carriera. Dubito che ci fossero molti articoli BBS, se ce ne fossero, che salvassero vite o allevassero il dolore.

Chi deve giudicare in anticipo?

Sì, il risultato è incerto. E il giudizio è necessario, sia sul fatto che il dolore alle vittime animali giustifica il potenziale guadagno per i beneficiari umani e se ci sono alternative che non feriscono gli animali. Queste sono tutte domande estremamente importanti, profonde e problematiche. E devono essere considerati nel contesto di un'altra domanda, una molto più grande della domanda se il danno che infliggiamo alle vittime di animali da laboratorio sia giustificato da un conflitto di interesse vitale.

Intendi il danno che imponiamo alle vittime di animali fuori dal laboratorio?

Sì, le vittime che alleviamo e brutalizzano e macellano per l'industria alimentare e della moda, per lo sport e l'intrattenimento e per l'invasione dell'habitat. Macellare animali per cibo rappresenta il 98% degli animali che uccidiamo.

I regolamenti umanitari dei laboratori universitari di ricerca biomedica sono ben lungi dall'essere abbastanza forti: come si può mai fare del male intenzionale e uccidere umanamente? È come un regolamento per rendere la schiavitù, lo stupro, la tortura o il genocidio umano. Ma almeno hanno dei regolamenti e alcuni tentativi nelle università di essere coscienziosi riguardo alla trasparenza e al monitoraggio della conformità. I regolamenti per l'industria alimentare e delle pellicce sono molto più deboli, il monitoraggio della conformità è quasi inesistente, e invece della trasparenza ci sono le leggi del gag.

Quindi, se le norme umanitarie fossero rafforzate e applicate, tutto andrebbe bene?

Qualsiasi miglioramento ridurrebbe la sofferenza delle vittime, quindi è ovviamente meglio di niente. Ma per quanto riguarda il criterio del conflitto di interesse vitale? Come ho già detto, molte delle ferite e uccisioni che facciamo di vittime di animali da laboratorio non sono nemmeno giustificabili come potenzialmente salva-vita o riduzione del dolore per gli esseri umani. Quel tipo di ricerca non dovrebbe essere solo meglio regolamentato, ma non condotto affatto. E anche se i felidi sono obbligati carnivori, sicuramente gli umani no. Quindi, tranne nelle culture di sussistenza dove non esiste ancora alcuna scelta oggi, uccidere carne (o pesce, ferire o uccidere latte o uova) non è necessario né per la nostra sopravvivenza né per la nostra salute. Idem per la moda e lo sport uccidere.

Sembra come se pensassi che il mondo dovrebbe diventare vegano …

Lo voglio. Penso che l'inutile ferimento e uccisione di esseri senzienti sia la più grande vergogna morale della nostra specie, l'unica specie che abbia qualche possibilità in materia, e la specie che sta facendo tutto il dolore e l'uccisione inutili, su una scala mostruosa e ancora crescente . Notate che ho detto esseri senzienti . Ciò copre tutti gli inutili ferimenti e uccisioni di esseri umani. Ma le leggi che vietano il ferimento e l'uccisione ingiustificati di esseri umani sono già sui libri quasi ovunque, e la maggior parte di noi le osserva e le approva. Non così per il ferimento o l'uccisione inutile di animali non umani.

Ma cosa si può fare a riguardo?

Il principio è lì: è sbagliato ferire o uccidere un essere sentimentale se non è assolutamente necessario . Penso anche che la maggior parte delle persone sarebbe d'accordo con esso, in linea di principio. Ma in pratica, possono o credere che (1) il ferire e uccidere è di vitale importanza, o che (2) gli esseri non sentono veramente il dolore, né perdono nulla nell'omicidio: possono credere che gli animali non siano senzienti, o che la loro sensibilità, diversamente dalla nostra, non include in qualche modo la capacità di soffrire.

Se le persone credono (1) che ferire e uccidere è di vitale importanza, o (2) che gli animali non sentono veramente sofferenza, come possono dimostrarsi sbagliati?

Poiché non sono un dietologo o un biologo metabolico, non posso fare molto per dimostrare che ferire e uccidere animali non è necessario per la sopravvivenza o la salute umana. Devo lasciare il compito di fornire la prova per questo agli specialisti qualificati (anche se penso piuttosto che i vegani sani come me sono la prova vivente!).

Ma credo che le menti e i cuori umani possano essere aperti alla realtà della sensibilità animale – e in particolare alla sofferenza degli animali, che è ciò che conta di più – attraverso una variante del Test di Turing che ho menzionato prima.

Non si trattava solo di modelli di macchine?

Non proprio. Ciò che è stato sottolineato da Alan Turing, l'inventore del computer e del calcolo, e il codice che ha contribuito a salvarci portando a termine la seconda guerra mondiale, è che l'unico modo in cui possiamo sapere che gli altri hanno una mente, come lo facciamo osservando ciò che fanno e non essendo in grado di distinguerli in base a ciò che fanno da ciò che facciamo e quindi a ciò che proviamo. I filosofi lo chiamano il "problema delle altre menti".

Dodici anni dopo aver lasciato la direzione di BBS ho accettato un invito da parte della Humane Society degli Stati Uniti a servire come direttore di Animal Sentience , un nuovo giornale che sta per essere lanciato per comprendere e proteggere i sentimenti di altre specie. Spero che le scoperte riportate in questo diario possano aiutarci a "fare la cosa giusta con il giusto tipo di cosa" così da poter finalmente porre fine alla più grande vergogna morale della nostra stessa specie – e la più grande agonia di tutti gli altri.

L'immagine del teaser fornita dal Dr. Harnad e usata con il suo permesso.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono la storia di Jasper: salvare gli orsi della luna (con Jill Robinson), ignorare la natura non di più: il caso della conservazione compassionevole , perché i cani gobba e le api si deprimono e risveglia i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza . L'effetto Jane: la celebrazione di Jane Goodall (edita con Dale Peterson) è stata recentemente pubblicata. (marcbekoff.com; @MarcBekoff)

Solutions Collecting From Web of "Fare la cosa giusta: un'intervista con Stevan Harnad"