Fare il tempo per le connessioni o no

Recentemente, la psicologa e autrice Bella de Paulo, ha pubblicato un'interessante domanda sugli estranei conseguenti in un articolo su questo sito, "Vuoi che la gente sulla periferia della tua vita diventi più consequenziale". (Divulgazione: non è semplicemente accaduta sul libro L'ho intervistata sulla sua ricerca pionieristica sul mentire per il capitolo "Downside" del mio libro, Consequential Strangers !)

Il pezzo vale la pena leggere. Il professor de Paulo fa alcuni punti affascinanti su ciò che lei chiama "accoppiamento intensivo" – la visione tradizionale secondo cui chi è impegnato in una relazione deve "essere tutto" l'uno con l'altro, piuttosto che affidarsi ad amici e conoscenti per soddisfare alcuni dei loro bisogni. Dopo aver scritto delle alternative nel suo libro, Singled Out, abbraccia il messaggio centrale di Conseguent Stranger : valutare le connessioni oltre la famiglia e gli amici intimi.

Sono stato preso dagli argomenti degli autori per molte ragioni, ma soprattutto, perché questi sono proprio i punti che i miei colleghi e io abbiamo sviluppato, solo riguardo agli amici piuttosto che ai conoscenti. Quindi ora mi piacciono gli Stranger Conseguenti per un'altra ragione. Penso che in un senso ampio e ampio sia un segno dei nostri tempi.

Ma più avanti nel testo, de Paulo esprime anche riserve personali contro il fatto di avere troppi estranei conseguenti:

Personalmente, non voglio che così tante persone alla periferia della mia vita agiscano come se non fossero realmente estranee. Blau e Fingerman hanno descritto con approvazione la "regola dei 5-10" dei check-in negli hotel Westin: "Passa almeno cinque minuti e percorri dieci gradini con ciascun ospite." L'ho letto e preso nota mentalmente per evitare gli hotel Westin. Quando finalmente sono arrivato in un albergo, stanco e affamato, dopo un volo di sci di fondo, un ritardo nel ritiro bagagli e un furgone in albergo, non voglio davvero che il mio check-in sia esteso a cinque minuti. (Ora se vuoi offrirmi un cookie, come fanno alcuni hotel, questa è una storia diversa).

Giusto, dico. Apprezzo l'onestà del professor de Paulo. In effetti, l'ho sentito prima. Affermazioni come "Non ho bisogno di altre persone nella mia vita" e "Chi ha tempo?" Spesso emergono nelle discussioni sugli estranei conseguenti. E il mio preferito: "Non voglio avere conversazioni con estranei".

La mia risposta è duplice: in primo luogo, nessuno dice che si debbano conversare con estranei e non si tratta di "estranei" di cui stiamo parlando. (Vedi come rimanere attaccati alla parola straniera? Per ulteriori informazioni su questo.) L'idea è di diventare consapevoli delle persone che sono già alla periferia della tua vita sociale. Se sei come la maggior parte degli americani, sono molto più numerosi dei tuoi intimi. Trascorriamo la maggior parte del nostro tempo con loro e quindi ha senso valorizzarli.

In secondo luogo, e più importante, non abbiamo bisogno di molti estranei conseguenti, solo varietà. Tutto ciò di cui hai bisogno è un assaggio dei diversi tipi di persone che incontri naturalmente mentre ti fai strada durante il giorno – durante i tuoi spostamenti, quando sei a scuola o al lavoro, ovunque preghi o giochi, e quando hai bisogno di una riparazione o di qualsiasi tipo di assistenza. Ogni tua connessione è diversa da te e probabilmente diversa l'una dall'altra. I loro background, esperienze e qualità personali ampliano il tuo repertorio e ti fanno capire che ci sono altre prospettive. È probabile che ti mostrino modi di pensare e approcci a problemi che potresti non aver mai preso in considerazione.

Quindi non stare al Westin se non vuoi. E non preoccuparti di accumulare un numero enorme di estranei conseguenti. Basta fare il meglio di quelli che hai già. Sarai sorpreso di tutti i cookie che raccoglierai.

Solutions Collecting From Web of "Fare il tempo per le connessioni o no"