Fare il punto della psicologia

Scoperte che hanno migliorato la nostra comprensione di come pensiamo e sentiamo.

Il cervello umano contiene almeno 86 miliardi di neuroni. Ogni neurone cerebrale, in media, si connette con altri 7000 neuroni. Non c’è da stupirsi, quindi, che gli scienziati spesso paragonino il cervello a un supercomputer. Detto questo, psicologi e neuroscienziati stanno appena iniziando a capire come il cervello regola sensazioni, movimento, memoria, emozioni e cognizione.

Pixabay

Fonte: Pixabay

In Our Minds, noi stessi , Keith Oatley, professore emerito di psicologia presso l’Università di Toronto, fornisce un sondaggio informativo sulle scoperte che hanno migliorato la nostra comprensione di come pensiamo e sentiamo. Oatley si basa sulle relazioni tra psicologia e altre discipline, tra cui la biologia, la sociologia, l’antropologia, la linguistica, la letteratura e l’informatica. Egli pone un accento particolare sullo sviluppo della cooperazione, un comportamento che, insieme al linguaggio, distingue gli esseri umani dalle altre specie.

Rivolto ad un pubblico generale, Our Minds, Ourselves completa i soliti sospetti. Con la sua metafora della grotta, ci ricorda Oatley, Platone sosteneva che gli esseri umani spesso proiettano le loro convinzioni sulle ombre che vedono. 2000 anni dopo, Charles Darwin fondò la psicologia delle emozioni, alcune delle quali derivate dall’evoluzione. Oatley analizza anche il lavoro di iconici ricercatori del 20 ° secolo, tra cui l’apprendimento comportamentale per rinforzo di BF Skinner, lo studio di obbedienza di Stanley Milgram e la teoria dell’attaccamento di John Bowlby.

Lungo la strada, Oatley smonta i miti popolari. Sottolinea che la memoria è malleabile; influenzato da come gli interrogatori pongono domande, la testimonianza dei testimoni oculari è spesso inaffidabile.

La depressione tende ad insediarsi, rivela Oatley, quando qualcosa va storto nella vita delle persone. I paesi con maggiori disuguaglianze di reddito e più eventi avversi nell’infanzia hanno tassi più elevati di malattie mentali. Solo dopo uno o più episodi di depressione, sembrano verificarsi cambiamenti nel cervello. La terapia cognitivo comportamentale, sostiene Oatley, è più efficace dei farmaci nel trattamento della depressione e riduce la probabilità di una ricaduta.

Più sorprendenti, forse, sono le conclusioni basate su studi di stimolazione transcranica e cambiamenti di fMRI quando gli individui leggono la finzione. “Per capire e immaginare”, sottolinea Oatley, “usiamo parti del nostro cervello che useremmo se noi stessi agiremmo in un modo che è suggerito verbalmente”. Un recente esperimento sull’empatia, che prevedeva che ogni partecipante potesse vedere il suo partner e poi ha applicato una scossa elettrica sul dorso della mano, ha scoperto che l’attivazione del cervello si è verificata quando una persona cara ha ricevuto dolore. Questa ricerca, suggerisce Oatley, mette in dubbio il punto di vista secondo cui gli esseri umani agiscono solo nel loro interesse personale.

Inevitabilmente, Our Minds, Ourselves lascia alcune grandi domande irrisolte. Impegnato nei “noi con i nostri cari, noi che frequentiamo gli amici, noi che lavoriamo con i colleghi” migliori angeli della nostra ipotesi di natura, Oatley riconosce ma non presta sufficiente attenzione alle propensioni “noi contro loro” della nostra specie. Egli sostiene che “il percorso della psicologia” riguardante l’inconscio riguarda “le verità che possiamo scoprire e riflettere sui mondi che conosciamo come esseri umani” – ma non definisce quel termine inafferrabile, “verità”.

E come afferma Oatley, abbiamo il libero arbitrio di “scegliere, fare piani, relazionarci con gli altri in cooperazione e gentilezza, anche quando l’interesse personale o le pressioni sociali potrebbero spingerci altrimenti”, non spiega come possiamo scegliere di agire responsabilmente “anche quando potremmo non volerlo”. O smentire l’affermazione fatta da Jonathan Edwards, il teologo puritano, quasi quattrocento anni fa, secondo cui gli esseri umani possono scegliere ciò che preferiscono (cioè aver deciso di uccidere una persona, può farsi scattare il grilletto), ma non hanno la possibilità di “scegliere ciò che scelgono”.

Sebbene a quanto pare non condivida la fede di Edwards in un Dio onnipotente, Oatley ammette che a causa di vincoli ambientali e genetici “alcune persone non sembrano avere molto libero arbitrio”. Conclude con la sua espressione di fede: “Forse, come una specie, noi umani non abbiamo ancora avuto molto tempo per coltivare, nelle società e in noi stessi, le nicchie ecologiche che potrebbero meglio consentire sia la cooperazione che il libero arbitrio “.

Solutions Collecting From Web of "Fare il punto della psicologia"