Fare e non fare di auto-compassione

La compassione, che letteralmente significa "soffrire con", è la simpatia per il dolore o la sofferenza degli altri, con una motivazione ad aiutare. L'auto-compassione è simpatia per le proprie difficoltà o sofferenza, con una motivazione a guarire, migliorare, riparare.

Sia l'auto-compassione che la compassione per gli altri richiedono sensibilità per la sofferenza che si nasconde sotto i sintomi e le difese che spesso la mascherano. Le maschere più comuni della sofferenza sono il risentimento, la rabbia, le dipendenze e le compulsioni.

Le persone povere di auto-compassione tendono a irritarsi o difendersi al solo menzionare la compassione per gli altri e sono spesso offese quando gli altri mostrano compassione per loro. Quando pensano di essere compassionevoli, vengono fuori come manipolatori (cercando di ottenere qualcosa in cambio) o moralmente superiori, ed entrambi suscitano reazioni negative. Si confondono perché la compassione e l'auto-compassione sono davvero intrecciate. Non si può sostenere la compassione per gli altri senza auto-compassione né si può avere auto-compassione, quando si è tagliati fuori da valori umani fondamentali. Senza auto-compassione, la compassione per gli altri può sembrare sconfinata e travolgente. Senza compassione per gli altri, l'auto-compassione diventa ossessione di sé.

Sulla base dell'interconnessione delle due forme di compassione, suggerisco le seguenti cose da fare e da non fare.

Rispetto per sé e gli altri

  • tratta te stesso e tutti gli altri con rispetto
  • non ridicolizzare te stesso o chiunque altro
  • ascolta il tuo cuore e scegli i comportamenti nel tuo interesse a breve e lungo termine
  • non ignorare il miglior interesse di coloro che sono interessati dal tuo comportamento
  • apprezza l'unicità di te stesso e degli altri
  • non confrontare le persone
  • apprezzare le più comuni comunità con tutte le persone
  • non cercare di escludere te stesso o gli altri dall'essenza umana
  • ascolta gli altri
  • non modellare il comportamento che non vuoi dagli altri
  • Rifletti
  • non reagire
  • parlare
  • non urlare, urlare o tenere conferenze

Regolazione degli impulsi, emozioni

  • considerare le conseguenze di agire d'impulso
  • non punirti sulle possibili conseguenze
  • tenere le prospettive degli altri al tuo fianco
  • non rimanere chiuso nella prigionia solitaria della tua prospettiva
  • esprimi sentimenti più profondi
  • non esprimere sintomi e difese
  • essere flessibile
  • non essere rigido o accondiscendente
  • potenzia il sé e gli altri
  • non impegnarsi in lotte di potere
  • descrivi accuratamente la tua esperienza e i tuoi problemi
  • non esagerare o minimizzare
  • mostrare interesse per gli altri
  • non diagnosticare (ti fa sentire superiore, non umano)
  • apprezzo lo sforzo o il comportamento specifico
  • non lodare se stessi o gli altri in generale
  • insegnati come fare meglio
  • non vergognare o umiliare te stesso o gli altri per errori
  • considera come puoi prevenire gli errori in futuro
  • non punire gli errori del passato
  • fai aumentare i tuoi punti di forza
  • non concentrarti sui tuoi punti deboli

Ricerca di soluzioni

  • rimani concentrato sulle soluzioni
  • non incolpare se stessi o gli altri
  • considerare soluzioni alternative
  • non supponiamo che ci sia solo un modo giusto per risolvere i problemi
  • fai brainstorming possibili soluzioni
  • non liquidare le idee senza

Il latte della gentilezza e della saggezza umana

  • mantenere il valore fondamentale (capacità di creare valore e significato nella vita)
  • non zoppicare sulle ferite del core
  • ti sforzi continuamente per guarire le ferite del cuore
  • non punire te stesso o gli altri per averli
  • accetta te stesso e gli altri, anche se ci sono cose che vuoi cambiare
  • non rifiutare te stesso o gli altri a causa delle cose che vuoi cambiare

CompassionPower

Solutions Collecting From Web of "Fare e non fare di auto-compassione"