Fare cose inutili per divertimento

Nel suo articolo "Cosa ci rende umani? Fare cose inutili per divertimento ", Matthew Harris condivide una profonda conoscenza della natura degli esseri coscienti.

"Ero una volta nel Sahara sud-orientale, in Algeria, vicino al confine con la Libia, vicino a un insediamento chiamato Djanet. C'è una catena montuosa chiamata Tassili n'Ajjer: ossa secche, mille miglia quadrate di roccia senza alberi. Qualche millennio fa, prima che il clima cambiasse, questa era una regione fertile in cui il grande gioco vagava e la gente africana del bush viveva e cacciava. Vivevano in caverne e sotto grandi sporgenze di roccia. Di notte dipingevano scene delle loro vite e delle loro fantasie, dipinte di nero e ocra sulle pareti e sui soffitti. Ci sono centinaia di tali siti, molti altri ancora senza dubbio scoperti, sparsi per queste montagne.

"Con i miei compagni di spedizione, stavo sotto uno di questi strapiombi, ammirando le belle opere d'arte, le splendide linee di giraffe, bufali, gazzelle e uccelli. . . di solito si riconosceva subito ciò che veniva rappresentato.

"Ma una serie di dipinti – se potessi chiamarli così – ci ha sconfitti. Dall'altra parte del soffitto di roccia c'era una serie di cluster a cinque punti. I punti erano di ocra rossa e chiazze semplicemente grezze, di dimensioni variabili ma per lo più un po 'più piccole di un centesimo. Di solito c'erano cinque, alcune chiazze più sode di altre, in nulla che assomigliava alla forma di qualsiasi cosa. Siamo confusi e perplessi ".

(A parte: "Umano" potrebbe non essere la parola migliore. "Noi" potrebbe essere molto più grande di quello: dovrebbe includere qualsiasi essere cosciente, davvero. Noi tipi umani non siamo gli unici a lasciare il segno. il grande "aha" che Parris sta per condividere è sicuramente degno di una presa di coscienza collettiva.)

"Allora – 'Certo!' esclamò uno dei miei compagni. 'Guarda!' E saltò dal piano terra più in alto che poteva, una mano sopra la sua testa. Le sue dita, allungate, potevano semplicemente toccare la roccia sopra. E abbiamo visto subito che se li avesse intonacati con la vernice, le dita e il pollice avrebbero lasciato cinque pallottole proprio come quelli su cui eravamo stati sconcertati. "

Era per divertimento, è quello che era per. Un segno di gioco, è ciò che.

Parris continua:

"Tutto in una volta, era chiaro. Le persone del bush, che si godevano il buio al riparo della loro famiglia, forse intorno a un fuoco – praticamente appena usciti – si erano divertiti a fare un po 'di arte rupestre. E forse con un po 'di pasta rossa avanzata, alcuni dei più giovani hanno avuto una gara per vedere chi potrebbe saltare più in alto e fare le loro dita più in alto sulla sporgenza. "

E conclude:

"Capriccio. Frolic. Scherzo. Scherzo. Danza. Questa è la parola nuvola che mi porta a ciò che ci rende umani. Il grande filosofo tedesco Friedrich Nietzsche disse questo: '. . . bisogna avere ancora il caos in se stessi per poter dare alla luce una stella danzante '. È il caos in noi stessi che è divino. Possiamo essere addestrati a fare quasi tutto, sfruttato per quasi tutti gli scopi. Ma rimane una scintilla ribelle la cui imprevedibilità sta nel fatto che non ha senso. Questa è l'umanità. "

Inutile. Sì. Scopo. Decisamente. Una "scintilla ribelle" di imprevedibilità. O, certamente sì.

Solutions Collecting From Web of "Fare cose inutili per divertimento"