Fare amicizia con dolore

Supponiamo di lavorare davanti allo schermo di un computer per molte ore al giorno. Ti piace il tuo lavoro e ti diverti a fare un buon lavoro e ottenere il riconoscimento per questo. Dopo due, cinque o dieci anni, scopri che stai sviluppando un dolore lombare cronico. Vai dal medico o dal chiropratico e gli analgesici e le regolazioni aiutano per un po ', ma la condizione persiste. Presto non puoi concentrarti molto sul tuo lavoro, diventi brontolone con colleghi e compagni, non puoi fare giardinaggio che ami, non puoi sollevare e abbracciare i tuoi figli che ami ancora di più, e la maggior parte giorni in cui non hai voglia di alzarti dal letto.

Molto probabilmente, sei stato seduto per molti anni in un modo che ha messo sotto stress la parte bassa della schiena, ma non te ne sei accorto dal momento che il tuo obiettivo era concettuale: scadenze, giudizi sulla tua performance, aspettative da parte di altri che ti facevano pensare anche dopo il lavoro e nella notte. Ti sei immaginato come un giocatore sociale in un'organizzazione più grande ma non puoi sentire il tuo corpo come sedentario e immobile per la maggior parte del tempo.

La maggior parte delle persone nota dolore una volta che inizia, la sveglia del corpo per prestare attenzione a se stessa e riattivare il senso del corpo . Speriamo che non sia troppo tardi per usare rimedi di autoconsapevolezza relativamente semplici come regolare la postura, alzarsi e allungarsi di volta in volta, andare in palestra per purificare il corpo dalle tossine, fare un massaggio o meditare per liberare la mente dall'impotenza pensieri.

Se continui a ignorare il dolore, tuttavia, potresti sviluppare un danno tissutale come tendinite o perdita di cartilagine o compressione ossea nella vertebra o un nervo schiacciato. Il tuo corpo era sotto stress per tutto il tempo e tu non ne eri consapevole fino a quando non fosse progredito nello stadio di esaurimento delle risorse del tuo corpo per farcela: distruggere letteralmente le cellule che mantengono la tua capacità di funzionare.

Paradossalmente, anche se il dolore è pensato per essere un campanello d'allarme, è spesso trattato come un ospite sgradito. Tutto quello che vogliamo fare è andarsene o lasciare che l'ospite se ne vada il prima possibile. Potrebbe non sembrare come allora, ma il dolore esiste nei nostri corpi come un modo per riportare la nostra attenzione a noi stessi. Il dolore è uno dei percorsi che il nostro senso del corpo usa per ricordarci spontaneamente e automaticamente di notare una minaccia fisica o emotiva che potremmo aver evitato.

Questo porta ad un paradosso. L'unica via d'uscita dalla sofferenza è di tornare indietro. L'unico modo per alleviare il dolore e allo stesso tempo per guarire il corpo è quello di assistere e sentire il dolore nella consapevolezza di sé incarnata. Analgesici e oppiacei, alcol e droghe psicoattive, possono solo temporaneamente attenuare il dolore.

Le sensazioni dei nocicettori (recettori del dolore) alla periferia del corpo non sono dolore. Né sono gli impulsi nervosi che viaggiano lungo il midollo spinale e sono rappresentati nel gambo cerebrale grigio periaquduettale, amigdala, ipotalamo, talamo, corteccia cingolata anteriore, corteccia prefrontale e sensomotoria e insula. Il dolore è lo stato emergente di autocoscienza incorporata di una complessa rete neurale attraverso tutto il corpo. Ciò significa che il dolore non è una cosa concreta situata in un singolo posto nel corpo, ma uno stato di auto-consapevolezza del corpo intero e che l'auto-consapevolezza può alterare e possibilmente estinguere il senso del dolore. Tornando ai nocicettori, potrebbe esserci lo stesso segnale di ingresso che entra nel cervello, ma come si percepisce e in che modo ci relazioniamo emotivamente (paura o accettazione) può essere cambiato, forse in modo permanente, diventando più consapevole di esso.

Trova un posto tranquillo dove sederti o sdraiarti, dentro o fuori, ovunque ti senta completamente al sicuro e comodo. Come meglio puoi, vieni a riposare dentro te stesso. Lascia che il tuo corpo affondi per gravità quanto puoi.

Individua l'area dolorosa (testa, collo, schiena, gamba o dovunque). Se puoi, senti i confini del dolore: è l'intera gamba, appena nella coscia, o localizzata appena sopra il ginocchio all'interno della gamba, ecc. Il tuo mal di testa potrebbe essere dietro l'occhio destro, o semplicemente sopra l'orecchio sinistro. Sposta la tua consapevolezza tra aree dolorose e aree adiacenti non dolorose. Nota le differenze Lascia che le parti non dolorose "parlino" delle parti dolorose. Questo è spesso sufficiente per iniziare il dolore "in movimento" o "addolcimento".

Dimentica il dolore per un momento e concentrati sulla respirazione, sul senso del tuo corpo che si connette con la superficie su cui stai seduto o sdraiato, o su un'altra presenza costante e affidabile nel tuo corpo o sull'ambiente che ti sembra sicuro, stabile e solidale: queste sono le tue risorse . Altre risorse potrebbero essere le parti non dolorose del tuo corpo, gli alberi sopra la testa, un ticchettio dell'orologio, la mano di qualcuno che stai sostenendo per supporto o un praticante di bodywork che ti sta toccando, un animale di pezza, un'immagine mentale di una persona tu ami, o anche il tuo senso della presenza di Dio. Assicurati di poter localizzare queste risorse in modo affidabile perché dovrai tornare da loro ogni volta che il dolore diventa "eccessivo".

Ora localizza di nuovo il dolore. Trova di nuovo la tua risorsa. Pratica andando avanti e indietro tra di loro. Infine, con le tue risorse in mente, torna al dolore e questa volta "approfondisci". Cerca davvero di sentirlo. All'inizio potresti non essere in grado di farlo. Il tuo polso potrebbe accelerare, la tua respirazione potrebbe diventare breve e gaspia. Questa è la tua risposta del sistema nervoso (eccitazione) simpatica al sentirsi minacciato. Torna alle tue risorse. Vedi se riesci a lasciare che il tuo sistema nervoso parasimpatico ti rilassi. Riprova. Questo è il processo Potrebbero essere necessari più tentativi e più sessioni. Se la tua risorsa smette di funzionare per te, prova un'altra. Puoi avere un'intera collezione di risorse – senza limiti – se ciò aiuta.

In questo processo, stai lavorando attraverso la minaccia del dolore, piuttosto che il dolore stesso. Devi prima convincere il tuo corpo che è sicuro andare lì e sentirlo. Avendo realizzato ciò, puoi iniziare ad approfondire il senso del tuo corpo di quel dolore. Potresti essere sorpreso che il dolore si trasformi da fisico a emotivo (tristezza, rabbia, paura, amore) e viceversa. Può persino cambiare posizione o essere sentito in più punti del tuo corpo.
Quando conosci veramente il dolore e tutte le sue forme e facce, perché lo hai pienamente percepito e seguito i suoi movimenti nel tuo senso corporeo , alla fine potrebbe diminuire di intensità e forse persino scomparire completamente. Qualche dolore, tuttavia, non può essere calmato in questo modo. Anche se è necessario assumere farmaci antidolorifici e altri trattamenti medici per alleviare il dolore, il senso del corpo può svolgere un ruolo importante nel recupero.

Il senso corporeo è di per sé un tipo di medicina perché la rete neurale che supporta il senso corporeo è direttamente collegata alle funzioni neurali, ormonali e del sistema immunitario che rilassano, leniscono e ripristinano. La medicina per il senso corporeo si basa sulle risorse naturali del tuo corpo per l'auto-riparazione e il dosaggio viene automaticamente adattato alle tue esigenze. Fare questa pratica aiuterà a rendere il dolore tuo amico. Adesso può oggettivamente informarti di quando devi prestare attenzione a te stesso, proprio come ogni buon amico che ti dirà la verità su di te.

Solutions Collecting From Web of "Fare amicizia con dolore"