Fare a pezzi è difficile, ecco una guida in 6 passaggi

Una depressione post-relazione può durare a lungo.

Poche persone assaporano le desinenze. Capire come stare in un posto di lavoro che non ti piace o come risolvere un rapporto di solito sembra più sicuro che andarsene perché rompere può dare cuori spezzati.

Se la tua rottura è da una relazione breve o lunga, al lavoro oa casa, e per buone ragioni di divorzio o irritazioni apparentemente minori, il modo in cui gestisci una risoluzione fa la differenza. Il modo in cui fai la separazione determina se un finale creerà dolore che sembra che il mondo stia finendo o sollievo come la brezza rinfrescante di un nuovo inizio.

È interessante notare che la stessa strategia funziona sia che tu sia colui che dà o colui che riceve le cattive notizie.

Ecco alcuni principi generali per le interruzioni delle relazioni. Poi condividerò i suggerimenti specifici tramite uno script per le conversazioni di rottura per porre fine a una relazione intima, sebbene gli stessi principi si applichino generalmente ad altri tipi di finali della regia. Lo script è formattato per voi per riempire gli spazi vuoti con i dettagli della tua situazione particolare.

Un rapido taglio.

In un intervento chirurgico, un intervento chirurgico rapido e pulito si tradurrà in una guarigione più rapida di una lacrima disordinata. Le severità emotive seguono questo stesso principio. La pubblicazione di Elizabeth Svoboda sulla rottura affronta bene questo principio.

Ecco una versione breve di come potrebbe sembrare il taglio netto per terminare una relazione.

"Ho preso una decisione difficile. Ho deciso di lasciare questa relazione. La partita non mi sembra giusta. Per molti versi è difficile per me andarmene. C'è molto che trovo attraente su di te. Allo stesso tempo, c'è abbastanza non-matching, specialmente sul nostro (specificare il modo più importante in cui differisci) che ho deciso di dire addio. "

Un taglio pulito.

La prevenzione dell'infezione è vitale nelle procedure chirurgiche. La ferita deve essere mantenuta pulita. Lo stesso vale per le interruzioni emotive. Attenzione a infettare l'evento di rottura con messaggi negativi sulla persona che viene lasciata andare. Ogni messaggio "non sei ok" rallenta la guarigione e invita a distress a lungo termine.

Ecco un esempio. "Non ti amo più perché sei una puttana."

La chiamata di nomi come questa è ovviamente meno utile. La chiamata di nomi dà un messaggio negativo sulla persona, i tratti del suo carattere, la sua identità. Un tono di voce aspro o critico trasmetterà allo stesso modo un sentimento negativo generale verso l'altra persona.

Allo stesso tempo dei messaggi negativi verbali e vocali sulla persona che contamina la guarigione, può essere utile che il termine apprenda quale sia il problema e quali sono i comportamenti specifici presi in considerazione nella conclusione della relazione.

Ecco un esempio di dare un messaggio sul problema e su comportamenti specifici piuttosto che sulla persona. Il quando tu … Io formulo le note su un comportamento specifico e poi ci concentriamo su come questo comportamento è stato un problema per chi parla.

"Ho deciso di porre fine alla relazione perché quando flirtavo con altri uomini alle feste, divenni diffidente che la nostra relazione sarebbe stata stabile nel lungo periodo. Una volta che mi sento diffidente, è come un vaso rotto. Non sono disposto a provare a ripararlo. "

Dire i comportamenti specifici che non ti piacciono in modo che la persona che stai lasciando possa scegliere di cambiarli nelle relazioni future richiede coraggio. C'è sempre il rischio che le informazioni vengano ricevute in modo difensivo e quindi rispondono ad argomenti. Allo stesso tempo, specificando i comportamenti che sono stati scoraggianti per te regali alla persona che stai lasciando con informazioni che potrebbero potenzialmente utilizzare per migliori relazioni in futuro.

Comunicazione È probabile che la guarigione post-chirurgica proceda più rapidamente se c'è stata una sufficiente comunicazione pre-operatoria e postoperatoria tra il paziente e il medico. Lo stesso con le comunicazioni pre e post interruzione.

La condivisione di informazioni allevia l'ansia generata dal non sapere. In medicina la comunicazione potrebbe indirizzare perché la procedura è necessaria, i rischi, ciò che il medico farà, quale recupero comporterà. La discussione post-chirurgica potrebbe comprendere l'accaduto durante l'intervento chirurgico, ciò che il paziente sente, il motivo per cui tali sentimenti si stanno verificando e cosa possono fare al riguardo.

La comunicazione di condivisione delle informazioni trasmette anche la natura della relazione di potere. In medicina, nonostante il chiaro ruolo del medico come esperto, un medico che dialoga rispettosamente con un paziente per comprendere e rispondere alle preoccupazioni del paziente crea una sensazione di collaborazione collaborativa medico-paziente. La gerarchia medico-paziente a questo riguardo si sentirà relativamente piatta, cioè come la cooperazione tra due persone ugualmente importanti, piuttosto che una relazione one-up, una-down di King Doctor e Mini-Person, il paziente.

Allo stesso modo, una sufficiente comunicazione reciprocamente rispettosa tra una persona che termina una relazione e la persona che riceve un arrivederci allevia l'ansia generata da una comprensione insufficiente.

Il dialogo sulla condivisione delle informazioni finisce anche il rapporto da una posizione di reciproco rispetto reciproco rispetto alla relazione di un vincitore (la persona che parte) e un perdente (colui che viene lasciato).

Quest'ultimo fattore, cioè la relazione di potere, è l'ingrediente chiave che induce depressione o anti-depressivo. La comunicazione collaborativa a due vie può mettere il processo di guarigione su una traccia che procede come recupero dal dolore. Una relazione dominante-sottomessa, vincente-perdente per contrasto invita il processo di guarigione a fermarsi, mirando il perdente in un lutto prolungato e potenzialmente scatenando un collasso depressivo.

Qual è la differenza tra dolore e depressione dopo la rottura?

Il lutto comporta tristezza. Trascinati dalla perdita, i sentimenti di tristezza sono affini alla tenerezza e al dolore della guarigione delle ferite post-chirurgica. "Mi manca così tanto", esprime la tristezza di una normale risposta al dolore.

La depressione va oltre la tristezza per l'esperienza di quello che lo psicologo Aaron Beck definì la triade cognitiva negativa: fissi i pensieri negativi su se stessi, sugli altri e sul futuro. "Ero così sciocco da fidarmi di lui. Mi ha mentito quando ha detto che mi amava. Non mi fiderò mai più di un uomo. Questo è tutto per me sulle relazioni. "Questo tipo di discorso negativo, ulteriormente esacerbato dalle sovra-generazioni, sarebbe caratteristico di un collasso depressivo.

Uso il termine collasso depressivo per descrivere il senso profondo di perdita di potere, spesso descritto come un senso di impotenza, che le persone provano quando sono depresse.

Cosa crolla in un crollo depressivo? La fiducia in se stessi crolla come una pallacanestro che ha perso la sua aria. Inoltre, le energie interne diminuiscono. Una volta ho combattuto a braccio con un calciatore professionista quando pensava a pensieri depressi. Il suo potente braccio da lancio sembrava un marshmellow; Potrei vincere senza sforzo.

Cosa scatena la depressione all'indomani della rottura?

La depressione deriva da interazioni dominanti sottomesse, perdenti, perdenti. Se una persona dice "Sto partendo" o "Ti sto licenziando", e l'altra non ha voce, è probabile che la persona nella posizione dominante emerga con sentimenti minimali riguardo all'evento diverso dal sollievo. La persona impotente, tuttavia, può essere immerso in una depressione di lunga durata.

Al contrario, se una discussione sulla terminazione include uno scambio di informazioni bilaterale (bilaterale) sufficiente con l'input di entrambi i partecipanti, la risoluzione sarà comunque suscettibile di provocare tristezza, ma sarà significativamente meno probabile che provochi una depressione. Questo perché quando entrambi i partecipanti hanno una voce, il processo passa dal sentirsi dominanti-sottomessi al sentirsi collaborativi.

In che modo il dialogo può fare la differenza se il risultato si sta ancora sciogliendo?

Un breve ma sufficientemente avanti e indietro dialogo offre un'opportunità per la persona che riceve la cattiva notizia per verbalizzare preoccupazioni, domande e sentimenti e anche per digerire la terminazione ad alta voce. Una conversazione conclusiva di questo tipo crea un sentimento di partenariato partecipativo in contrasto con la vittimizzazione unilaterale. Le probabilità di depressione poi zoomare verso il basso.

Quando c'è stata una discussione a due vie, il sentimento di interazione cooperativa rimane nonostante il fatto che la decisione stessa rimarrà invariata. La persona che viene licenziata si sente rispettata e respinta. Condividere informazioni sufficienti sul licenziamento e ascoltare le risposte della persona licenziata sono atti di rispetto che possono essere profondamente emotivi per entrambi i partecipanti.

Quali sono alcuni suggerimenti di un efficace dialogo di rottura?

I principi e gli starter della frase che seguono stabiliscono un processo collaborativo anche se la decisione di porre fine a una relazione è stata presa unilateralmente.

Ho descritto molti di questi antipasti di frasi in un post precedente sugli antipasti di frasi che fanno dialogare con il piede giusto.

Nota che se qualcuno sta finendo una relazione con te, puoi comunque prendere l'iniziativa nell'usare questi principi per mantenere il dialogo collaborativo. Anche se la partenza della persona amata può ancora scatenare la tristezza, sarà meno probabile che scateni una reazione depressiva se sarai in grado di mantenere la discussione in corso a lungo e in modo collaborativo per coprire le aree suggerite di seguito.

Un ultimo promemoria chiave. Assicurati di mantenere il tono calmo. Se ti intensifichi emotivamente, è probabile che tu inviti alla conclusione prematura della discussione.

I. Inizia con un'introduzione di avviso.

"Ho qualcosa per la testa che mi piacerebbe parlare con te. Come si sentirebbe a stare seduti insieme e a parlare tranquillamente per un po '? "

Un'introduzione funziona come segni su una strada di montagna sinuosa che avvisa di specifici pericoli futuri. I conducenti possono prepararsi per le sfide di colpi di scena pericolosi rischiosi sulla strada se sono stati avvertiti.

II. Prendi la decisione come tua e poi dona con zero ambiguità.

Ho deciso di _________.

Evitiamo noi , dovremmo , o peggio, penso che dovremmo .

Dicendo che dovremmo … sembra esitante e invita al disaccordo. Ad esempio, " Dovremmo …" torna indietro, " No, penso che dovremmo …"

Parlando con il pronome noi invece di usare I è probabilmente l'errore che le persone fanno più frequentemente quando cercano di chiudere una relazione.

III. Dai uno o alcuni dettagli sulle tue preoccupazioni.

Ho preso questa decisione principalmente perché io ________________.

Quando _______ mi sono sentito __________________________.

La mia preoccupazione è che _______________________________.

" Ho deciso di porre fine alla relazione perché ora ho un'età in cui sto cercando un partner di matrimonio permanente. La mia preoccupazione è che , per quanto mi piaccia / ti amo, vedo troppe differenze, sia nei nostri background che nei nostri futuri percorsi di vita, per diventare tua moglie. Nel mio intestino, l'abbinamento non mi va bene. Quindi ho deciso di andare avanti. "

Si noti che la logica dell'abbinamento insufficiente è una delle spiegazioni più comprensibili per la rottura. Un razionale errato è particolarmente utile negli scenari di lavoro. Tende a sentirsi relativamente benigno perché la colpa della rottura è attribuita al disallineamento, cioè alla situazione piuttosto che alla persona.

Per dare un feedback sui comportamenti specifici che sono stati problematici per te, usando un quando- puoi aiutarti a continuare a tornare ai messaggi I.

"Quando a volte parli in modo burbero o burbero, reagisco tranquillamente all'esterno ma fortemente dentro. Voglio una vita che sia priva di toni di voce burberi, scontrosi o arrabbiati. L'energia negativa è totalmente scoraggiante per me. "

Quando dare informazioni sugli errori degli altri aiuta in una discussione di rottura?

In generale, un feedback frank specifico sugli errori dell'altro può essere utile da offrire se il tuo senso è che la persona con cui stai irrompendo ha la capacità di imparare dagli errori. Se è probabile che tu risponda attaccando il messaggero (tu) piuttosto che imparando, minimizzi il feedback sui suoi errori e / o faccia la rottura su di te e sulla situazione (mancata corrispondenza, ecc.).

Potresti chiedere alla persona che stai lasciando se vogliono che tu spieghi i fattori determinanti prima di verbalizzarli. Alcune persone preferirebbero non sapere. Altri chiaramente chiedono "Cosa ho fatto di sbagliato?"

Se si intende procedere alla condivisione delle informazioni, procedere con cautela. Se noti che l'informazione sta creando un'infiammazione piuttosto che lenitiva o cicatrizzante, potresti voler uscire dall'argomento.

IV. Invita feedback. Mantieni il dialogo simmetrico.

"Come ti senti della mia decisione?"

"Sono scioccata. Pensavo che avessimo una relazione così bella. "

Le buone domande iniziano con Come o Cosa . Queste domande a risposta aperta invitano a pensare e condividere più informazioni rispetto alle parole di partenza come …? Sei …, vuoi … ecc.

V. Accetto e aggiungi.

Assicurati di rispondere ad alta voce, non solo pensando in silenzio, al feedback che ricevi sulla tua decisione. Nella tua risposta, ricorda a te stesso di trovare qualcosa con cui essere d'accordo. Evita di stare sulla difensiva.

" Sì, ha senso per me che tu …"

Masticare le risposte che ricevi, pensando ad alta voce su di loro. Di nuovo, assicurati di iniziare a masticare ciò con cui sei d'accordo prima di iniziare ad aggiungere la tua prospettiva alternativa.

" Posso capire completamente il tuo senso di shock. Mi è anche piaciuto tanto del nostro tempo insieme, quindi posso vedere come potrebbe sembrare che stavo bene in questa relazione. E allo stesso tempo , per me c'erano pezzi mancanti nell'abbinamento che mi hanno sempre più turbato. Ecco perché ho deciso di andarmene. "

VI. Concludere con i positivi. Quindi ridurre al minimo ulteriori contatti.

C'è un adagio nel mondo della terapia matrimoniale che le persone devono unirsi per separarsi. Alcune parole affettuose, un caloroso abbraccio e un chiaro desiderio per il meglio in futuro consentono a una coppia di attuare questo adagio, uscire con una nota positiva e partire in direzioni diverse.

Una o due connessioni successive durante le quali si discute ulteriormente le proprie preoccupazioni nel lasciare la relazione potrebbero rivelarsi utili. Più di questo probabilmente prolungherà solo l'agonia della separazione. Ripetute costellazioni di disconnessione e disconnessione significa che qualcuno non sta dando o non riceve un chiaro messaggio "The End". Se è così, ripulisci la tua ambivalenza e procedi con un'ultima chiusura chiara, pulita e rapida. " Ho deciso di … e quindi questo è un addio ."

Da quel momento in poi, meno contatti avrai, più presto metti il ​​passato nel passato e vai avanti con le tue vite.

E se sei stato il destinatario delle cattive notizie?

Anche se potresti non essere in grado di controllare l'esito della discussione dell'addio in modo che la separazione sia ancora inevitabile, è probabile che tu possa avere un impatto sul tono e sul contenuto del dialogo.

Stai calmo.

Verbalizza i tuoi pensieri e sentimenti, preferenze e preoccupazioni. Tieni questo breve. Avere la tua opinione, in modo rispettoso, ti farà sentire un senso di condivisione reciproca del potere.

Se la risoluzione non ti consente questa opzione, dopo diversi giorni richiedi l'opportunità di fare una breve conversazione, preferibilmente di persona, ma al telefono se necessario. Se l'altro è ancora riluttante, puoi sempre scrivere i tuoi pensieri e inviarli via e-mail o lettera. Mirare ad avere una conversazione finale o inviare un messaggio finale, ma solo una volta. Più di una volta diventa inutile per te ed è anche probabile che si contrapponga al tuo ex partner.

Ciò che conta è che tu mantenga il tuo senso interiore di potere e rispetto di sé. Se il tuo ex partner non è in grado di partecipare a un finale collaborativo, può essere utile rendersi conto che qualcuno con livelli più alti di funzionamento sarebbe stato in grado di partecipare a un processo di mutuo termine. Puoi stare bene per essere in grado di prendere la strada maestra, a differenza di chi ti lascia. La partenza di quella persona dalla tua vita può, a questo proposito, essere in definitiva a tuo beneficio.

Fai un lungo pianto su ciò che hai perso. Ricordati poi dei negativi nella relazione. Goditi la consapevolezza che il finale della relazione ti libera da questi aspetti spiacevoli della precedente collaborazione.

Quindi apri gli occhi al nuovo giorno. Come dice il proverbio, quando una porta si chiude, un'altra si apre. La rottura è un finale che ti invita a lanciare nuovi inizi.

————

La psicologa clinica di Denver, Susan Heitler, Ph.D, laureata ad Harvard e NYU, è autrice di Power of Two , un libro, un libro di esercizi e un sito web che insegna le capacità comunicative che sostengono relazioni positive.

Fai clic qui per un quiz sulle relazioni di Power of Two gratuito.

(c) Susan Heitler, PhD
Fonte: (c) Susan Heitler, PhD

Il libro più recente del Dr. Heitler spiega come gestire situazioni difficili senza incorrere in depressione, rabbia o ansia e come ottenere sollievo da queste emozioni negative quando si verificano comunque.

Solutions Collecting From Web of "Fare a pezzi è difficile, ecco una guida in 6 passaggi"