Fantasie sessuali femminili: l'ultima ricerca scientifica

Di Dr Raj Persaud e Dr Jenny Bivona

Una squadra di psicologi guidati da una donna ha scoperto alcune scoperte sorprendenti su uno degli aspetti più segreti della fantasia sessuale femminile.

Mentre quasi tutti hanno fantasie sessuali, ricerche precedenti sull'argomento hanno rilevato che tra il 31 e il 62% delle donne hanno fantasie di stupro. Essere sessualmente eccitati da uno scenario così immaginato rappresenta un mistero psicologico. Perché fantasticare su un atto criminale che in realtà è ripugnante e straziante?

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Per indagare su questi e altri enigmi nel cuore della fantasia erotica femminile, un team di ricercatori con sede presso l'Università del Nord del Texas e l'Università di Notre Dame ha studiato 355 giovani donne.

Una parte della ricerca ha coinvolto i partecipanti alla lettura di uno scenario fantasy di stupro con le cuffie, per indagare su come si sono destati.

Nello studio, pubblicato nella rivista accademica "Archives of Sexual Behavior", i partecipanti sono stati istruiti a chiudere gli occhi mentre ascoltavano e provare a immaginare se stessi come la donna descritta nella narrazione. Questo scenario derivava da linee narrative tipiche della letteratura romanzesca di molte donne, quindi rappresentava una fantasia di stupro erotico, piuttosto che un ritratto letterale dell'attuale assalto.

Questo era lo scenario: un conoscente maschio è fortemente attratto dal personaggio femminile. Esprime il desiderio di fare sesso con lei, ma è chiaramente insensibile. Tenta senza successo a convincerla. Quando continua a rifiutare apertamente, la sopraffà e la violenterà.

Il personaggio femminile è resistente nell'intera interazione e in nessun momento dà il consenso. Tuttavia, poiché l'uomo è attraente e fornisce stimoli erotici, fa esperienza della gratificazione dal sesso forzato. Lo scenario pone più enfasi sull'uso della coercizione che sul piacere sessuale.

I risultati dello studio (che ha anche esplorato altre fantasie sessuali e aggressive, l'autostima, l'attitudine al sesso e altri test sulla personalità) sono che il 52% delle donne aveva fantasie sul sesso forzato da parte di un uomo: il 32% aveva fantasie di essere violentata da un uomo: 28% – sesso orale forzato da un uomo: 16% – sesso anale forzato: 24% – incapacitato: 17% – sesso forzato da una donna: 9% – stuprato da una donna: 9% – sesso orale forzato una donna Complessivamente, il 62% ha riferito di aver avuto almeno una di queste fantasie.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Il team di ricercatori guidato dal dott. Jenny Bivona, con sede presso l'Università del Nord del Texas, ha rilevato che, nel complesso, il 62% dei partecipanti ha riferito di avere una fantasia di stupro di qualche tipo.

Delle donne che hanno riferito di avere la più comune fantasia di stupro stupro fantasy, "essere sopraffatto o costretto da un uomo ad arrendersi sessualmente contro la mia volontà", il 40% ce l'aveva almeno una volta al mese e il 20% ce l'aveva almeno una volta alla settimana. Gli autori concludono questi risultati indicano che le fantasie sugli stupri svolgono un ruolo significativo nella vita di fantasia sessuale di molte donne.

È importante notare che mentre gli autori dei titoli possono concentrarsi sul fatto che le donne hanno fantasie sessuali sul sesso coercitivo, questa ricerca ritiene che sia un sogno ad occhi aperti occasionale, non una preoccupazione. Sarebbe ugualmente ingiusto portare gli uomini con il pennello di una fantasia occasionale che potrebbero avere. Quando queste fantasie femminili sono di carattere erotico, il protagonista maschile viene sempre descritto come molto attraente o altrimenti desiderabile.

Secondo questo studio, intitolato "Fantasie delle donne: una valutazione empirica delle principali spiegazioni", una precedente teoria psicologica comune sul motivo per cui le donne dovrebbero fantasticare sullo stupro o il sesso forzato è stata definita "evitamento sessuale". Questa teoria riguardava le donne che evitavano di assumersi la responsabilità per i desideri sessuali. L'ipotesi sosteneva che le donne sono state socializzate dalla nostra cultura a lavorare sodo per non essere percepite come promiscue o eccessivamente sessuali. Ad esempio, vengono invocate etichette stigmatizzanti, come "vagabondo" e "puttana", che controllano o limitano la sessualità femminile.

La teoria dell'evitamento sessuale della colpa esclude che, per alcune donne, le fantasie del sesso consensuale possano generare auto-colpa, senso di colpa e ansia. Quindi lasciando che la fantasia assuma la forma di uno stupro, la donna nella fantasia è costretta a fare qualcosa che non vuole. Ne consegue che non può essere incolpata per il verificarsi del sesso. In contrasto con una fantasia sessuale consensuale, un tema sessuale forzato accresce la gratificazione sessuale permettendo al fantasista di evitare la colpa e il senso di colpa.

I risultati di questo studio non hanno trovato alcun supporto per questa teoria.

Gli autori di questa nuova rivoluzionaria ricerca ammettono che "l'abbandono della colpa sessuale" potrebbe essere stato vero in passato quando vivevamo in periodi più sessualmente repressi, quindi è possibile che negli ultimi decenni i cambiamenti di atteggiamento nei confronti del sesso significino lo stress per le donne di essere considerati troppo sessuali è scomparso. Ora poche donne sembrano avere fantasie di stupro per evitare la colpa di avere fantasie sessuali apertamente consenzienti.

In diretto contrasto con la "elusione sessuale", è la teoria dell '"apertura alla sessualità". Invece di essere guidati dalla sessualità repressa, questa supposizione è che le fantasie di stupro derivano da un atteggiamento generalmente aperto, tollerante e privo di sensi di colpa nei confronti del sesso. È stata questa teoria a ricevere il più forte sostegno in questa nuova ricerca del dott. Bivona e colleghi.

Una scoperta notevole è che le donne che hanno riferito di essere meno represse sul sesso avevano più probabilità di avere fantasie stuprate, ma erano anche più aperte alla fantasia in generale, più probabilità di avere fantasie consenzienti e più probabilità di segnalare un più alto livello di eccitazione allo stupro fantasie.

È interessante notare che le donne che hanno riferito di avere frequenti fantasie di stupro erano anche suscettibili di riferire di avere fantasie di "sopraffare o costringere un uomo ad arrendersi sessualmente contro la sua volontà".

Fantasizing sull'essere una spogliarellista predisse anche una tendenza a fantasticare sullo stupro. Un altro risultato interessante è che le donne che riferiscono che le fantasie di stupro hanno maggiori probabilità di avere una grande autostima.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Questi risultati suggeriscono che avere fantasie su cose che non avremmo mai appoggiato o scelto di fare nella realtà, non sono necessariamente segni di disturbo psicologico. Infatti, secondo questa ricerca, le donne che hanno fantasie di stupro tendono anche ad avere atteggiamenti più positivi verso il sesso, un'alta autostima e fantasie sessuali consensuali più frequenti.

Questo studio non condona in alcun modo o tenta di giustificare lo stupro, che rimane un crimine violento e reprensibile, indipendentemente da quale possa essere la ricerca sulla fantasia sessuale di entrambi i sessi. Mentre alcuni potrebbero addirittura credere che la pubblicazione di risultati come questi possa aiutare alcuni stupratori a giustificare le loro azioni, la realtà è che questi criminali violenti non stanno esaminando la ricerca accademica erudita alla ricerca di giustificazioni per l'assalto. Gli editori e gli eserciti di accademici che considerano la ricerca presentata per la pubblicazione in riviste accademiche come Archives of Sexual Behavior credono chiaramente che questo tipo di studio meriti pubblicazione e una più ampia diffusione nel campo.

La fantasia è un'area profondamente problematica per molte persone e per la psichiatria e la psicologia – perché alcune persone convertono strane idee in fatti reali – come nel caso dello scenario omicidio di Brievik in Norvegia – mentre altri si godono la loro immaginazione vivida, creativa e in qualche modo insolita senza agire. Perché vari individui vengono disturbati da fantasie di cui non approvano? Di conseguenza, la terapia psicosessuale comporta l'esplorazione e il confronto con i misteri della fantasia sessuale.

Non conosciamo ancora le risposte a molte di queste domande, ma questo tipo di indagine scientifica sta aiutando nella nostra ricerca di comprensione.

Il dott. Raj Persaud è uno psichiatra consulente con sede a Londra, il dott. Jenny Bivona si è laureato presso l'Università del Nord del Texas e ora lavora come psicologo clinico.

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: www.twitter.com/@DrRajPersaud

Una versione di questo articolo è apparsa per la prima volta su The Huffington Post

Solutions Collecting From Web of "Fantasie sessuali femminili: l'ultima ricerca scientifica"