Falso orgasmo

Hai mai simulato un orgasmo? Ha il tuo partner? Se è così, perché?

Anche se è stata a lungo una parte dell'immaginazione popolare (chi non ha visto quella sgradevole scena di Meg Ryan, o uno dei trentacinque episodi di "Sex and the City" dedicati all'argomento?), Il falso orgasmo non ha ha ricevuto molti studi scientifici sistematici.

Un problema con lo studio del falso è che tale studio si basa sul chiedere alle persone un comportamento di cui non sono necessariamente fiero. Alla gente non piace ammettere di mentire. Chiedi loro se mentono, e le probabilità sono che mentiranno e diranno di no.

In ogni caso, per la maggior parte dei dati esistenti, la maggior parte dei quali si basa su auto-reportage di donne americane, da qualche parte tra metà e due terzi delle donne hanno finto un orgasmo ad un certo punto. Sorprendentemente, forse, si scopre che anche gli uomini sono finti. L'orgasmo maschile ha ricevuto un'attenzione ancora meno erudita, probabilmente perché l'orgasmo maschile è ottenuto più facilmente e più difficile da falsificare. Dopotutto, contrariamente all'orgasmo femminile, che è piuttosto imprevedibile e privo di segni esterni definitivi, l'anatomia maschile fornisce molteplici forme di evidenza per l'orgasmo, tra cui fisiologica (eiaculazione, attenuazione dell'erezione) e comportamentale (addormentarsi).

Nel 2009 i ricercatori dell'Università del Kansas hanno intervistato diverse centinaia di studenti sulle loro esperienze con – e le ragioni per la falsificazione degli orgasmi. Circa un quarto dei maschi e una metà delle femmine ammesse a fingere. Faking per entrambi i sessi si è verificato più frequentemente durante il rapporto sessuale, e più spesso con partner stabili che con un comodino; inoltre, nessuna correlazione è stata trovata per entrambi i sessi tra la facilità di raggiungere l'orgasmo e la frequenza di fingere. In altre parole, quelli che hanno simulato non lo hanno fatto perché erano generalmente meno orgasmici.

Perché quelli che hanno falsificato lo hanno fatto? Le ragioni erano abbastanza simili tra i sessi. Entrambi hanno falsificato principalmente per concludere la sessione, avendo capito che l'orgasmo reale non era probabile o che avevano esaurito il loro interesse o energia. Ma alcune importanti differenze sono emerse. Quando un uomo finge un orgasmo, il sesso è finito. Una donna finge di segnalare all'uomo di venire in modo che il sesso possa finire.

È interessante notare che entrambi i sessi hanno simulato per proteggere i sentimenti del partner. Entrambi hanno riferito spesso lodando il partner dopo aver simulato. Ma fingere per non ferire i sentimenti del partner era più comune nelle donne. Forse perché le donne sono ben consapevoli della fragilità dell'ego maschile. Ma forse anche l'evoluzione è in gioco. Recenti ricerche hanno dimostrato che le donne fingono di avere l'orgasmo più quando sentono che i loro partner stanno pensando di lasciare la relazione. Esistono alcune prove che indicano la possibilità che l'orgasmo femminile possa svolgere la funzione evolutiva di facilitare il concepimento. Gli studi hanno anche dimostrato che le donne tendono a raggiungere l'orgasmo più con testosterone pesante, maschi simmetricamente costruiti. Nell'orgasmo, alcuni ormoni vengono rilasciati, si verificano contrazioni e sono persino documentati cambiamenti interni alla pressione dell'aria, che possono facilitare il concepimento. Un vero orgasmo femminile segnala al maschio che il suo sperma è stato scelto per la fecondazione, e quindi riduce il suo incentivo a randagiarsi. Un orgasmo falso, se convincente, può fare altrettanto bene il trucco.

Come sono stati simulati gli orgasmi? Sia gli uomini che le donne facevano affidamento su strategie simili, tra cui vocalizzazioni, cambiamenti nella respirazione, aumento della spinta, e poi fermarsi e fingere di affaticare. Ma le differenze di genere sono emerse. Le donne si affidavano molto più degli uomini alle vocalizzazioni per trasmettere l'orgasmo. Questa differenza nella dipendenza dai suoni sessuali per trasmettere stati sessuali può nuovamente riferirsi alla diversa fisiologia dei sessi. Come accennato, l'eccitazione sessuale maschile, l'eccitazione e l'orgasmo sono segnalati da segnali esterni piuttosto chiari. Puoi toccare e sentire l'erezione di un uomo, che segnala l'eccitazione in modo abbastanza affidabile. Non puoi fingere un'erezione.

I segnali femminili sono più ambigui. La lubrificazione vaginale, ad esempio, può essere ottenuta con mezzi artificiali (olio, saliva) e non è nemmeno un segno attendibile di eccitazione. In effetti, l'abitudine dei ricercatori di sesso di equiparare la tumescenza del pene con la lubrificazione vaginale come gli indicatori di eccitazione del "suo" e del "suo" può essere fuorviata; la vagina lubrifica per una serie di ragioni, non tutte legate al desiderio; inoltre, in fisiologia, forma e modelli di risposta, il pene assomiglia molto più al clitoride. A differenza del pene, tuttavia, il clitoride non si indurisce e si estende principalmente verso l'interno. Quindi, il maschio è più dipendente dal feedback sull'evidenza indiretta delle vocalizzazioni femminili. Dal punto di vista evolutivo, questo potrebbe essere il motivo per cui i rumori del sesso femminile sono così eccitanti per gli uomini, e perché le attrici porno (una domanda: perché tutti quelli che lavorano nei film porno chiamati "star"?) Tendono ad esagerare i loro lamenti e le grida dell'estasi , tanto che l'osservatore può a volte perdere il filo della trama in tutta la confusione.

La scoperta che le persone fingono l'orgasmo non costituisce una scoperta sconvolgente (ha!). Faking in generale è un fenomeno ben noto all'interno del regno socio-interpersonale. Noi fingiamo, mentiamo e inganniamo abitualmente nelle nostre vite quotidiane. Tuttavia, quando si tratta di scienza, le bugie possono rivelare informazioni importanti. Quando mentiamo, spesso esponiamo involontariamente le nostre vere aspettative e le sceneggiature sociali che sottostanno al nostro comportamento. Se simuli un orgasmo per raggiungere un determinato obiettivo, ad esempio la fine di un incontro sessuale, allora sappiamo che tu e il tuo partner vi aspettate che l'orgasmo significhi la fine del sesso.

Come ho scritto qui prima, il nostro comportamento nel suo insieme non è libero, spontaneo o casuale. Di fatto, è diretto da regole potenti, costumi e abitudini acquisite nel corso della socializzazione. In altre parole, il nostro movimento nello spazio sociale è sceneggiato. Le nostre sceneggiature sono apprese in un contesto sociale, attraverso il nostro interscambio con gli altri intorno a noi. Questo ci consente di muoverci nel mondo sociale in modo trasparente ed efficace, riducendo al minimo confusione e conflitti. Ad esempio, quando decidi di uscire per mangiare, viene attivato uno script di "visita al ristorante" (entra, aspetta, siediti, controlla il menu, ordina, aspetta, mangia, paga, vattene). Questo script è abbastanza flessibile da adattarsi a quasi tutti i ristoranti. È anche abbastanza flessibile da permetterti di abbellirlo con i tuoi personali tocchi idiosincratici (non hai mai dessert e niente ghiaccio nella tua acqua, per favore). In questo modo, sei in grado di aderire e conformarti pur restando unico e libero. Ognuno vince.

Il nostro movimento nel mondo è sceneggiato e organizzato così anche in aree che consideriamo intime e private, come la camera da letto. Come altre sceneggiature, il tuo script di eccitazione sessuale integra norme sociali comunemente tenute (i tacchi alti sono sexy) con preferenze personali raccolte dalla tua particolare esperienza e temperamento (se morde la parte posteriore del mio ginocchio sinistro mentre allo stesso tempo accarezza il mio gomito- Io sono lì).

In generale, quindi, l'incontro sessuale è sceneggiato come il viaggio del ristorante. Per quanto la tua vita sessuale sembri selvaggia, spontanea, originale e libera, è ancora diretta e delimitata da un sistema sotterraneo di regole e abitudini. Il modo in cui simuli il tuo orgasmo consente agli scienziati di dare un'occhiata a quel sistema.

Le prove dello studio del Kansas suggeriscono che la sceneggiatura sessuale contemporanea, almeno per gli studenti universitari, impone che la donna raggiunga prima l'orgasmo e poi l'uomo. Questo script potrebbe avere conseguenze. Per esempio, una donna che sente che il suo uomo sta per venire può essere costretta a fingere un orgasmo per rimanere all'interno della sceneggiatura, anche se così facendo rinuncia alla sua opportunità di provare un vero orgasmo più tardi.

Inoltre, secondo le scoperte, l'uomo non dovrebbe venire prima della donna. Questo, si può ipotizzare, rappresenta un avanzamento rispetto al tradizionale copione vittoriano (l'uomo raggiunge l'orgasmo, la donna si riposa e pensa all'Inghilterra). Ma i dubbi possono ancora essere giustificati. Il fatto che la maggior parte delle finte avvenga durante il rapporto sessuale e non durante altre attività sessuali suggerisce che, secondo la sceneggiatura, il rapporto sessuale = sesso, e tutti devono avere un orgasmo durante il sesso. La donna quindi non può semplicemente essere autorizzata ad avere un orgasmo durante il rapporto, ma dovrebbe farlo, in modo che il maschio possa avere il suo turno e completare la sceneggiatura. Questo è problematico perché il rapporto peniena-vaginale da solo non è sufficiente per produrre l'orgasmo nella maggior parte delle donne; è necessaria una stimolazione competente aggiuntiva del clitoride, spesso prima o dopo il rapporto sessuale.

D'altra parte, un altro punto che emerge dai risultati è la nozione secondo cui, secondo la sceneggiatura, il maschio deve essere pronto per il sesso ed eretto a comando. Un uomo che ammette onestamente di non essere interessato al sesso, in questo momento o con te, potrebbe, con questo copione, compromettere la sua mascolinità. Questa parte della sceneggiatura potrebbe essere la ragione per cui gli uomini spesso finiscono l'orgasmo invece di ammettere di essere stanchi, disinteressati o incapaci di sostenere l'erezione.

Per quanto riguarda l'etica del sesso, la questione della falsificazione degli orgasmi solleva domande interessanti. Alcuni sostengono che il falso mirato, in certi momenti e in certi contesti, è appropriato, persino encomiabile. La nuda verità può essere troppo dolorosa se scaricata sulla testa di qualcuno che non è pronto o attrezzato per ascoltarlo. Una modesta menzogna bianca può far risparmiare molto mal di cuore, problemi e tempo. A volte fingiamo di goderci ("Grande torta! Davvero!" "Meraviglioso bambino, sono così felice che tu l'abbia portato con noi al ristorante e continui a parlare di lui;" ecc.) Per ingrassare le ruote del social commerce.

D'altra parte, fingere un orgasmo in particolare, come mentire in generale, non è privo di rischi. Dopo tutto, tutti noi siamo suscettibili di trovarci a scivolare su un pendio scivoloso. Una bugia di successo porterà facilmente a quella successiva e alla successiva. Prima che tu lo sai, hai l'abitudine di mentire. E come diceva Sant'Agostino: "L'abitudine, se non si oppone, diventa presto una necessità." Un mucchio di menzogne, come il debito accumulato, a lungo andare ti pesa, non ti solleva.

Alla fine della giornata, sembra che possiamo dire con una certa sicurezza che le relazioni – sessuali e non – che si basano sulle bugie possono diventare deludenti e desolate rispetto alle relazioni basate sulla verità, proprio come un orgasmo falso è deludente e esperienza desolata rispetto a un vero orgasmo.

Solutions Collecting From Web of "Falso orgasmo"