Fai la vergogna e l'esclusione Mediazione insoddisfazione su Facebook?

In qualche modo, il mio caricamento ha capovolto il segno. Immagino sia un balzo freudiano!

19 febbraio 2014

Ho appena visto l'eccellente documentario "Generation Like" del critico della tecnologia e dei media Douglas Rushkoff. (Puoi guardare online.)

Gli adolescenti (e molti adulti) stanno lottando per essere popolari. Il documentario cita Haymitch Abernathy di The Hunger Games : "Vuoi davvero sapere come sopravvivere? Fai diventare le persone come te. "Mi sembra familiare.

Gli adolescenti sono mostrati preoccupati su quale immagine del profilo li rappresenta nella luce migliore e quindi raccoglieranno il maggior numero di Mi piace. Ma con gli strumenti tecnologici nascono valori nascosti. Gli adolescenti vengono usati come manodopera gratuita dalle corporazioni per riempire i loro prodotti. Gli anni dell'adolescenza diventano popolari amando e interagendo con marchi famosi, quindi il ciclo si nutre di se stesso.

"Il cielo è il limite per la cultura commerciale … non c'è vergogna nel marketing o nella commercializzazione" (Alissa Quart, autrice di Republic of Outsiders).

"Vendere non è vendere, è come ottenere l'anello di ottone" (Jason Calacanis, Inside.com)

"Gli adolescenti non sanno nemmeno che cosa si vende di più" (Quart)

Quest'ultimo è dimostrato in una serie di interviste agli adolescenti. I social media, mi è stato detto, sono uno strumento. Molti miei amici lo usano per l'organizzazione sociale e politica. Ma è anche usato per espandere l'influenza aziendale. Potrebbe esserci qualche punto debole per i progressisti, come le società che si allineano con certi valori (come i diritti degli omosessuali nella campagna Rainbow Oreo o Coke allineati con la diversità) per accumulare la più grande popolarità, quindi forse non è affatto male. Tuttavia, spesso ci ritroviamo con prodotti non sani commercializzati attraendo valori più profondi, un mix problematico.

Quello che mi interessa di più qui come psichiatra è la ricerca della popolarità , e il rovescio della medaglia di questa ricerca: essere esclusi e provare vergogna. Se non siamo popolari, c'è spesso un introject sottile che c'è qualcosa di sbagliato in noi. Penso che questa vergogna media molto dell'insoddisfazione ben documentata dei social media. (Gli studi hanno anche dimostrato che il tempo aumentato su Facebook è correlato con l'insoddisfazione crescente con gli amici, una forma di esclusione.) E per evitare quella vergogna, faremo qualsiasi cosa. Cercheremo di diventare star dei social media, o potremmo vacillare tra l'uso dei social media e la disconnessione, senza mai capire cosa sia frustrante per noi.

All'estremo, la ricerca di popolarità ha ovviamente spinto le persone a distorcersi. Per la maggior parte di noi, il bagliore della popolarità è di breve durata. Come ci piace noi stessi dipende da qualcosa di completamente diverso dalla nostra popolarità, o dovrebbe. Questo sta cambiando per i giovani? Certamente, quando ho intervistato i candidati che si rivolgevano alla mia alma mater, ho visto adolescenti lavorare per stabilire se stessi, capire il mondo e venire a patti con se stessi. I social media erano solo una parte di questa esplorazione. Ci sono molte cose che pendono dalla parte della relazione, ma questo equilibrio è in continuo divenire. Alcuni studi indicano un aumento significativo del narcisismo e un calo dell'empatia tra i giovani di età universitaria negli ultimi 10 anni. Credo che questo sia un ottimo studio, ma altri studi argomentano contro questa conclusione. La storia è ancora in fase di scrittura.

"I social media sono uno strumento", dicono le persone. A cui dico "così è un cacciavite – ma non lo useresti per cambiare una lampadina". Ci sono cose per cui i social media sono buoni, ma la sua proposizione di fondo, che ci aiuterà a relazionarci, è problematica.

Non penso che potremo mai essere veramente correlati, accettati o accettabili attraverso lo schermo. Ciò richiede amore e presenza nel mondo reale. Non possiamo essere persone intere online, possiamo solo esporre sfaccettature di noi stessi. Veniamo più vicini alla totalità nella relazione. La ricerca della popolarità non è una relazione. È troppo egocentrico per questo.

Avrò altro da dire nel mio libro Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks . Sto ancora cercando un agente. Ma ironicamente, seguirmi su Twitter (@ going2peace), apprezzare la mia pagina su Facebook, o soprattutto iscrivermi alla mia newsletter occasionale su www.RaviChandraMD.com, mi aiuterà a pubblicare il mio libro nel mondo. Puoi usare #genlike per unirti alla conversazione su Twitter.

Grazie per aver letto, pensato e condiviso. Attendo i vostri commenti.

© 2014 Ravi Chandra, MD Tutti i diritti riservati.

Newsletter occasionale per scoprire il mio nuovo libro sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddhista, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks: www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace http://www.twitter.com/going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart http://www.facebook.com/sanghafrancisco
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "Fai la vergogna e l'esclusione Mediazione insoddisfazione su Facebook?"