Fai del tuo meglio: è una domanda difficile

Quando avevo tredici anni, mia madre disse che mi trovò raggomitolato in una palla sul mio letto a metà pomeriggio che piangeva. La mia tragedia? Un viaggio di shopping infruttuoso per i pantaloni. Naturalmente, pensava che fossi deluso dal fatto che non avessi avuto un bell'aspetto nei cento pantaloni che avevo provato. Ma non era quello che mi dava fastidio. Stavo piangendo – dice – perché mi vergognavo di essere così superficiale che, come ogni adolescente, mi importava di come guardavo nei miei pantaloni. "È così niente. Così banale. Perché mi importa così tanto? ", Piagnucolai.

"Eri così brillante, tesoro", mi dice ora. "Non ho mai saputo cosa ti sarebbe venuto in mente."
Nessuno mi ha mai detto che sono un perfezionista, ma vorrei che lo facessero. Le etichette sono potenti Loro liberano la mente. Nel mio caso, non avevo una madre severamente critica – hai notato? – o una calligrafia o una stanza ossessivamente ordinata. Volevo essere perfettamente bravo.

Il mio amico Evan è pignolo: ricorda a quale delle sue amiche si ricordava di chiudere il coperchio del water prima che lei si lavasse (impedendo ai germi di entrare nell'aria) e si preoccupava se il lato opaco o lucido del foglio di alluminio dovesse toccare il suo cibo.

Se sei perfezionista, ti piacciono i tuoi alti standard. Pensi che siano la chiave del successo che hai avuto (banale, oltre ai tuoi molti fallimenti).

È vero che gli insegnanti spesso vedono il perfezionismo nei bambini dotati, sebbene gli psicologi non siano d'accordo sul fatto che si tratti di intelligenza o dalla risposta sociale ai doni di un bambino. Un bambino di talento che viene sovraeccitato o premiato solo per i risultati, potrebbe facilmente imparare ad associare l'amore alla sua performance. Per un bambino letterale, anche l'apparentemente di supporto "Fai del tuo meglio" è una domanda difficile, dice Robert Slaney, uno psicologo della Pennsylvania State University.

Martin Antony, psicologo alla Ryerson University di Toronto, crede che i principi di business dei profitti sempre crescenti e del miglioramento continuo abbiano creato una società che ci fa aspettare questo da noi stessi. Ogni anno gli atleti di tutto il mondo hanno battuto un record. Nelle grandi città, i giovani uomini e le donne si stanno preparando per rimuovere i capelli. Siamo ugualmente dedicati alla "crescita interiore", almeno in teoria. I libri di auto-aiuto si accumulano oltre ai nostri letti mentre lavoriamo più a lungo per avanzare nelle nostre carriere e finanziare stili di vita sempre più fantasiosi. Non è abbastanza per fare un buon lavoro, è necessario esaminare il prossimo. I siti di incontri incoraggiano i single (e i coniugi che vagano mentalmente) a cercare compagni fantastici. Stiamo chiedendo più dei nostri matrimoni e li lasciamo se non si misurano.

I perfezionisti possono deviare selvaggiamente dall'arroganza all'odio verso se stessi e viceversa. La mia amica Amy ricorda un fenomeno che lei chiamava "sindrome di Harvard" tra i suoi compagni di classe di Harvard Law: "Ci misureremmo contro Mozart e Wittgenstein e ci sentiamo come fallimenti completi, ma poi ci guarderemmo in giro per la stanza e dire 'Sono meglio di chiunque altro qui. '"

Non tutti i perfezionisti fanno bene nel mondo. A volte sono lavoratori lenti, che procrastinano e decidono se stessi. Il loro motto: "Se all'inizio non ci riesci, il fallimento può essere la tua cosa", "Se non riesci a farlo bene, non farlo affatto" e "Più fai, più vogliono “.

Quindi, come fai a sapere se i tuoi standard elevati sono salutari? Ecco la chiave: non sei terrorizzato dal fallimento. Quando ci riesci, non stai sospirando di sollievo, sei felice. Se hai una battuta d'arresto, non ti senti inutile. Non ti picchi. Rivedi le tue aspettative, vai avanti o riprova.

Curare il perfezionismo

I perfezionisti tendono ad avere problemi di legame nella terapia. Cercano di essere il paziente perfetto, criticano il terapeuta, o diventano insoddisfatti e se ne vanno. Se sei tu, ecco alcune cose che puoi provare da solo che gli psicologi chiedono ai perfezionisti di fare.

1. Applicare l'etichetta a te stesso. Si adatta? In quali aree della tua vita? Chiedi a qualcuno di cui ti fidi per un parere.
2. Immagina di mettere le tue aspettative su te stesso su un'altra persona. Sembrano ancora ragionevoli?
3. Ripensa al feedback che hai ricevuto a casa. Era appropriato? Come ti sei sentito?
4. Scrivi i tuoi sentimenti più profondi tre giorni a settimana. Sei guidato dalla paura?
5. Se sei sovraccarico, pensa a cosa potresti rinunciare. Puoi delegare?
6. I perfezionisti cercano modi per misurarsi. Smettere di misurare
7. Metti la persona davanti al compito. Guardalo a modo suo.
8. Se temi gli errori, fai uno piccolo deliberatamente. Invia un'email con un errore di battitura e vedi cosa succede.
9. Esponiti a una sfida, se tendi ad evitarli. Inizia in piccolo e lavora.
10. Se devi sempre essere il migliore della classe, controlla un corso in cui non sei qualificato.
11. Confessare un piccolo errore. Se dire a un membro della famiglia è più difficile, inizia con un collega o un amico.
12. Costruisci un social network accettante e solidale.

Solutions Collecting From Web of "Fai del tuo meglio: è una domanda difficile"