Facebook risolve gli strumenti per la privacy, non i problemi di privacy

Piacevole sorpresa questa mattina! Tazza di caffè, e-mail, la "carta", e poi su Facebook per trovare un annuncio di nuovi controlli sulla privacy su tutta la parte superiore dello schermo.

Quindi, ho dato un'occhiata, uno sguardo ravvicinato. Sono felice di dire che i nuovi controlli sono un miglioramento significativo. Controllare chi vede quali informazioni sono semplici e dirette. Puoi facilmente controllare come le applicazioni e i siti web accedono alle informazioni personali. Puoi facilmente disattivare la "depersonalizzazione istantanea" in modo che i siti partner, come Yelp e Pandora, non accedano e visualizzino informazioni FB. E promettono che nulla cambierà andando avanti.

Tutto sommato hanno sentito le lamentele e la loro risposta è abbastanza buona. Ma c'è ancora un problema; inoltre danno suggerimenti e danno consigli. Per favore non ascoltarli! Hai davvero bisogno di ignorare le loro raccomandazioni perché derivano dalla loro idea che il modo per avere un'esperienza più sociale è avere meno privacy.

Pitting esperienza privata contro l'esperienza sociale è psicologicamente fuorviante e potenzialmente pericoloso.

Sconsigliato perché l'esperienza sociale della condivisione richiede che ci siano informazioni e esperienze private da condividere. La privacy è in realtà una pre-condizione per l'esperienza sociale. L'unione non è intimità; il borg non è più sociale. Infatti, maggiore è la privacy che offri, meno puoi essere sociale.

Pericoloso perché Facebook è diventato routine. È diventato qualcosa che "tutti" usa. Anche qualcuno come me che spende (forse troppo) il tempo della tastiera lamentandosi del servizio lo usa abitualmente. Alcuni, come Danah Boyd, hanno sollevato dubbi su come regolarlo come un servizio pubblico. Tutto questo uso di routine avrà inevitabilmente enormi, anche se sottili, effetti su come ci sentiamo e su come relazionarci gli uni con gli altri.

Considera, proprio come un esempio di potenziale pericolo dato che i dati sugli effetti di coorte stanno ancora emergendo, un recente studio di ricerca

presentato a Boston all'incontro annuale dell'Associazione per la scienza psicologica, che analizza i dati sull'empatia tra quasi 14.000 studenti universitari negli ultimi 30 anni. "Abbiamo riscontrato il più grande calo di empatia dopo il 2000", ha detto Sara Konrath, un ricercatore presso l'UM Institute for Social Research. "I ragazzi universitari oggi hanno un'intolleranza inferiore del 40% rispetto alle loro controparti di 20 o 30 anni fa, come misurato dai test standard di questo tratto della personalità".

via Empatia: gli studenti universitari non hanno più come prima.

Quello che Konrath ha fatto insieme ai co-investigatori Edward O'Brien e lo studente universitario Courtney Hsing è stato combinare "i risultati di 72 diversi studi condotti tra il 1979 e il 2009 da studenti universitari americani". Ciò che il calo di empatia ha trovato significa che ,

Rispetto agli studenti universitari della fine degli anni '70, lo studio ha rilevato che gli studenti universitari oggi sono meno propensi ad accettare affermazioni del tipo "Cerco talvolta di capire meglio i miei amici immaginando come appaiono le cose dal loro punto di vista" e "Spesso sono tenero, sentimenti preoccupati per le persone meno fortunate di me. "

via Empatia: gli studenti universitari non hanno più come prima.

Quando agli investigatori è stato chiesto di spiegare perché c'era questo calo di empatia, hanno fatto appello a più ricerche e hanno citato i social media come parte di una potenziale spiegazione del perché l'empatia è in declino.

La recente ascesa dei social media potrebbe anche avere un ruolo nel calo dell'empatia, suggerisce O'Brien. "La facilità di avere" amici "online potrebbe rendere le persone più propense a limitarsi a sintonizzarsi quando non hanno voglia di rispondere ai problemi degli altri, un comportamento che potrebbe essere trasmesso offline", ha detto. Aggiungi l'atmosfera ipercompetitiva e le aspettative gonfiate di successo, portate dai "reality show" celebrità e hai un ambiente sociale che funziona contro il rallentamento e l'ascolto di qualcuno che ha bisogno di un po 'di comprensione, dice.

via Empatia: gli studenti universitari non hanno più come prima.

Quindi, la linea di fondo sui nuovi controlli sulla privacy è che Facebook ha riparato alcuni aggressivi assalti alle informazioni private, buone per loro, ma stanno ancora perpetuando la nozione erronea e potenzialmente pericolosa che l'esperienza sociale debba essere acquistata a scapito della privacy.

Solutions Collecting From Web of "Facebook risolve gli strumenti per la privacy, non i problemi di privacy"