Facebook è la capsula di Petri della gelosia nella tua vita amorosa?

Facebook accende la gelosia romantica? La tua scelta di "stato della relazione" in un profilo può influire sulla tua relazione? Tre articoli recenti di Cyberpsychology & Behaviour affrontano queste domande d'amore ai tempi di Facebook.

"Più informazioni di quante non hai mai voluto" di Amy Muise et. al. (2009) chiede se i siti di social network "migliorano la gelosia" nelle relazioni.

Sembra ragionevole che potessero. Facebook collassa il confine tra pubblico e privato. Introduce un panoptico nel romanticismo: nel passato, gli amanti non erano sottoposti a "scrutinio quotidiano nei loro scambi" dal loro "circolo sociale".

Facebook rende facile connettersi con partner romantici del passato, che possono alimentare la gelosia. In Marriage Confidential (che uscirà in edizione economica a maggio) lo chiamo "perturbante sessuale": i fantasmi delle relazioni passate arrivano a perseguitare il presente. Nello studio di Muise, il 75% dei partecipanti aveva almeno un po 'di probabilità di aggiungere precedenti amanti come "amici" di Facebook.

Facebook aiuta anche a "mantenere relazioni che potrebbero altrimenti essere solo effimere" e collega persone che altrimenti non avrebbero mai comunicato. Tutto ciò potrebbe aumentare la gelosia e il sospetto.

Per testare l'ipotesi, Muise ha condotto un sondaggio online con 308 intervistati, di età compresa tra 17 e 24 anni, e ha utilizzato l'analisi di regressione gerarchica multipla, controllando fattori individuali, di personalità e di relazione (per scoprire quale sia il contributo di Facebook alla gelosia).

Ha trovato un'associazione significativa tra il tempo trascorso su Facebook e la gelosia, e ha postulato una "doppia causa". Fondamentalmente, siamo in un romantico ciclo di feedback sulla gelosia. Facebook espone un partner a informazioni che altrimenti non potrebbero mai trovare, il che potenzialmente provoca la gelosia. La gelosia, a sua volta, porta a una maggiore sorveglianza della pagina Facebook di un amante. Questa "sorveglianza persistente", a sua volta, aumenta il raccolto di potenziali boccate di gelosia.

Per alcuni partner, conclude Muise, la necessità di conoscere le intenzioni dei loro partner diventa quasi insaziabile. Alcuni hanno persino definito la sorveglianza di Facebook una "dipendenza" nelle domande a risposta aperta. Tra gli altri commenti interessanti:

"… Non posso fare a meno di pensare a me stesso quando qualcuno post sul muro di [la mia ragazza] … Può contribuire a farti sentire che non stai davvero" conoscendo "il tuo partner."

"[Facebook] sicuramente invoca un falso senso di gelosia."

"Ero già un po 'geloso e insicuro, ma penso che Facebook mi abbia decisamente fatto molto peggio."

Una scoperta affascinante è che le donne hanno trascorso più tempo su Facebook rispetto agli uomini, e hanno anche ottenuto un punteggio significativamente più alto su Facebook gelosamente.

"Time to Face It" (2011) si basa sullo studio di Muise guardando "l'intrusione di Facebook" nella vita quotidiana delle persone e su come potrebbe "traboccare" verso l'insoddisfazione romantica. Elphinston et. al. reclutato 342 membri di Facebook in un'università australiana per registrare il loro uso di Facebook per una settimana e completare questionari sulla gelosia e la soddisfazione delle relazioni.

Hanno scoperto che l'intrusione di Facebook era legata all'insoddisfazione della relazione. Più specificamente, era collegato tramite la gelosia romantica. Facebook offre "un forum interpersonale visibile in cui le informazioni condivise tra amici di Facebook possono essere ambigue e percepite come minacciose da un partner relazionale." Facebook offre anche un "numero infinito" di potenziali minacce di terzi, nella forma di "amici, "E in questi modi" incoraggia l'esperienza di pensieri gelosi e comportamenti di sorveglianza. "

Le qualità uniche dei social network: l'ibrido della vita privata in pubblico, la facile introduzione di "amici" che alimentano la gelosia, la presenza inquietante di Ghosts of Romances Past e i commenti frammentati e decontestualizzati scritti su Walls, così facilmente -interpretate e fraintese-fanno di Facebook una scatola di Petri per la gelosia, la paranoia e la sorveglianza romantiche.

La tua dichiarazione sullo stato del tuo partner nel tuo profilo Facebook ("single", "sposato", "sconcertantemente non classificabile" -ho fatto l'ultimo) influenza la tua relazione di felicità? A quanto pare, sì. "Are We Facebook Official?" (2012) analizza lo "stato della relazione" sui profili di Facebook in relazione alla soddisfazione della relazione. Ricercatori Papp et. al. reclutato 58 coppie in relazioni impegnate, da una piccola città del Midwest.

Tra gli altri risultati, hanno osservato interessanti differenze di sesso. I disaccordi tra uomini e donne rispetto allo stato delle relazioni di Facebook erano legati a livelli inferiori di soddisfazione delle relazioni per le donne, ma non per gli uomini.

Allo stesso modo, l'indicazione di uno "stato partner" di un partner maschile sul suo profilo Facebook era legata a una maggiore soddisfazione delle relazioni sia per l'uomo che per il suo partner. Ma l'indicazione di un partner femminile di essere associata al suo profilo non era legata alla soddisfazione del suo partner. L'inclusione di una donna del suo partner nella foto del suo profilo è stata associata ad una maggiore soddisfazione per entrambi, ma non è stato trovato alcun collegamento quando un uomo ha mostrato il suo partner nella sua foto.

Queste "inaspettate differenze di genere", sottolineano i ricercatori, suggeriscono che uomini e donne non attribuiscono la stessa importanza alle relazioni pubbliche su Facebook. Le donne sembrano preoccuparsi di questo di più, o di ottenere più soddisfazione dall'essere romanticamente "fuori" su Facebook.

Questi studi supportano l'intuizione aneddotica che l'amore al tempo di Facebook – e Internet, i giochi avatar online, il sexting, le chat room e gli affari informatici – è davvero diverso e probabilmente lo farà di più.

Solutions Collecting From Web of "Facebook è la capsula di Petri della gelosia nella tua vita amorosa?"