Facebook ha causato la recessione!

Commento su Facebook: "Ho avuto il mio secondo movimento intestinale oggi. Molto soddisfacente 🙂 "
Commento al commento: "Cinque persone come questa".

Va bene, non ho mai ricevuto questo preciso commento. Ma – e devo scusarmi con i miei veri amici, le persone su Facebook che effettivamente conosco, per quello che sto per scrivere – la quantità di messaggi FB che ho ricevuto che sono così banali, noiosi, totalmente irrilevanti come l'esempio fittizio di cui sopra, assolutamente mi fa schizzare la mente.

OK, alcuni dei miei amici di FB scrivono soprattutto cose utili: telefonate di sveglia politica, consigli su buona musica. Ma gli altri … Voglio dire, queste persone non hanno cose migliori da fare con le loro vite che scrivere, in sostanza, "È un'altra bella giornata nel villaggio" o "Il cane sta abbaiando per uscire" o "Il tempo fa" tasse "o" Ho appena fatto il pane alla banana "? Hanno davvero bisogno di sapere, se fossero un personaggio a Jersey Shore , quale sarebbero? E anche se per qualche ragione questa roba è davvero importante per loro, come possono immaginare che sarebbe utile o interessante per me?

In realtà, questi messaggi sono peggiori di noiosi o banali. Ingombrano il mio prezioso "muro", rendono più difficile trovare cose che in realtà sono destinate a me, qualcosa che potrebbe avere un valore informativo nella mia vita. In questo modo rendono la mia esistenza già confusa e troppo indaffarata – e sì, ammetto che questi problemi sono di mia propria colpa – ma lo rendono ancora più confuso e über -busy.

So cosa stai per dire: stanno costruendo una comunità virtuale. Codswallop. Qualsiasi comunità basata su quello che vedo: piove di nuovo, ha visto Jon Stewart la scorsa notte, pane alla banana; non vale la pena avere La vera comunità è come un buon romanzo, coinvolge personaggi appassionati che hanno in gioco qualcosa di vitale. Il pane alla banana non entra in esso.

Allora perché la gente fa questo? Perché amici-amici veri, non solo "amici" di Facebook, persone creative, intelligenti, di principi, uomini e donne che leggono Tolstoy, educano i bambini, danno soldi ad Haiti – perché spendono ciò che deve essere ogni settimana su FB, inviare e rispondere ai commenti su tempo, cani e pane alla banana?

La ragione, penso, risiede nella grande etica del petrolio del serpente americano. Come società di immigrati provenienti da culture molto diverse, tutti avevamo bisogno di un'immagine nazionale da identificare con: in particolare Dio, la libertà e la torta di mele di mamma. Il fatto che "Dio" sia un brutto scherzo, la vera libertà è riservata ai ricchi, e la torta di mele per la maggior parte è diventata uno strudel di carne scottato in pieno, che McDonald's passa come dessert, non è questo il punto. L'immagine era ciò che contava perché era qualcosa su cui ogni Juan, Dick e Ari potevano essere d'accordo.

E forse, nei giorni in cui eravamo una società produttiva, l'olio di serpente era OK. Ha tenuto insieme le persone nella fantasia mentre il vero lavoro è successo; mentre facevano secchi in acciaio zincato e aggiungevano macchine e mais.

Ma pochi di noi fanno più cose. E a causa di ciò, penso, la nostra etica nazionale si è deformata. Siamo, in larga misura, ciò che facciamo e fino a quando stavamo creando qualcosa di reale, il nostro senso del valore personale era anche solido. Una volta i veri lavori, il solido lavoro era finito, tutto ciò che avevamo lasciato su cui basare la nostra autostima era l'immagine.

E un'immagine, per definizione, in realtà non fa nulla. Come il denaro, è una rappresentazione di qualcos'altro, e ha valore solo nella misura in cui tutti sono d'accordo che ha valore.

In nessun luogo l'effetto dell'olio di serpente è forse più visibile che nella nostra economia. Gli Stati Uniti sono passati in mezzo secolo dall'essere il laboratorio del mondo a un'economia basata principalmente sull'acquisto, la vendita e il gioco d'azzardo. L'acquisto e la vendita avvengono in gran parte attraverso il mezzo di credito, l'ultimo esempio di un simbolo che porta valore solo fino a quando tutti sono d'accordo (il credito in percentuale del prodotto interno lordo è passato dal 130% negli anni '50 a quasi il 340% adesso). Il flusso del credito è diretto dalla pubblicità: informazione che rappresenta il valore che gli altri attribuiscono a un determinato prodotto. E il gioco d'azzardo è fatto in borsa, tramite banche, hedge fund e case d'investimento.

Come è il gioco d'azzardo del mercato azionario? Considera questo. Gizmo Inc. vende widget X (realizzati, ovviamente, a Shenzhen) e la campagna pubblicitaria di Gizmo fa sembrare X popolare. Megabroker LLC non dà due fischi se il widget X è effettivamente dannatamente buono. Ciò che importa – ciò che importa agli azionisti di Megabrokers – è la percezione che il widget X sia popolare. Pertanto Megabroker acquista azioni Gizmo e il prezzo delle azioni di Gizmo aumenta. Altri broker, vedendo questo, salgono sul carro del vincitore. Megabroker quindi vende le azioni e guadagna.

(Il mercato dei derivati ​​- in cui, per esempio, la carta emessa da Gizmo viene comprata e venduta in base a quello che gli investitori pensano che farà a un certo punto nel futuro) è semplicemente una versione distillata e indebitata del mercato azionario generale. per i derivati, a proposito, sia futures che over the counter, è stato valutato a 600 trilioni nel 2008 – circa dodici volte il valore dell'intera economia mondiale.)

Quindi, come tutto questo si riferisce a Facebook? Semplice. Le persone che devono dire agli altri, ogni giorno, ogni ora, che hanno appena fatto un pane alla banana, devono, a un certo livello, aver bisogno di input dagli altri per vedere il valore in ciò che fanno.

Non c'è altra spiegazione per questo. Apparentemente, non è abbastanza per Joe Blow fare un pane alla banana che abbia un buon sapore solo per Joe, o forse per la sua ragazza oi suoi figli. A un certo livello ha bisogno di essere rassicurato dal fatto che i suoi 126 "amici" su FB sanno anche del pane alla banana, anche se non riescono ad assaggiarlo. A un certo livello, ha bisogno di loro per convalidare la sua esistenza quotidiana.

Vedo questa sindrome al lavoro anche nei miei figli, entrambi i quali (i pregiudizi dei genitori sono ammessi) sono creativi, intelligenti e hanno un tempo limitato online. Tuttavia, quando il mio sedicenne torna a casa da una festa, per esempio, la prima cosa che vuole fare è accedere a Facebook per vedere le foto che sono state scattate dell'evento che ha appena lasciato – foto che la sua folla deve avere ho passato gran parte del tempo della festa a posare e scattare. È come se il partito non esistesse realmente fino a quando la sua realtà non fosse stata tradotta in immagini che avrebbero potuto pubblicare.

Il filo conduttore qui è il valore esterno – ciò che gli altri vedono come valore – in contrasto con il valore interno. Il valore esterno è immagine, mentre il valore interno si basa sui propri bisogni e percezioni, ciò che consideri essere l'utilità reale di un bene o servizio, pensiero o azione. Questa disgiunzione tra i due tipi di valori è vera per il mercato azionario: la bolla immobiliare e la recessione che ne seguì furono costruite su sistemi a valore esterno. Ma vale anche per la morale e l'etica. Il famoso test di Yale in cui i soggetti, cedendo alla pressione dei pari, hanno causato dolore reale ad altri soggetti, è un chiaro caso di moralità esterna che ha la precedenza sui valori sociali interiorizzati che dicevano che danneggiare gli altri era un male.

Il che non vuol dire, se hai fatto un pane alla banana di cui sei orgoglioso, è innaturale volerlo dire ai tuoi amici. Ma pubblicare questo tipo di notizie su FB cinque volte al giorno significa che il valore interno del pane alla banana non è più il punto. Il punto è diventato l'immagine del pane di banana e del produttore di pane alla banana; quanti "amici" hanno letto, quanti hanno "gradito" il commento di Joe Blow. Il valore è scomparso dal valore effettivo del pane nel soddisfare le papille gustative di Joe o nel riempire lo stomaco dei suoi figli.

Ed è in questo senso che l'etica di Facebook e la relativa etica del mercato azionario del casinò sono pericolose. Certo, un certo valore sta nel guadagnare il supporto degli amici, come nel valutare la popolarità di un determinato prodotto o servizio. Ma il vero valore intrinseco di qualcosa sta nella conoscenza diretta che un individuo ha di esso, e il beneficio che lui o lei trova nel usarlo. Questa è la base della vera informazione, dell'onestà, della conoscenza del nostro posto nel mondo su entrambe le macro e micro scale. Razza troppo lontana dai valori interni e si inizia a credere nelle bolle. Passa troppo tempo a cercare l'approvazione degli altri e perdi te stesso. La paura, in molti casi, è il risultato: paura di perdere supporto, amici, stima. La paura di essere soli. La paura deve sempre arrivare quando non c'è una struttura interna per negare il respiro. A volte penso che la paura sia l'emozione preminente in questa società.

(Questo è uno dei motivi per cui sostengo il ritorno al silenzio nel mio libro. Silenzio significa fermare tutte le forme di comunicazione.Più al punto, è un modo di smorzare i simboli e le immagini degli altri.Per ottenere il silenzio devi tagliare TV, opinioni esterne, annunci e giudizi di valore: significa che puoi ascoltare solo te stesso, in tal modo ristabilisci il contatto con il tuo sistema di valori interno, ricalibra le tue capacità di osservazione e giudizio. una parte del tuo personaggio, capisci, così facendo, chi sei veramente.)

Ma questo pezzo è andato avanti abbastanza a lungo. Ho bisogno di postarlo presto, quindi molte persone possono leggere e, con un po 'di fortuna, approvare. In effetti, ho bisogno di postarlo su Facebook. A quante persone piace questo?

Solutions Collecting From Web of "Facebook ha causato la recessione!"