Facciamo uno sforzo per essere più riflessivi e meno reattivi

La sera del 25 aprile 2017, ho partecipato alla conferenza Open Mind dell'UCLA Friends of the Semel Institute: Dr. Regina Pally The Reflective Parent.

L'Istituto ha descritto il programma come segue:

"Capire come crescere bambini felici, sani e di successo può essere travolgente. I genitori spesso si trovano a guadare attraverso tonnellate di consigli contrastanti. I libri che delineano una "maniera giusta" di fare le cose possono lasciare anche il sentimento di caregiver più dedicato scoraggiato e inadeguato quando la vita reale non è all'altezza. Regina Pally, psichiatra esperta e fondatrice del Center for Reflective Communities, propone qualcosa di totalmente diverso in The Reflective Parent. Sostiene che la chiave per un genitorialità di successo è avere una relazione forte con il bambino. Ciò richiede ai genitori di rallentare, riflettere e riconoscere che non esiste un modo giusto per i genitori.

Pally sintetizza la più recente ricerca neuroscientifica per dimostrare che le naturali tendenze del nostro cervello di entrare in empatia, analizzare e connettersi con gli altri sono tutto ciò di cui abbiamo bisogno per essere dei buoni genitori. Ogni capitolo intreccia discussioni su specifici principi di genitorialità riflessiva come "Tollerare l'incertezza" e "Ripara le rotture" con accattivanti spiegazioni della scienza che li sostiene. Breve "Prendi lezioni di casa" alla fine di ogni capitolo e esempi vividi di genitori e bambini che mettono in pratica i principi rendono questa guida pratica per tutti coloro che cercano di costruire relazioni amorevoli e durature con i loro figli ".

Sul suo sito web, il dott. Pally spiega cosa, perché e come "Reflecting Parenting è il modo migliore [per i genitori di raggiungere l'obiettivo di volere] che il loro bambino sia felice, sano, andare d'accordo con gli altri e fare bene a scuola".

Come mediatore e avvocato che lavora con genitori e famiglie, ho pensato che i miei clienti potessero trarre beneficio dal mio programma, oltre al mio interesse per ciò che mi sembrava coerente con la mia comprensione di ciò che rende le persone migliori.

Nell'introduzione del suo libro The Reflective Parent: Come fare di meno e riguardare di più con i tuoi figli , Pally descrive le fonti delle sue conoscenze come segue:

"Il libro si basa su ciò che ho imparato dalla mia formazione pediatrica, psichiatrica e psicoanalitica; il mio lavoro clinico con i pazienti; i miei studi in neuroscienza; le mie esperienze personali; e più recentemente il mio coinvolgimento con l'organizzazione no-profit Center for Reflective Communites (CRC), la cui missione è promuovere lo sviluppo sano del bambino rafforzando i legami relazionali che i bambini hanno con tutte le persone che si prendono cura di loro. Attraverso loro, ho imparato che la capacità riflessiva di un genitore è il fattore più strettamente associato allo sviluppo sano del bambino e può essere protettivo contro l'impatto negativo dello stress e delle avversità. Il principio guida del CRC è che ciò che conta di più nella vita sono le relazioni e che essere riflessivi rafforza le relazioni che abbiamo con tutte le persone nella nostra vita ".

Nel suo libro, Pally dice quanto segue:

"Genitorialità riflessiva significa capire che tutto ciò che il bambino fa e dice è motivato o innescato da qualcosa che accade nella loro mente, come un sentimento, un'intenzione o una credenza, e che lo stesso è vero per te. Tutto ciò che fai o dici è motivato o innescato da qualcosa che accade nella tua mente. La genitorialità riflessiva implica l'assunzione di una prospettiva a due sensi, in cui vedi il mondo dalla prospettiva di tuo figlio come dal tuo. Essere riflessivi ti consente di fare tutte le cose che la ricerca mostra associate ai bambini che fanno meglio durante tutta la loro vita …

"La capacità riflessiva è tecnicamente definita come abilità mentale in cui la mente è in grado di riconoscere (a) che tutto il comportamento umano ha un significato in termini di ciò che sta accadendo nella mente di una persona, come i loro sentimenti, desideri, intenzioni, motivazioni, e credenze, e questo vale sia per il proprio comportamento che per il comportamento degli altri; (b) che tutte le persone hanno una mente soggettiva, separata e privata; e (c) che ciò che è nella mente di una persona può essere lo stesso o potrebbe essere diverso da quello che succede nella mente di qualcun altro ….

La mente è intrinsecamente soggettiva. Ogni mente vede il mondo a modo suo. Poiché la mente è sia nascosta che soggettiva, anche l'essere riflessivo non garantisce che tu capisca sempre pienamente il tuo bambino. Quando riflettiamo, tutto ciò che possiamo veramente fare è fare una buona congettura o inferenza su ciò che probabilmente sta succedendo nella mente di un'altra persona. Potremmo avere ragione. Ma non abbiamo sempre ragione. Ecco perché la genitorialità riflessiva sottolinea che l'equivoco è possibile e comune, ma essendo riflessivo, un genitore ha maggiori probabilità di capire e chiarire le incomprensioni quando si verificano ".

Mentre stavo leggendo il suo libro, la frase seguente mi è venuta fuori a causa delle informazioni contenute nel mio ultimo articolo intitolato You Think You're Helping, Do You?

"Quando i genitori non sono riflessivi, tendono ad essere più reattivi."

Il mio articolo conteneva un estratto dal libro di Thomas Digrazia "Mediating Family Disputes and Avoiding Adversarial Violence" che citava il Dr. Dan Siegel, sebbene Digrazia abbia scritto male il nome di Siegel. L'estratto è il seguente:

Secondo il dott. Daniel J. Siegal, uno psichiatra neurologico e infantile, nel suo libro intitolato Mindsight: La nuova scienza della trasformazione personale , da una prospettiva fisiologica quando il sistema nervoso è ricettivo e un individuo è centrato nel lobo prefrontale, i muscoli facciali e le corde vocali si rilassano, si gode la normale pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Siamo più creativi e aperti a ciò che l'altra persona sta affermando o proponendo. Al contrario, quando il sistema nervoso è reattivo, siamo in una modalità limbica o di sopravvivenza, fisicamente ed emotivamente. Secondo Siegal, in uno stato di reazione, "… distorciamo ciò che ascoltiamo per adattarci a ciò che temiamo". Questo ci fa sentire (che è un atto fisico) senza ascoltare (che è un evento neocorticale, cognitivo). "

La connessione tra Pally e Siegel non è affatto una coincidenza, a proposito. Infatti, nella sezione Ringraziamenti del suo libro, Pally ha detto: "Sono grato a Dan Siegel, che per primo mi ha coinvolto nell'apprendimento del cervello e per il suo sostegno al lavoro riflessivo che faccio".

In ogni caso, è noto da tempo che "anche se teoricamente distinte, le paure e l'ansia generalizzata sembrano essere altamente interrelate".

Obin Marantz Henig ha spiegato la differenza tra paura e ansia in Understanding the Anxious Mind come segue:

"L'ANSIA NON È paura, esattamente, perché la paura è focalizzata su qualcosa di fronte a te, un pericolo reale e oggettivo. È invece una specie di paura impazzita, un senso generalizzato di terrore per qualcosa là fuori che sembra minaccioso, ma che in verità non è minaccioso e potrebbe anche non essere là fuori. Se sei ansioso, ti sembra difficile parlarti di questo presagio; ti ritrovi intrappolato in un loop infinito di what-ifs. "

Mentre l'ansia potrebbe non essere "paura, esattamente", porta a uno "stato reattivo".

Infatti, Marantz descrive come l'ansia ci colpisce come segue:

"Nel cervello, questi pensieri possono spesso essere ricondotti alla eccessiva reattività nell'amigdala, un piccolo sito nel mezzo del cervello che, tra le sue molte altre funzioni, risponde a novità e minacce. Quando l'amigdala funziona come dovrebbe, orchestra una risposta fisiologica ai cambiamenti nell'ambiente. Questa risposta include una memoria intensa per le esperienze emotive e il familiare battito del petto di lotta o fuga ".

Per quanto riguarda l'ansia, uno dei principi di parentela riflessiva di Pally è,

"Tollerare ambiguità, incertezza e non conoscenza. Ciò include l'accettare che incomprensioni e conflitti siano normali e inevitabili. Tollerando e accettando queste cose, i genitori hanno meno probabilità di reagire in modo riflessivo o rigido alle situazioni. Come spiegato nel Capitolo 2, non c'è una sola verità su ciò che sta accadendo, ma solo su varie percezioni. La vita e le relazioni umane sono per loro natura un affare disordinato ".

Nel frattempo, Pally ci dice che mentre siamo in uno stato reattivo non siamo riflessivi e secondo Siegel, "'… distorciamo ciò che ascoltiamo per adattarci a ciò che temiamo' e ascoltiamo senza ascoltare".

Ora, considera quanto di tale comportamento sia collegato a ciò che è noto come pensiero binario e come ciò porti alla polarizzazione.

Il 14 dicembre 2016, Huffington Post ha pubblicato il mio articolo intitolato Shameful US History Repeating Itself . La reazione alla paura è stata la causa di quella "vergognosa storia americana", poiché è la causa della storia che si ripete.

Nel suo libro, Daring Greatly , la ricercatrice di scienze sociali Brene 'Brown ha fatto riferimento al pensiero binario come a una visione del mondo di Viking o Victim. Come lei lo descrisse,

"Quello che è emerso da queste interviste e interazioni è stato un obiettivo sul mondo che essenzialmente ha visto le persone divise in due gruppi (ehm, come me e Sir Ken Robinson) che io chiamo Vichinghi o Vittime ….

[T] queste persone hanno condiviso la convinzione che tutti, senza eccezioni, appartengano a uno dei due gruppi che si escludono a vicenda: O sei vittima della vita, un succhiatore o uno sfigato che viene sempre sfruttato e non può tenere il tuo o tu Sei un vichingo, qualcuno che vede la minaccia di essere vittimizzato come una costante, in modo da tenere il controllo, dominare, esercitare potere sulle cose e non mostrare mai la tua vulnerabilità.

Mentre codificavo i dati di queste interviste, continuavo a pensare al capitolo della mia dissertazione sul filosofo francese Jacques Derrida e all'opposizione binaria (l'associazione di termini correlati opposti). Mentre gli intervistati non usavano tutti gli stessi esempi, un modello forte di opposti accoppiati è emerso nel linguaggio usato per descrivere la loro visione del mondo: vincitore o perdente, sopravvivere o morire, uccidere o essere ucciso, forte o debole, leader o seguaci, successo o fallimento, schiacciare o essere schiacciato. E nel caso in cui questi non siano esempi abbastanza chiari, c'è il motto di vita di un avvocato di grande successo, senza prigionia, "Il mondo è diviso in stronzi e ventosi. È così semplice.'

La fonte della loro visione del mondo vichingo o vittima non era completamente chiara, ma la maggior parte la attribuiva ai valori che avevano imparato a crescere, all'esperienza di sopravvivere alle difficoltà o alla loro formazione professionale ….

Paura e scarsità alimentano l'approccio Viking-o-Victim ".

Una grande quantità di paura e ansia è causata da una mancanza di conoscenza e il rimedio a tale paura e ansia è abbastanza semplice – innalzando il livello della propria conoscenza. Tuttavia, farlo richiede empatia e compassione, il che implica essere riflessivi.

Pally lo spiega come segue:

"Avere una relazione genitore-figlio forte significa essere confortanti, empatici, convalidanti, comprensivi, accettanti e di supporto per il bambino. Ma significa anche prendere lo stesso approccio verso te stesso! In altre parole, per dare al tuo bambino ciò di cui ha bisogno, devi dare quelle stesse cose a te stesso. Infatti, la ragione più comune per cui i genitori hanno difficoltà a essere confortanti, empatici, convalidanti, comprensivi, accettanti e di sostegno del loro bambino è che hanno difficoltà ad essere in questo modo in relazione con se stessi ".

Sarebbe un errore credere che un simile consiglio sia limitato alla genitorialità. Infatti, come spiega Pally,

"La capacità di essere riflessivi è essenziale per relazionarsi bene con gli altri, perché ci permette di provare a vedere il mondo dal punto di vista dell'altra persona così come il nostro e di accettare che ci sia sempre più di un modo per vedere una situazione. ”

Nel 2014, Huffington Post ha pubblicato il mio articolo The Power of Empathy . Circa un anno dopo, quell'articolo è stato ripubblicato come l'articolo di copertina di DR Currents, una pubblicazione della Sezione di risoluzione delle controversie dello State Bar of Georgia. L'anno successivo, è stato referenziato Conversazioni empatiche – Testare la loro efficacia come uno strumento decisionale – Uno studio pilota della dottoressa Lynne Reeder, direttore di Australia21, "un think tank pubblico non specializzato specializzato nella promozione di nuove riflessioni basate sull'evidenza le grandi questioni che affrontano l'Australia in un ambiente globale in rapida evoluzione ".

Nel novembre 2016, Psychology Today mi ha dato il benvenuto nella sua community di esperti come Psychology Today Blogger e ha intitolato la mia rubrica generale sul blog Empathy and Relationships: Fostering Genuine Open-Mindedness . Il mio blog di debutto era intitolato Bridging Our National Divide: Empathy and Compassion : risolvere i problemi che affliggono la nostra nazione richiede empatia e intelligenza emotiva.

Per quello che vale, il governo reattivo non è meno dannoso di una genitorialità reattiva.

Che ne dici di provare tutti e di essere più riflessivi e meno reattivi?

Solutions Collecting From Web of "Facciamo uno sforzo per essere più riflessivi e meno reattivi"