Facciamo finta!

In caduta libera, sente che iniziano le recriminazioni interne: "Che sarà questa volta? Quanto costerà? Come pagherò per questo? Cosa farà questo alla mia carriera? Allora , come lo pagherò? "

Atterrando sulla neve fitta, sente la crepa, sente il dolore. I pensieri indesiderati continuano: "Come hai potuto essere così goffo / incurante / stupido?"

Questi spietati "famigli" lo accompagnano mentre viene trasportato in aereo dalle piste, mentre si precipita in un vicino ospedale, mentre attende l'inevitabile cast, questa volta sul suo braccio. Ora, i pensieri si uniscono agli echi della voce di suo fratello, durante l'infanzia: "La mamma sarà così incazzata." E infatti, la voce di sua madre: "Non ho tempo per questo, Jordan."

Jordan (come sempre, ho camuffato alcuni aspetti di lui per motivi di privacy) è un violinista professionista con moderato successo e grandi ambizioni. Queste ambizioni sono state in qualche modo ostacolate dal suo stile di cronico preoccupante: oltre a tutte le "chiacchiere" mentali descritte sopra, la prospettiva di audizioni per le posizioni orchestrali aumenta la preoccupazione. Le fratture composte che ha sostenuto durante lo sci significano qualche reale incertezza sul fatto che sarà sufficientemente guarito da essere in grado di esibirsi in un'audizione programmata.

In psicologa (il linguaggio usato dagli psicologi per descrivere fenomeni comuni), Jordan è un catastrofista. Vive in una terra di anticipazione, anticipazione del peggior risultato possibile. Nelle parole del mio collega Dr. David Carbonell, "gioca" un gioco mentale che può essere descritto come "What if?" O "Let's Pretend." Come lo descrive il Dr. Carbonell nel suo recente libro, The Worry Trick ,

Le persone in genere non "cosa succede se" sulle cose buone. Si tratta di cose negative, terribili e terribili che potrebbero accadere in futuro.

Quindi "cosa succede se" significa davvero "Facciamo finta qualcosa di brutto".

Il Dr. Carbonell ha un meraviglioso senso dell'umorismo, e pensare all'ansia in un modo diverso, oltre a alleggerire il senso di crisi, può iniziare a essere un modo in cui Jordan può pensare alla sua esperienza.

Ho appena iniziato a incontrare Jordan. Possiamo avvicinarci alle sue preoccupazioni da vari punti di vista. In una certa misura, questo sarà basato sulla letteratura di ricerca; alcuni dipenderanno dalla mia conoscenza e esperienza con persone come lui; alcuni dipenderanno da ciò che sta cercando nel nostro lavoro. E molto dipenderà da come lui e io lavoreremo meglio insieme.

Se Jordan sarà in grado di esibirsi nell'audizione imminente – e se è qui che vorrebbe che lavoriamo in questo momento – potremmo iniziare con le abilità mentali che troverà utili per gestire bene l'audizione. Ciò comporterà varie tecniche di abilità psicologica (PST) che scrivo così frequentemente in questi post del blog, come la respirazione diaframmatica per la gestione della tensione, l'immaginario come parte del processo di preparazione mentale e fisico e i modi in cui può vedere in modo costruttivo questa audizione come un'opportunità piuttosto che una prova di tutta la sua autostima.

Ma concentrarsi solo su questa audizione potrebbe essere un po 'miope. Mi è chiaro che Jordan non è solo preoccupato per l'audizione. È un cronico preoccupato. Potremmo decidere di affrontare il suo intero stile di approccio al mondo.

pixabay.com
Fonte: pixabay.com

Potremmo iniziare differenziando le preoccupazioni "vere" dalle preoccupazioni "barocche", quelle curve irresistibilmente belle e intricate e le volute di pensiero che riempiono la mente ma non vanno da nessuna parte.

Jordan potrebbe essere in grado di generalizzare dai PST che ha imparato. Questo è uno dei motivi per cui mi diverto a lavorare sui problemi di performance con le persone: queste competenze possono davvero funzionare in modo più ampio rispetto alla semplice applicazione a uno specifico evento di performance.

Potremmo usare alcune tecniche cognitivo-comportamentali classiche, come sfidare i suoi preoccupanti pensieri. Potremmo avvicinarci al suo preoccupante dal punto di vista dell'accettazione e della terapia dell'impegno (ACT), in modo che possa apprezzare che i pensieri sono … solo pensieri. Non definiscono chi è.

E se Jordan è un lettore, senza dubbio mi raccomando di leggere The Worry Trick .

Se Jordan rimane in giro per un po ', e se è interessato a qualche cambiamento più profondo, potremmo iniziare ad affrontare quelle esperienze del passato che continuano ad ostacolare il suo senso di benessere. Tendo a pensare a questo come a riorganizzare i "mobili interni" di se stessi, una specie di feng shui del sé. Ho trovato, ad esempio, che la EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) può offrire un cambiamento significativo sia per le prestazioni che per il senso di sé di una persona.

Con questi tre livelli di coinvolgimento, Jordan e io saremo in grado di affrontare il passato, il presente e il futuro. Le capacità di prestazione riguardano i modi in cui si può rimanere concentrati o tornare a concentrarsi nel presente. Quando affrontiamo le sue preoccupazioni, Jordan può lasciare che il futuro si svolga a modo suo. E smistando e chiarendo le sue esperienze passate e le vecchie convinzioni, non avrà bisogno di fingere. Sarà in grado di affrontare le sfide molto reali e attuali – e le gioie – della sua vita così com'è.

Solutions Collecting From Web of "Facciamo finta!"