Facciamo di questo il "secolo della compassione globale, l'era dell'empatia" e sbarazzati della negatività una volta per tutte

Viviamo in un mondo travagliato e ferito che ha un disperato bisogno di guarigione. Dovremmo essere tutti preoccupati e terrorizzati da ciò che abbiamo fatto e continuiamo a fare. Gli umani sono un arrogante e abbiamo creato enormi e orribili pasticci globali che devono essere riparati ora. Il senso dominante del tumulto è evidente a chiunque abbia il tempo di prestare attenzione. Sia i ricercatori che i non ricercatori sono estremamente preoccupati per le perdite globali senza precedenti di biodiversità e per il modo in cui gli esseri umani soffrono a causa dei nostri modi distruttivi. Siamo animali e dovremmo essere orgogliosi e consapevoli della nostra appartenenza al regno animale. Tuttavia, il nostro contributo unico alla sfrenata decimazione del pianeta e alle sue numerose forme di vita è un insulto agli altri esseri animali e ci umilia.

In un saggio precedente ho sostenuto che dobbiamo essere positivi, che dobbiamo continuare a lavorare sodo per migliorare la vita degli animali, che dobbiamo essere proattivi e mantenere i nostri sogni e vivi ma concentrandoci su ciò che funziona. Ho concluso:

In futuro probabilmente ci saranno meno persone che saranno effettivamente in grado di fare una differenza positiva nelle nostre relazioni con gli animali e gli ecosistemi. Joel Cohen (2009), capo del Laboratorio di popolazioni presso la Rockefeller University e la Columbia University, offre il fatto sobrio che la differenza nel numero di popolazione tra le aree meno sviluppate del mondo (i non abbienti) e le regioni più sviluppate del il mondo (gli abbienti) sarà aumentato da due volte negli anni '50 a circa il sei volte entro il 2050. Ciò significa che è imperativo – forse è davvero un imperativo morale – che coloro che possono fare qualcosa di buono per gli animali e la terra perché la divisione tra coloro che possono e quelli che non lo sono è in rapida crescita e questo sarà impegnativo per l'umanità in quanto il rapporto si sposta. Naturalmente, poiché non tutti gli "abbienti" scelgono di fare molto, se non del tutto, è ancora più essenziale che coloro che scelgono di fare qualcosa lo facciano per tutto il tempo che possono e non soccomberanno alle inevitabili delusioni, frustrazioni e burnout che sono associati all'attivismo animale e ambientale. Tutti possiamo fare scelte più umane e compassionevoli per espandere il nostro impronta di compassione, e tutti possiamo farlo meglio.

Mentre giravo il mondo parlando di questi argomenti e incontrando persone meravigliose che lavorano instancabilmente e disinteressatamente per gli animali e per gli umani, sono sempre così contento. Quindi, la sfida che vorrei mettere in evidenza è che tutti dobbiamo lavorare insieme per rendere questo IL SECOLO DI COMPASSIONE, L'ERA DI EMPATIA. E possiamo davvero rammendare i nostri cuori e costruire corridoi di compassione ed empatia se ci impegniamo a raggiungere questo obiettivo. Altri hanno anche scritto su questi argomenti rispetto alla nostra specie, e ciò che è possibile quando mettiamo compassione ed empatia prima di tutto (vedi ad esempio, "The Empathic Civilization" di Jeremy Rifkin, "Born To Be Good" di Dacher Keltner, e D. Keltner et al. "L'istinto compassionevole: la scienza della bontà umana").

Come ho concluso prima, dobbiamo tutti provare il più possibile per continuare a pensare in modo positivo e proattivo. Circondati di persone positive che sono anche sensibili alla terribile situazione in cui ci troviamo e ci impegniamo a fare qualcosa al riguardo. Questo aiuta a prevenire il burn-out. Forse una buona soluzione è che cercheremo tutti di fare meglio per gli animali – sia umani che non umani – e la terra e il lavoro per più pace e giustizia per tutti. Possiamo e dobbiamo mantenere vive le nostre speranze e i nostri sogni e mettere compassione ed empatia in prima fila è un dovere, e dobbiamo farlo ora. E possiamo imparare molto su come farlo dai nostri amici animali. (vedi anche e)

Non c'è spazio per l'ipocrisia o la negatività. Quindi mettiamo tutto da parte e andiamo avanti insieme come una comunità affiatata sapendo quanto lavoro c'è da fare ma anche sapendo e sentendo che con un impegno globale per la compassione e l'empatia possiamo riuscire a rendere il futuro molto più luminoso per i nostri bambini chi ha così tanto bisogno di modelli migliori per il pensiero positivo e la speranza. Mai dire mai, mai.

Riferimento: Cohen, J. 2009. La popolazione umana cresce. In Mazur, L. (a cura di). 2009. Un momento cruciale: popolazione, giustizia e sfida ambientale. Island Press, Washington, DC, pp. 27-37.


Solutions Collecting From Web of "Facciamo di questo il "secolo della compassione globale, l'era dell'empatia" e sbarazzati della negatività una volta per tutte"