Faccia di polemica

Quando ho visto per la prima volta questo titolo ("Come un murale di Michelle Obama è diventato una lezione sullo sfruttamento") e l'immagine controversa che accompagna, apparentemente raffigurante la signora Obama come una regina egiziana (secondo l'artista della riproduzione), ho pensato: qualcuno sta infine criticando come viene regolarmente celebrata oggettivando ed esotizzando il suo aspetto. Risulta che la polemica riguardava l'illegittima appropriazione artistica – per essere sicuri che fosse un problema importante di per sé, ma non quello che speravo fosse illuminato. In effetti, l'autrice, Britt Julious, dopo aver notato la signora Obama è "intelligente e di classe, bella e graziosa" rende omaggio alla somiglianza: "Che la signora Obama apparisse come una regina nubiana non è probabilmente un caso. La grazia sotto il fuoco è un risultato reale. "

Per enfatizzare continuamente la bellezza e la grazia, i successi possono essere letti come una forma di resistenza contro una dominante cultura bianca che continua a caratterizzare brutalmente le donne nere come animali (come in questo recente orribile esempio) o come asessuali o iper-sessuali. E, la rifusione della signora Obama come sovranità di un'antica civiltà potrebbe funzionare per collocare l'ex first lady come un'icona senza tempo di potere e glamour. MA un tale rendering * anche * focalizza la nostra attenzione sulla superficie di un essere umano – un cambiamento che sembra essere più dannoso per la nostra percezione delle donne che degli uomini. Tra due studi correlati, Heflick et al. (2011) hanno esposto i partecipanti a una foto di Michelle Obama (in un vestito "non rivelatore") oa Barack Obama (in un completo), e poi li hanno istruiti a scrivere del loro aspetto oa scrivere di loro più in generale senza un focus sull'aspetto. I risultati hanno mostrato che concentrarsi sull'aspetto diminuiva le percezioni di competenza, calore e moralità per Michelle ma non per Barack. I ricercatori concludono che oggettivare le donne, in particolare, funzioni per ridurre la loro umanità di base.

È significativo e positivo che Michelle Obama sia stata rappresentata con un'enfasi sul suo viso sul suo corpo nel caso particolare dell'immagine Instagram / murale. La ricerca mostra che anche l'aumento del rapporto tra il proprio corpo e il proprio corpo è associato a maggiori percezioni della competenza e del potere, ed è un fenomeno, non sorprendentemente, più prevalente tra gli uomini bianchi rispetto alle donne nere. È anche significativo che Obama non stia sorridendo, come si prevede abitualmente che le donne facciano e facciano più spesso degli uomini, in particolare in risposta alle aspettative di genere. Tuttavia, l'enfasi sulla bellezza e lo sguardo distolto (che il sociologo Erving Goffman una volta aveva definito una forma di "ritiro autorizzato" – almeno per descrivere uno sguardo più passivo e "sognante" di quello di Obama) ci invita a vederla come un'opera di l'arte piuttosto che una persona – una "natura morta" piuttosto che una forza vibrante e dinamica. L'immagine originale su cui è basata questa immagine focalizza anche la nostra attenzione su un aspetto simile a un modello stilizzato (indossava una sottoveste?). Inoltre, incastonato in un omaggio altrimenti ricco di sfumature di Chimamanda Ngozi Adichie, c'erano riferimenti puntuali alla caratteristica fisica di Obama: "Era diventata un'icona di stile americano. I suoi vestiti e allenamenti. La sua carrozza e le sue curve. Braccia tonica e dita lunghe e sottili. "

Un assunto erroneo comune è che le donne nere siano "immuni" alle preoccupazioni relative all'immagine corporea. La ricerca mostra che, sebbene le donne nere tendano a riportare livelli inferiori di preoccupazioni per il corpo rispetto alle donne bianche (alcune delle quali possono essere un artefatto di pregiudizi strumentali europei ed enfasi sulla snellezza), e potrebbero essere meno propensi a confrontarsi con i modelli di media bianchi, questo apparente distinzione non si traduce in immunità. La ricerca ha dimostrato che sperimentare l'identificazione di desideri con modelli di media rilevanti per sé è associata a preoccupazioni per il corpo sia per le donne in bianco e nero. Inoltre, gli studi dei focus group rivelano che le donne di colore navigano in messaggi misti e complessi sulle norme di bellezza che devono ancora essere catturate da metodi di indagine più tradizionali.

Le immagini sono, per definizione, riduttive; chiaramente non si può catturare l'essenza di un pensiero, sentendo l'essere umano adeguatamente in una situazione di congelamento. E praticamente qualsiasi immagine di una figura pubblica potrebbe essere esaminata per banalizzare o enfatizzare la cosa "sbagliata". Tuttavia, è importante richiamare schemi pervasivi nella rappresentazione quando appaiono – in questo caso: le donne come oggetti estetici, che si collegano a modelli di percezione più ampi: le donne sono meno che completamente umane. Indipendentemente dall'intenzione celebrativa e reverenziale comprensibile, ritrarre Michelle Obama come un busto mitologico potrebbe fare l'ex First Lady e chiunque la guardi come un modello di vita intellettuale, politica e sociale, un disservizio fondamentale.

Solutions Collecting From Web of "Faccia di polemica"