Evoluzione e lo psicopatico

Evolution and the psychopath

Da quando ho iniziato a studiare la psicopatia, mi sono spesso interrogato su una base evolutiva per questo pericoloso disturbo. La psicopatia è considerata un disturbo dello sviluppo (Blair, 2006), il che significa che attraverso il suo normale corso di sviluppo il cervello sperimenta stress o cambiamenti biochimici che non favoriscono un corretto sviluppo neurologico. Questa idea è supportata da supposizioni della psicologia comportamentale e delle neuroscienze; in primo luogo, nella psicologia comportamentale, si sospetta che un grave abuso sui minori possa essere un fattore alla base della psicopatia (Kunitz et al., 1998), e in secondo luogo, nelle neuroscienze, è stato notato che molti con psicopatia mostrano un sottosviluppo significativo di un numero delle regioni nel loro cervello (per una revisione vedi Pemment, 2012).

L'ambiente di un organismo è cruciale nell'evoluzione perché è il fattore di selezione dietro il quale i geni vengono trasmessi alla generazione successiva. Ad esempio, se i geni stanno creando strutture organismiche che conferiscono un vantaggio in un particolare ambiente, allora l'organismo riesce a riprodurre e trasmettere questi geni. O forse i geni promuovono un particolare tipo di comportamento all'interno di questo ambiente che promuove il suo successo riproduttivo, ancora una volta, permettendogli di trasmettere i suoi geni. Se lavoriamo con l'assunto che l'abuso e il trauma infantile potrebbero essere alla base dello sviluppo della psicopatia, abbiamo l'ambiente in questione, solo che è più di un fattore selettivo – è un fattore causale .

Chiaramente, però, non tutti i bambini che soffrono a causa di abusi e traumi diventano psicopatici e ciò potrebbe essere dovuto a una componente genetica. Se un bambino ha determinati alleli (variazioni di un particolare gene), allora l'impatto dell'ambiente potrebbe essere migliorato o diminuito. Sappiamo che le variazioni del gene per la monoammina ossidasi (MAO) sono state a lungo implicate nel comportamento violento (Schalling et al., 1998). MAO è un enzima che scompone le monoamine, come la serotonina e altri neurotrasmettitori. Anche gli alleli per proteine ​​SNAP sono stati implicati nella psicopatia (Basoglu, 2011). Le proteine ​​SNAP sono coinvolte nell'attracco delle vescicole sinaptiche durante la neurotrasmissione.

È possibile che un ambiente di traumi e abusi possa avere qualcosa a che fare con questi geni implicati? Un ambiente stressante potrebbe, in teoria, alterare il tasso di trascrizione alterando il tagging sulle regioni del promotore di determinati geni; questo fenomeno è noto come epigenetica, per cui i cambiamenti nell'ambiente immediato del DNA (causati da interazioni sociali, dieta e altre interazioni) modificano le molecole di mRNA e i gruppi di istoni. Entrambi possono modificare il tasso di trascrizione dell'mRNA e potenzialmente il tasso di traduzione del DNA. Il risultato finale significherebbe un numero più alto o più basso di alcune proteine, come MAO o SNAP, e questo potrebbe portare a tratti psicopatici. Oltre a questo, gli alleli canaglia per MAO o SNAP potrebbero produrre strutture proteiche canaglia, il che significa che non solo il numero di queste proteine, ma l'unicità strutturale della proteina potrebbe essere coinvolto. La quantità della proteina sarebbe influenzata dall'ambiente stressante o traumatico, ma l'unicità strutturale non lo farebbe.

È stato dimostrato nei roditori che lo stress non è favorevole alla neurogenesi (Dranovsky & Hen, 2006), e questo potrebbe essere il motivo per cui nel cervello dello psicopatico vediamo una mancanza di materia grigia nel lobo frontale e anomalie amigdaliche (Pemment, 2012) . Nessuno ha "collegato" con successo le anormalità neuronali in psicopatia al comportamento effettivo esibito da questi individui, ma non è difficile speculare, specialmente perché le interazioni tra l'amigdala e il lobo frontale sono coinvolte nell'elaborazione della paura e nella moralità. Ma queste anomalie hanno qualcosa a che fare con l'espressione degli alleli menzionati sopra? Potrebbe essere che il trauma e l'abuso influenzino l'espressione di MAO e SNAP, e influenzino lo sviluppo neuronale, ma l'espressione di MAO e SNAP non è correlata allo sviluppo.

Quindi, tornando alla questione dell'evoluzione, dobbiamo guardare all'eredità. I bambini erediteranno i geni per MAO e SNAP dai loro genitori e l'espressione di qualsiasi allele canaglia diventa un semplice caso di incroci genetici (omozigoti dominanti, eterozigoti e omozigoti recessivi). Se la psicopatia è "localizzata" qui, allora ci saranno diverse probabilità che sarà espressa e la persona potrebbe manifestarsi come uno psicopatico. Questo da solo, tuttavia, è improbabile che spieghi il mal-sviluppo neuronale osservato negli psicopatici.

In un modo perverso di modo, gli psicopatici potrebbero ereditare l'ambiente dei loro genitori. Se un genitore psicopatico è stato sottoposto a pedofilia e trauma, allora forse agirà violentemente e aggressivamente verso i propri figli a causa del loro disordine – la violenza genera violenza. I bambini di questi individui non avranno solo i loro geni, ma saranno soggetti a simili stressanti ambientali che i loro genitori hanno sofferto. L'ambiente conduttivo unito alla suscettibilità genetica aumenta la probabilità di un bambino psicopatico.

Vorrei dire che c'è un aspetto dell'evoluzione culturale qui nella continua comparsa di psicopatici, o almeno di individui violenti. Nel corso della storia non è stato raro per le famiglie mantenere la stessa professione. Pertanto, se un padre brutale si aspettava che un figlio seguisse le sue orme, il figlio sarebbe esposto alla professione del padre, che se una professione violenta, come un soldato, un assassino, una guardia o un combattente, potrebbe esporre il bambino ai tipi della tragedia responsabile per lo sviluppo neuronale stymieing. Il mondo del padre sarebbe diventato il progetto per il futuro mondo del bambino. Ciò promuoverebbe la successione di una cultura attraverso i secoli, specialmente se fosse socialmente accettata, che la violenza di solito si trova in alcuni contesti.

In Pinker's I migliori angeli della nostra natura: perché la violenza è diminuita, sostiene che la violenza è diminuita nel corso della storia umana. Oggi si stima che quelli con Disturbo di Personalità Antisociale (APD) siano circa l'1% della popolazione (i cui estremi sono psicopatici). Forse 300 anni fa questo numero era molto più alto? Se una cultura violenta agisce come un interruttore genetico, allora un declino della violenza può solo aiutare a ridurre lo psicopatico tra di noi.

Copyright Jack Pemment, 2013

fonti

Basoglu, C .; Oner, O .; Ates, A .; Algul, A .; Bez, Y .; Cetin, M .; Herken, H .; Erdal, ME; Munir, KM (2011) polimorfismi associati alla proteina 25 associati alla sindrome di Synaptosomal e disturbo antisociale di personalità: Associazione con temperamento e psicopatologia, Canadian Journal of Psychiatry, 56 (6), 341-347

Blair, RJR (2006) L'emergere della psicopatia: implicazioni per l'approccio neuropsicologico ai disturbi dello sviluppo, Cognition, 101, 414-442

Dranovsky, A .; Hen, R. (2006) Neurogenesi dell'ippocampo: Regolazione da stress e antidepressivi, Psichiatria biologica, 59, 1136-1143

Kunitz, SJ; Levy, JE; McCloskey, J. Gabriel, KR (1998) Abuso di alcool e violenza domestica come sequele di abusi e disturbi della condotta nell'infanzia, Abuso e negligenza dei bambini, 22 (11), 1079-1091

Pemment, J. (2012) La neurobiologia del disturbo antisociale di personalità: La ricerca di riabilitazione e trattamento, Aggressione e comportamento violento, (In stampa)

Pinker, S. (2010) I migliori angeli della nostra natura: perché la violenza è diminuita, Penguin Books, New York

Schalling, D .; Edman, G .; Asberg, M .; Oreland, L. (1988) Attività piastrinica MAO associata a impulsività e aggressività, personalità e differenze individuali, 9 (3), 597-605

Solutions Collecting From Web of "Evoluzione e lo psicopatico"