Evitare lo steamroller ADHD

Alla fine degli anni '80, Terri era geloso delle altre mamme. I loro bambini sedevano tranquillamente giocando con i giocattoli mentre i fratelli più grandi praticano il calcio. La sua bambina, Laura, correva su e giù per le linee laterali, si era ritirata dal campo ripetutamente dalla sua mamma inerte. *

Alla scuola elementare, Laura visitava spesso l'infermiera della scuola con mal di stomaco, una malattia che scompariva non appena la scuola era finita. Al liceo, i mal di stomaco lasciarono il posto a ansie e malumori. Ma nessuno a metà degli anni '90 ha sottolineato che Laura potrebbe avere l'ADHD: allora era principalmente un disturbo dei ragazzi. Alla fine, al college, Laura fu diagnosticata e prescrisse uno stimolante. Per circa un anno, ha dato la diagnosi e il suo trattamento una prova. Ma, dopo l'esperimento e qualche pensiero, lasciò le droghe e la personalità determinata e irritabile che le impose. Guardando indietro, sia Laura che Terri si sentono fortunate ad aver evitato l'assorbimento di massa della diagnosi e del trattamento dell'ADHD che ha caratterizzato la fine degli anni '90 e gli anni 2000 – nonostante l'infanzia e l'adolescenza irregolare di Laura.

Come filosofo che ha passato un decennio a studiare la trama delle influenze mediche, sociali e scientifiche nel fenomeno che chiamiamo "ADHD", ho imparato ad apprezzare il fatto che Terri e Laura siano ben posizionati. La comprensione predominante odierna di ADHD racchiude problemi sociali, educativi e familiari; bisogni clinici di efficienza; e un modello biologico di disturbi mentali in un unico pacchetto in continua espansione. Alcuni aspetti del packaging e della crescita sono stati intenzionali e palesi: marketing diretto da parte del consumatore da parte di aziende farmaceutiche e criteri diagnostici ampliati nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali dell'Associazione americana psichiatrica. Altre pressioni – spese mediche, scuole a corto raggio, tensioni sociali, finanziamenti scientifici – hanno anche contribuito a creare lo steamroller diagnostico: attualmente, l'11% dei bambini e adolescenti degli Stati Uniti – il 20% dei ragazzi – si dice che hanno l'ADHD e i tassi tra gli adulti sono in aumento veloce.

Un fenomeno più sottile è stato anche al lavoro. A poco a poco, l'idea che le persone possano comportarsi meglio, ottenere risultati più elevati e molto più belli se vengono curati per il loro ADHD è diventata una dichiarazione sociale, educativa e medica che dovrebbe essere trattata, o curare i propri figli, per il loro ADHD. Questo "dovrebbe" apparire sotto pressione sociale per far valutare un bambino, per dargli vantaggi o una gamba, per rendersi più produttivo. Il "dovrebbe" viene rinforzato perché, in qualche modo, l'ADHD è facile da vedere, almeno una versione divulgata è facile da vedere. Vediamo un ragazzo irrequieto o una ragazza ad occhi aperti avere l'ADHD, soprattutto perché questo è quello che ci è stato insegnato a vedere. Siamo anche in sintonia con il modo in cui i farmaci modificano l'immagine: trattati, il ragazzo e la ragazza sfilano nei loro fogli di lavoro, confermando la nostra visione di ciò che ci è stato insegnato: diagnosi e trattamento dell'ADHD, quindi il "dovrebbe" ha senso.

Ma ci sono diversi problemi con il "dovere" ricevuto. In primo luogo, nonostante le nostre osservazioni popolari, poche evidenze suggeriscono che la diagnosi e il trattamento standard con ADHD – che è il trattamento con farmaci stimolanti e poco altro – in realtà forniscono benefici a lungo termine. I bambini con diagnosi di ADHD possono certamente diventare esperti in campo sociale e adulti ad alto rendimento (come Laura), ma non chiaramente a causa di diagnosi e trattamento. In secondo luogo, il "dovere" stesso è discutibile. Perché dovremmo abbracciare la visione particolare del comportamento, della gentilezza e della realizzazione che "ADHD" e il suo trattamento incorporano? Quali altri modi potrebbero esserci per aiutare un bambino – o se stessi – ad adattarsi o ad avere successo? O, più radicalmente, essere felici di non adattarsi o avere successo in modi standard? Infine, seguire il "dovere" arriva con uno svantaggio significativo: lo stigma. Oggi è normale affermare che la biologizzazione del disturbo mentale rimuove lo stigma, ma non è così. Cambia lo stigma. In una visione biologizzata, qualunque tratto e comportamento siano etichettati come disordinati non è colpa di nessuno, ma sono parte di una persona per tutta la vita. Quindi, quando i tratti oi comportamenti sono cose che la società in generale guarda dall'alto in basso – come l'irrequietezza e la mancanza di certi tipi di produttività impacchettati in "ADHD" – scegliere la diagnosi significa anche scegliere uno stereotipo negativo.

Per Terri e Laura, evitare di rifiutare il modello ADHD ha funzionato, in gran parte perché Laura è stata in grado di mettersi a scuola e di lavorare con i suoi punti di forza. Ma l'adozione di alternative all'ADHD non è la scelta migliore per tutti: alcune persone traggono enormi benefici dalla diagnosi e dal trattamento. Suggerisco che quando si effettua la scelta per se stessi o per i propri figli, è importante capire che l'attuale "ADHD" espansivo non è un fatto incontestabile. Invece, l'ADHD è solo una possibile spiegazione per una vasta gamma di problemi, e i farmaci sono una possibile soluzione. La diagnosi e il trattamento dell'ADHD hanno una storia e una prospettiva che spesso si può ragionevolmente rifiutare.

* La storia è vera, i nomi sono cambiati su richiesta.

Solutions Collecting From Web of "Evitare lo steamroller ADHD"