Evitare i coetanei tossici: come gli amici on-line diventano frenetici

Michelle Carter è stata recentemente condannata per omicidio colposo, per aver incoraggiato il suo defunto fidanzato Conrad Roy a suicidarsi. La loro relazione è stata sostenuta principalmente attraverso messaggi di testo; raramente passavano del tempo insieme di persona. [i]

Anche se la loro relazione è iniziata come un legame tra due adolescenti in difficoltà, l'amicizia ha avuto un lato oscuro. Inizialmente Carter tentò di parlare a Roy di non fare del male a se stessa, ma a poco a poco cambiò tono, finendo per insinuare che si sarebbe tolto la vita.

Roy era una vittima vulnerabile. Aveva tentato di suicidarsi prima, senza successo. Carter lo sapeva. In effetti, nei messaggi di testo che portavano al suicidio di Roy, lei lo sminuì per aver minacciato il suicidio in passato e non lo seguì, facendogli promettere che lo avrebbe fatto questa volta. [Ii] Gli mandò persino delle ricerche su diversi metodi, fino a quando non hanno deciso di avvelenare dal monossido di carbonio. [iii]

Al di là della nuova teoria giuridica e del verdetto risultante, tuttavia, il caso Carter mette in luce il potere e l'influenza della comunicazione elettronica, e come gli amici possono esercitare un'influenza enorme – benevolmente o malevola- mente.

La fiducia degli adolescenti si guadagna attraverso il comportamento

I giovani attribuiscono un'importanza maggiore alla vita sociale durante l'adolescenza, poiché iniziano a passare più tempo con i compagni che con i genitori. Indipendentemente dal fatto che sia o meno, la psicologia dell'amicizia adolescenziale include una relazione tra comportamento e fiducia.

Uno studio del 2016 di Lee et al. ha dimostrato che quando si utilizzano informazioni su un partner di interazione, è più probabile che gli adolescenti si fidino e condividano le informazioni con qualcuno che ritengono essere "buono", piuttosto che neutro o cattivo. [iv] Hanno scoperto, tuttavia, che con l'età, gli adolescenti sono in grado di superare le informazioni sociali precedenti. Hanno scoperto che gli adolescenti in ritardo hanno dimostrato una maggiore flessibilità delle loro convinzioni e addirittura inizieranno a premiare un comportamento affidabile da un partner "cattivo".

Online, il comportamento è spesso percepito in modo diverso. La formazione della fiducia è complicata dall'ambiguità creata da diminuiti segnali interpersonali, che possono aumentare le opportunità di incomprensione.

I giovani sono quindi saggi di passare il tempo con gli amici faccia a faccia per percepire la quantità massima di informazioni necessarie per valutare l'affidabilità. La comunicazione virtuale può quindi essere utilizzata per migliorare le relazioni offline esistenti.

La sfida di formare la fiducia online è particolarmente rilevante per le persone che si rivolgono a Internet per la solitudine, perché stanno cercando di formare connessioni sociali già in uno stato di vulnerabilità migliorata.

Fiducia online e vulnerabilità

Uno studio del 2017 di Jung-Hyun Kim ha rivelato che le persone sole preferiscono la comunicazione mediata da smartphone (SMC) rispetto all'interazione faccia a faccia. [V] Lo studio ha rivelato che le persone sole cercavano la SMC come una facile strategia di coping passivo, sebbene non portare a contatto di persona. Kim nota che questa preferenza per SMC produce un doppio risultato negativo: diminuisce il supporto sociale percepito dai social network online e aumenta le possibilità di sviluppare un uso problematico degli smartphone.

Quando persone solitarie online condividono informazioni personali, possono aumentare la loro vulnerabilità. Perché la condivisione di informazioni personali con persone sbagliate online può fornire munizioni per l'aggressione informatica, anche tra "amici".

Influenza dei tossicodipendenti online: dove gli amici diventano frenetici

Scegli i tuoi amici con attenzione. La tua vita potrebbe dipendere da questo. Questo grave richiamo è corroborato da una serie di tragici suicidi di cyber-bullismo che hanno portato alla luce in tutto il paese negli ultimi anni. [Vi] Online, le parole sono usate come armi, anche tra amici. Spesso soprattutto tra amici.

Uno studio del 2016 di Felmlee e Faris ha rilevato che l'aggressività informatica giovanile si verifica spesso tra amici (attuali o precedenti) e partner di incontri. [Vii] Hanno trovato l'aggressività online più probabile tra individui con legami intimi e stretti, piuttosto che con individui più distanti connessioni. Notano che l'aggressività elettronica deriva presumibilmente dalla vendetta, dalla competizione o dal tentativo di respingere i rivali romantici.

Riconoscendo che le amicizie sembrano aumentare, non diminuire, la probabilità di un'aggressione elettronica, Felmlee e Faris ipotizzano che individui ben connessi posseggano più informazioni l'una sull'altra che possono essere usate per infliggere lesioni, e notano anche che l'interazione aumentata tra amici ben connessi crea maggiori opportunità di conflitto e incomprensione.

Un aspetto promettente dello sviluppo adolescenziale, tuttavia, è che anche i giovani, che dormono con i loro smartphone sotto i loro cuscini, hanno forti connessioni offline.

Coltiva Sane amicizie attive e offline

Riconoscendo che gli amici tossici che possiedono informazioni privilegiate possono usare i dettagli personali per infliggere danni emotivi dovrebbero motivare i giovani a scegliere saggiamente i loro amici. Soprattutto online, dove ci sono meno segnali relazionali. La buona notizia è che la maggior parte degli adolescenti che dispongono di smartphone mantiene anche relazioni in linea con amici e familiari. Queste relazioni utili di persona possono essere utilizzate per contrastare l'impatto negativo dei colleghi tossici.

Felmlee e Faris, sebbene la loro ricerca abbia esaminato legami tossici, osservano che la ricerca precedente indica che l'amicizia durante l'adolescenza può migliorare le prestazioni scolastiche, migliorare la salute mentale e promuovere la stabilità relazionale romantica. Notano che persino avere un amico può fornire protezione dal bullismo e ammorbidire il colpo di vittimizzazione.

La chiave è esercitare in modo proattivo la selettività relazionale sul front-end, in modo da leggere le bandiere rosse prima piuttosto che dopo. Investire in sane amicizie, sia faccia a faccia che online, può aumentare la soddisfazione relazionale e temperare le prove dell'adolescenza.

Circa l'autore:

Wendy Patrick, JD, PhD, è un procuratore di carriera, autore e esperto comportamentale. È l'autrice dell'autore di Red Flags: Come individuare i frenemies, Underminers e Ruthless People (St. Martin's Press), e coautore della versione rivista del bestseller del New York Times , Reading People (Random House).

Tiene conferenze in tutto il mondo sulla prevenzione degli assalti sessuali, sulla sicurezza informatica sicura e sulla valutazione delle minacce. È un'Association of Threat Assessment Professionals Certified Threat Manager. Le opinioni espresse in questa colonna sono le sue.

Trovala su wendypatrickphd.com o @WendyPatrickPhD

Riferimenti

[i] http://www.latimes.com/nation/la-na-text-suicide-20170616-story.html

[ii] http://www.latimes.com/nation/la-na-text-suicide-20170616-story.html

[iii] http://www.latimes.com/nation/la-na-text-suicide-20170616-story.html

[iv] Nikki C. Lee, Jelle Jolles e Lydia Krabbendam, "Influenze dell'informazione sociale si fidano del comportamento negli adolescenti", Journal of Adolescence 46 (2016): 66-75.

[v] Jung-Hyun Kim, "Comunicazione mediata da smartphone vs interazione faccia a faccia: due percorsi per il supporto sociale e l'uso problematico dello smartphone", Computer in Human Behavior 67 (2017): 282-291.

[vi] https://nobullying.com/six-unforgettable-cyber-bullying-cases/

[vii] Diane Felmlee e Robert Faris. "Legami tossici: reti di amicizia, appuntamenti e vittimizzazione informatica", psicologia sociale trimestrale 79, n. 3 (2016): 243-262.

Solutions Collecting From Web of "Evitare i coetanei tossici: come gli amici on-line diventano frenetici"