"Evita il matrimonio", consiglia Atlantic Writer

La rivista Atlantic ha diffuso la sua quota di matrimane fuorviate e rimproveri di single – sia madri che altri – ma non questo mese. Basta guardare questo stuzzichino per una storia di Sandra Tsing Loh: "L'autore sta finendo il suo matrimonio. Non è ora che tu abbia fatto lo stesso?

Saltando dritto alla conclusione, ecco l'ultimo consiglio di Loh:

"Evita il matrimonio – o anche tu potresti soffrire il dolore emotivo, l'umiliazione e la difficoltà logistica, per non parlare della spesa, di rompere un'unione a lungo termine nella mezza età per qualcosa di così dimostrabilmente fugace come l'amore."

Fermiamoci tutti per un attimo di silenzio, per ascoltare meglio i suoni delle placche tettoniche della cultura americana contemporanea che si muovono sotto i nostri piedi.

È vero che la presa in giro potrebbe essere stata un po 'scherzosa, e Loh potrebbe a volte divertirsi con i suoi lettori, ma nelle pagine di questo saggio c'è un messaggio serio, e non è la linea del partito . Loh sta vagliando l'idea che forse dovremmo tutti superare la nostra relazione amorosa con il matrimonio.

Loh abbraccia l'opinione dei tradizionalisti che il divorzio fa male, quindi lo capovolge. La morale della storia, suggerisce, non è quella vecchia, noiosa e infelice: sposati e rimani così, senza divorziare! Invece, dice, basta saltare il matrimonio.

Quindi cosa dicono i dati? Ha ragione sul fatto che le persone che rimangono single stiano meglio di quelle che si sposano e poi divorziano? Questo è un punto che ho affrontato in un precedente post di Psychology Today : "È meglio avere amato e perso che non aver mai amato affatto?" E ovviamente in Singled Out.

Non parlo di essere sposato con l'essere amato; la mia visione dell'amore è molto più ampia e meno banale. Quindi la domanda che effettivamente rivolgo è questa: chi è più felice, fisicamente più sano, psicologicamente più forte, meno solo, ha più probabilità di vivere più a lungo e più impegnato con i vicini, gli amici e la famiglia – persone che si sono sposate e poi non sposate, o persone che sono rimaste single? La risposta, in quasi tutti gli studi che ho mai recensito, sono persone che sono rimaste single. Coloro che hanno studiato le vite individuali nel corso del tempo (esempi sono qui e qui) hanno spesso trovato che attraversare la soglia dall'individualità al matrimonio è una conseguenza poco duratura per la salute o il benessere; è la transizione dal matrimonio che può essere problematica, almeno all'inizio.

Non sto dicendo, però, che non dovresti sposarti se è quello che vuoi fare. Potresti avere le tue ragioni. Quelle ragioni, però, non dovrebbero includere l'errata percezione che se solo tu ti sposi, vivrai per sempre felice e contento.

A meno che tu non sia riuscito a sintonizzare le altercazioni culturali sul matrimonio, conosci l'obiezione che verrà sollevata in seguito: Ma per quanto riguarda i bambini? Impressionante, Loh resiste alla saggezza convenzionale anche su quel punteggio, osservando che "una famiglia monoparentale è quasi altrettanto buona" di due genitori biologici. (E siccome ha avuto ragione, ignorerò il frammento di singlismo nel suo articolo che mi ha fatto rabbrividire).

I dati sulle famiglie monoparentali sono dalla parte di Loh. Come ho notato qui e in Singled Out, ci sono persino dei modi in cui i bambini delle famiglie monoparentali fanno meglio dei figli dei genitori sposati. Non sto discutendo sul fatto che dovresti creare una famiglia monoparentale per il bene dei tuoi figli, ma non fingere che i figli di genitori single siano condannati.

È possibile, sai, valorizzare le famiglie con due genitori senza denigrare altre forme familiari. È persino possibile riconoscere il potenziale potere positivo dell'esperienza di crescere in una casa monoparentale, senza negare il bene che può derivare dall'avere due (o anche più) adulti a casa. E forse, alla fine, c'è spazio culturale per tali affermazioni.

Pensa, ad esempio, a cosa ha detto Melissa Harris-Lacewell (che potresti aver visto durante lo show di Rachel Maddow) su Barack Obama nel suo saggio saggio sulla Nazione:

"Se suo padre fosse stato presente avrebbe avuto meno angoscia adolescenziale, ma poi quell'angoscia era parte di ciò che lo aveva mandato in un mondo di libri da cui era emerso un formidabile intellettuale. Parte della grandezza di Barack Obama è la sua orfana ".

La sua conclusione: "Possiamo affermare il valore dei padri e creare ancora strutture governative e comunitarie che supportino più pienamente famiglie di ogni tipo".

La mia conclusione? Sbrigati per favore. È tempo.

[Clicca qui per ulteriori post su Living Single. Questo articolo è pubblicato in modo incrociato dall'Huffington Post.]

Solutions Collecting From Web of ""Evita il matrimonio", consiglia Atlantic Writer"