Evergreen College, the Rejection Complex e Bullying

Pixabay, John Hain
Fonte: Pixabay, John Hain

Ero angosciato dall'apprendere all'Evergreen State College di Olympia, a Washington. Da quello che capisco dai notiziari, questa è la sequenza di eventi:

  1. Gli studenti delle minoranze hanno organizzato un Day of Absence sin dagli anni '70, in cui studenti e docenti di colore lasciavano il campus per dare un'idea di come sarebbe il campus senza di loro. Presumo che abbiano tenuto insegnamenti, ecc. Altrove per sostenersi a vicenda.
  2. Quest'anno è stata proposta una Giornata dell'assenza volontaria che ha suggerito agli studenti bianchi e al congedo di facoltà, e i non bianchi e i bianchi avrebbero "frequentato i seminari separatamente", come indicato nell'annuncio dell'email, "esplorare questioni di razza, equità, alleato, inclusione e privilegio. '"Questo è stato in reazione agli studenti di colore che si sentono sgraditi dopo le elezioni del 2016 di Donald Trump.
  3. Un professore di biologia progressista e bianco, Bret Weinstein, si è opposto a questo, dicendo che è diverso da assentarsi, invece di chiedere agli altri di assentarsi.
  4. Seguirono delle proteste, in cui il professor Weinstein fu apparentemente minacciato e accusato di sostenere la supremazia bianca.
  5. Sono stati chiamati poliziotti antisommossa. L'inizio è stato spostato in una posizione fuori sede a 30 miglia dal campus.
  6. Ci sono stati altri incidenti, come il presidente George Bridges, "docilmente docilmente rispettoso della richiesta di non usare i gesti delle mani quando parlava perché minacciavano".

Cosa sta succedendo? Le cose sono davvero così brutte nelle relazioni razziali, a causa dell'elezione e della polarizzazione dei nostri campus? Gli studenti di sinistra hanno trasformato in poliziotti pensierosi e prepotenti, per rabbia e puro egoismo della gioventù? Dopotutto, i più pericolosi bulli (a se stessi e agli altri) sono i cosiddetti "carnefici della vittima": quelli che sono traumatizzati e vittime di bullismo e che poi fanno il prepotente con gli altri per vendicarsi.

Forse entrambi.

Vorrei offrire anche altre analisi, sperando, tuttavia, di aiutare a disinnescare la tensione e aiutare tutte le parti. Ti rimando al mio blogpost "Assault on the American Mind" che riprende problemi simili nei nostri campus.

  1. Conformità. Il professor Weinstein si oppose alla natura "oppressiva" di invitare i bianchi a lasciare il campus. Forse. Direi che è anche un esempio di conformità oppressiva e la mentalità della folla per dire a QUALCUNO – nel tuo gruppo o in qualche altro gruppo – che per essere accettabili, devono seguire alcune regole. Ad esempio, cosa succede se sei una persona di colore in un Giorno di assenza e non vuoi partecipare? Cosa succede alle tue relazioni? Mi sono fidanzato felicemente con Teach Ins sul razzismo quando ero al college. Si trattava di eventi volontari e positivi in ​​cui l'intero Green principale della Brown University è stato convertito in una classe culturale alternativa. Bianchi e studenti di colore hanno partecipato insieme. Ma per quanto ne so, nessuno è stato chiamato per non aver partecipato. Chi avrebbe tenuto traccia, comunque? Siamo tutti sui nostri percorsi di apprendimento. Dire che dobbiamo essere tutti in sincronia o essere d'accordo è semplicemente ridicolo.
  2. Il complesso di rigetto. Sotto il razzismo e il pregiudizio, c'è un sacco di rifiuto e sentimento respinto. Bianchi e non bianchi ogni FEEL respinto dall'altro. Alcuni bianchi non pensano affatto alle persone di colore o alle loro prospettive, e quindi rifiutano per apatia e ignoranza. I non bianchi potrebbero supporre che l'altra parte li stia rigettando o stereotipando e poi attaccano verbalmente o nutrono rancore e risentimenti. Ogni gruppo trova il modo di sentirsi respinto e quindi – ping-pong – rifiuta l'altro gruppo a sua volta. Oy Vey. Il complesso di rifiuto arriva con tutta una serie di sentimenti, pensieri e comportamenti che rendono difficile andare d'accordo con gli altri.
  3. I partiti che si sentono rifiutati ricorrono al potere invece della curiosità, della comprensione e dell'empatia. Si trasformano in prepotenti . Quando i bianchi ricorrono al potere, diventa opprimente supremazia bianca . Quando le minoranze ricorrono al potere, sembra e odora di bullismo, mascherato da "resistenza".
  4. Gaslighting. Ogni parte insiste sulla propria realtà, senza comprendere la realtà dell'altro lato. Questa è anche una mossa di potere.

Possiamo uscire dal ciclo, per favore? Non penso che abbiamo bisogno di ficcarci l'un l'altro in una versione del comportamento "corretto". Dobbiamo creare uno spazio l'uno per l'altro come individui. Le persone di colore hanno prospettive preziose e devono essere rispettate per aver affrontato problemi di razza per tutta la vita. I bianchi hanno bisogno di sentirsi apprezzati. Dobbiamo onorarci l'un l'altro con il beneficio del dubbio e prendere le nostre CUES – Curiosità, Comprensione, Empatia e Supporto.

Nessuno mi ha chiesto la mia opinione, ma ce l'hai. Sopportiamo l'isteria e cerchiamo di aiutarci a vicenda.

Il mio libro sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddista sarà pubblicato in autunno. Facebuddha: la trascendenza nell'era delle reti sociali è una combinazione di memorie, analisi culturale, esplorazione della ricerca psicologica e introduzione al buddismo. Informazioni e newsletter su www.facebuddha.co.

(c) 2017, Ravi Chandra, MDDFAPA

Newsletter occasionale per scoprire presto il libro da pubblicare (Facebuddha: Trascendenza nell'era dei social network) www.RaviChandraMD.com
Newsletter per i miei gruppi di compassione e auto-compassione: www.sflovedojo.org

Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace http://www.twitter.com/going2peace
Facebook: Ravi Chandra, Psichiatra e Scrittore http://www.facebook.com/sanghafrancisco
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md-fapa e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "Evergreen College, the Rejection Complex e Bullying"