Evasione, sobrietà e realtà: la psicologia della dipendenza

Nonostante i loro limiti, i preconcetti e lo sfruttamento borderline, i vari recenti reality televisivi sulla dipendenza fanno brillare una luce brillante e drammatica su due disordini mentali oscuri, segreti, debilitanti e molto distruttivi: abuso di sostanze e dipendenza da sostanze. Come molti, ma soprattutto come psicologo clinico e forense con quasi trentacinque anni di rapporti con storie così tragiche, trovo allo stesso tempo affascinante e doloroso guardare spettacoli come Intervento e Celebrity Rehab con "Dr. Drew "Pinsky. Sospetto che non sia diverso dagli altri spettatori ambivalenti che smettono di navigare sul canale abbastanza a lungo da fissare l'equivalente emotivo di un relitto di un'auto umana. Nonostante siamo disturbati, inorriditi e tormentati dal senso di colpa voyeuristico, non possiamo smettere di guardare. Tuttavia, parte di ciò che rende tale programmazione così avvincente è la nostra compassione per le anime sofferenti che vediamo lottare letteralmente per le loro vite. E la nostra identificazione conscia o inconscia con la loro lotta. In un certo senso, la dipendenza è un esempio estremo di una sfida esistenziale con cui tutti lottiamo ogni giorno: accettare la realtà così com'è. Una dinamica evidente del comportamento di dipendenza (che si tratti di alcol, droghe lecite o illecite, sesso, cibo, internet o televisione) che spero che gli spettatori siano resi più consapevoli da tali cosiddetti programmi di realtà è la potente connessione tra dipendenza e desiderio compulsivo alterare, evitare, negare e sfuggire alla realtà. In questo senso, questi spettacoli di "realtà" sono, al loro meglio, effettivamente sull'apprendimento di confrontarsi piuttosto che ritirarsi dalla realtà.

Per coloro che non hanno visto o sentito parlare di questi spettacoli, l' Intervento descrive in modo drammatico ciò che accade ai tossicodipendenti prima di iniziare il trattamento e dimostra ciò che serve per portarli lì. La negazione e altri comportamenti cronici progettati per evitare o sfuggire alla realtà sono nettamente rivelati nei tossicodipendenti prevedibile e potente resistenza ad entrare in terapia. Celebrity Rehab documenta le vicende di un programma di trattamento delle tossicodipendenze in regime di ricovero per le cosiddette celebrità, tra cui artisti del calibro di Mackenzie Philips (figlia del musicista John Philips), la star del basket Dennis Rodman, l'ex batterista dei Guns 'n Roses Steven Adler, attore Tom Sizemore e altri personaggi meno conosciuti o infami come l'ex-signora Heidi Fleiss, Rodney King, l'ex regina della bellezza adolescente Kari Ann Peniche e la performer porno Mary Carey. Il programma è supervisionato dalla personalità della televisione e ora medico celebrità "Dr. Drew "Pinsky, MD, un internista certificato di bordo specializzato in" medicina delle dipendenze ": una specialità medica che tende (non diversamente da AA) a concettualizzare e trattare il comportamento di dipendenza come una" malattia ". Il dott. Pinsky è un medico, ma, a mia conoscenza non uno psichiatra, uno psicologo o uno psicoterapeuta addestrato. E mostra. Tuttavia, il cuore del Dr. Pinsky è chiaramente nel posto giusto. È un medico premuroso e compassionevole impegnato ad aiutare i suoi pazienti a guarire. Ma la sua mancanza di sofisticazione psicologica porta a prendere decisioni talvolta meritevoli, ridicole, discutibili e pericolose nel trattare la sua difficile ed esigente clientela di "celebrità". Sfortunatamente, "Dr. "La compassione e la cura di Drew spesso superano la sua capacità di essere paternamente fermi e coerenti nel fissare i limiti per i suoi pazienti, alcuni dei quali agiscono come (e in effetti, emotivamente sono) bambini viziati e petulanti a cui non verrà detto di no. O adolescenti arrabbiati che si ribellano contro la disciplina e l'autorità esterne. Spesso, "Dr. Drew "e il suo staff fanno scuse per il cattivo comportamento dei residenti, incolpandoli del ritiro, dei farmaci o, più in generale, della loro" malattia ". Questo è un grave errore. Tendenzialmente collude in modo permissivo nella negazione cronica del paziente della realtà e della responsabilità. La responsabilità personale, una parte fondamentale dell'accettazione della realtà e dell'età adulta, è abitualmente evitata dai tossicodipendenti. E questa cattiva abitudine dev'essere spezzata se il recupero e la sobrietà hanno successo.

Naturalmente l'intossicazione cronica e il ritiro dalle droghe influenzano i sentimenti, le percezioni, i giudizi e le azioni. Ma questo rende la persona non responsabile o responsabile per la sua condotta? Secondo la legge californiana, ad esempio, i tribunali escludono espressamente l'intossicazione e la dipendenza in sé e per sé dai criteri legali per un motivo di Non Colpevole da Motivo della Follia, il quale stabilirà che il convenuto non era legalmente responsabile delle sue azioni a causa di il loro stato d'animo al momento del crimine (o delitto) commesso. C'è una notevole saggezza in questo statuto. Esistentemente, esistono sempre delle scelte a disposizione di qualcuno anche in preda alla dipendenza, che si tratti di alcol, droghe o dipendenza dal sesso. Ed è fondamentale per il suo trattamento psicoterapeutico che venga presa la piena responsabilità di quelle scelte tipicamente autodistruttive. Tali scelte partono dalla decisione autodifesa di continuare a nutrire la dipendenza o, in modo più costruttivo, a cercare l'assistenza del tipo offerto dai gruppi di Twelve Step o dal Centro di recupero Pasadena del Dr. Pinsky e da molti altri come lui. Il tossicodipendente potrebbe non avere il potere di dire "no" alla sostanza o al comportamento. Ma hanno il potere di dire "sì" per ottenere aiuto, un punto chiarito dall'intervento.

Il fatto è che la dipendenza, per definizione, è prima un disturbo psichiatrico, psicologico o mentale e una malattia biologica o fisiologica seconda. Il movimento di recupero e "Dr. La "concettualizzazione dogmatica della dipendenza da Drew come malattia basata principalmente sulla biologia, è una parte significativa del problema che lui e altri hanno nel trattare efficacemente tali pazienti. La dipendenza, che si tratti di alcol, cannabis, sesso o porno, non è una malattia biologica come il diabete o la leucemia. I pazienti possono, in alcuni casi, ereditare una predisposizione genetica e temperamentale alle tendenze che rendono una persona suscettibile di dipendenza. Ma questo non è ciò che li rende tossicodipendenti. Più di ogni altra cosa, la dipendenza riguarda la negazione della realtà. È, come la depressione, comunque una sindrome psichiatrica debilitante e potenzialmente letale. Le persone soffrono e muoiono per la dipendenza. E che questi pazienti sono gravemente malati, soprattutto nelle fasi avanzate della dipendenza e durante il ritiro, non può essere negato. Ma ciò non rende la dipendenza una "malattia" biologica di per sé. Perché, come AA ha giustamente riconosciuto grazie alla influenza dello psichiatra Carl Jung sul suo fondatore, l'alcolismo e altre dipendenze sono altrettante malattie dell'anima, della psiche o dello spirito come del corpo fisico e del cervello.

Psicologicamente parlando, la dipendenza è tutta una questione di evasione. Evitare. Rifiuto. I tossicodipendenti corrono dalla realtà e, in alcuni casi, hanno corso per tutta la vita. Il tossicodipendente non può tollerare la realtà e le sue vicissitudini. Né realtà interna né realtà esterna. Trovano la realtà ripugnante, a disagio, travolgente e preferiscono, come lo psicotico, il ritiro alla fantasia, alla beatitudine o all'oblio sulla realtà. Cercano costantemente di alterare la realtà soggettiva e oggettiva a loro piacimento. Per prima cosa, la realtà – i fatti esistenziali della vita – può essere sia dolorosa che angosciante. Come tutti noi, ai tossicodipendenti non piace affrontare il dolore o provare ansia. Questa è la natura umana e si combina con il "principio del piacere" di Freud: tendiamo tutti, quando possibile, ad evitare il dolore ea cercare il piacere. I tossicodipendenti preferiscono il piacere dell'ubriachezza, la beatitudine dell'oblio alla sofferenza, la banalità, l'ordinarietà e la difficoltà della realtà quotidiana quotidiana. Ovviamente. La realtà include inevitabilmente sofferenza, dolore, perdita. La realtà implica riconoscere consapevolmente, non solo intellettualmente ma emotivamente, sia ciò che è stato fatto dolosamente a noi nel passato (dai genitori, dai compagni o da altri) e ciò che abbiamo ferito fatto agli altri. Chi vuole sperimentare (o ri-sperimentare) quello? Ma il problema è che per evitare questa realtà il tossicodipendente deve continuare a crescere, perché questi "demoni" non vanno mai via. Sono sempre lì, in agguato, in attesa di morderli nel culo non appena iniziano a scendere. E quello che sale deve sempre venire giù. Quindi questo è il problema psicologico della dipendenza. E quando (la coscienza) si arresta di nuovo sulla terra, la realtà e il ritiro dalla fantasia si insinuano dolorosamente. I demoni psicologici ed emotivi e le richieste della realtà ritornano con una vendetta. La realtà non può essere eseguita da un tempo indefinito. Una parte importante del trattamento delle dipendenze implica riconoscere, affrontare e sperimentare la realtà. Nella maggior parte dei casi, la dipendenza ha permesso al paziente di tenere a bada la realtà esterna e i suoi demoni interiori. La sobrietà costringe il tossicodipendente ad affrontare la realtà, motivando il tossicodipendente a voler trovare un modo per evitarlo o alterarlo di nuovo. La rottura del circolo vizioso, a volte fatale, dell'evitare la realtà interiore ed esteriore è la chiave del trattamento. Ciò vale non solo per il paziente dipendente, ma, in una certa misura, per tutti i pazienti in psicoterapia.

Così tanti tossicodipendenti (probabilmente inclusi alcuni dei pazienti del dott. Pinsky) soffrono di disturbi mentali importanti non diagnosticati e di gravi disturbi della personalità. L'abuso cronico di sostanze e il comportamento di dipendenza sono sintomatici di questi problemi di salute mentale mascherati, mentre allo stesso tempo, ovviamente, contribuiscono a esacerbarli. La maggior parte di questi pazienti appartiene e potrebbe probabilmente trarre beneficio da quello che viene chiamato un programma di "doppia diagnosi", che è stato appositamente progettato per affrontare contemporaneamente i loro gravi problemi di salute mentale e l'abuso o la dipendenza da sostanze concomitanti. A suo merito, il dott. Pinsky sembra riconoscere questo fatto, spesso concentrandosi nelle sue sessioni televisive con pazienti in qualsiasi storia di trauma, in particolare di abuso fisico, emotivo e sessuale durante l'infanzia. E occasionalmente porta psichiatri, psicologi e altri professionisti della salute mentale a lavorare con i suoi pazienti. Mentre è clinicamente vero in generale che, nella maggior parte dei casi, l'abuso di sostanze gravi deve essere prima affrontato, la disintossicazione completata e la sobrietà stabilita prima che la psicoterapia significativa per una tale infanzia o altro trauma possa procedere sul serio, la realtà è che senza il corretto struttura terapeutica e supporto, questo semplicemente non accadrà. Il paziente, non appena inizia a sentirsi stressato, triste, solitario, arrabbiato o ansioso, tornerà semplicemente all'unico modo che conosce per affrontare e confortarsi: facendo droghe o impegnandosi in compulsivo, autodistruttivo, "recitazione". -out "comportamento progettato per evitare di diventare più consapevoli della realtà. L'incoscienza è il principale colpevole della dipendenza. Questo è il motivo per cui la psicoterapia intensiva, continua, reale deve essere parte integrante di qualsiasi processo di trattamento efficace per la dipendenza.

L'antidoto alla dipendenza sta imparando a tollerare la realtà. Poco per volta. Questo è ciò che è veramente la sobrietà. Questo è ciò di cui il tossicodipendente che si sta riprendendo ha più bisogno di assistenza: occuparsi sobriamente della realtà interiore ed esteriore. E parte della realtà esistenziale implica la responsabilità personale. Siamo responsabili di affrontare e trattare consapevolmente i nostri demoni interiori il più costruttivamente possibile. E siamo responsabili di trattare in modo maturo con il mondo esterno. È chiaro che, specialmente per le cosiddette celebrità al riparo dalla realtà dalla fama e dal denaro, la sobrietà (che si tratti di alcol o altro abuso di sostanze o comportamento sessuale compulsivo) richiede di accettare la stessa realtà di cui ci occupiamo tutti i giorni: essere responsabili di noi stessi ; fare scelte che sono nel nostro stesso interesse; tollerando noia, frustrazione, ansia e inevitabile sofferenza fisica ed emotiva della vita. La dipendenza è l'evitamento abituale della realtà. Ciò che il tossicodipendente deve scoprire è che la realtà è più grande di noi. Per essere sicuri, un colpo devastante alla propria grandiosità narcisistica. Ma l'inizio della guarigione della saggezza e della volontà di accettare e abbracciare la realtà – compresi i suoi aspetti negativi e positivi – alle sue condizioni.

Solutions Collecting From Web of "Evasione, sobrietà e realtà: la psicologia della dipendenza"