Euridice Ascending

Vado a Phoenix domani mattina, in un modo o nell'altro, faccio la differenza nelle vite dei miei genitori. Mia madre è in ospedale con una pelvi fratturata e problemi polmonari in corso; mio padre ha una degenerazione maculare ed è legalmente cieco. A 91 e 87 anni, quando sono nella loro solita salute, hanno circa tre quarti di un corpo tra di loro.

Certamente posso accompagnare mio padre in ospedale. Ma è un uomo singolarmente posseduto e stoico che si ritira abbastanza felicemente nella sua biblioteca per i nastri ciechi della storia romana. È un cuoco esperto e fa il bucato. La mamma, ovviamente, è a posto.

Io temo il viaggio. Il 23 maggio ho raccolto la mia moneta da 90 giorni nel mio programma in 12 fasi. Ho pesato e misurato i miei pasti, dato zucchero, flous e spuntini. La casa dei miei genitori, tuttavia, è il mio inferno privato.

Quando mi sono alzato questa mattina, nella mia 101esima mattina senza rimpianti, invece della solita lista di cose che vorrei che Dio facesse per me, ho iniziato a pensare agli ultimi mesi. Mi sono astenuto dopo un bel incidente e una scottatura, e nel bel mezzo di una terribile depressione che era svanita e scorreva per cinque mesi. Sono sopravvissuto alla mia rabbia che mi sarei lasciato sfuggire il controllo – sono persino riuscito a capire che non è il mio posto per giudicare me stesso in questioni così importanti. Mi sono liberato da quella depressione, ho fatto una revisione decente del mio libro, sono sopravvissuto a una frattura di marcia con il mio piede destro. Ho perso un amico che è stato il piacere dei miei giorni ma con cui è arrivato il momento di interrompere la connessione. Mi sono ricollegato a un certo numero di vecchi conoscenti e alcuni familiari tramite Facebook. Ho iniziato a fare pace con alcuni di ciò che è andato storto sei anni fa. Ho perso 42 chili.

Questo è molto in 3 1/2 mesi. Il trucco nella prossima settimana è ricordare quello che ho fatto e quello a cui appartengo . Appartengo al mio piano alimentare. È ciò che mi rende sano di mente e mi dà rispetto per me stesso. Appartengo al programma in 12 fasi che frequento. Appartengo al mio impegno con il mio sponsor. Appartengo a vari circoli sociali che si prendono cura di me e della mia astinenza. Appartengo ai miei cani. Appartengo all'impegno di lavorare sul mio romanzo. Appartengo ai miei genitori che, eccome, non vedono l'ora di vedermi.

Mi viene in mente che c'è forza nel rovescio di tutto ciò. Anche quelle cose mi appartengono. Dico "i miei genitori", dopotutto, non "Sono la figlia dei miei genitori". Dico "il mio piano alimentare" piuttosto che "il piano alimentare che mi è stato dato".

Sepolto in quell'aria condizionata, casa tranquilla con impegni teorici piuttosto che orari in un libro diurno, ho bisogno di ricordare che quando le persone e le cose appartengono a qualcuno, che qualcuno è responsabile. Se il belare è reciproco, lo è anche il potere. Ill essere lì con il dire così tanto nella disposizione di me come hanno fatto.

Quando Orfeo si fece strada nell'inferno per recuperare la sua amata Euridice, usò il suo più grande talento per corteggiarla dalle grinfie di Ade. Per quanto fosse felice di andare verso la terra e la luce del sole e le braccia di suo marito, si voltò a guardare, che era la sua morte. Orfeo ed Euridice

Chiedo che il mio Orpheus – piano alimentare, sponsor, programma, amici, rispetto di me stesso, quello che ho realizzato di recente e quello che spero di ottenere a breve – mi conduca fuori da quel sudicio deserto. Tutto quello che devo fare è continuare a guardare avanti.

Solutions Collecting From Web of "Euridice Ascending"