Eugenetica, amore e problema del matrimonio

Wikimedia Commons
Abito da sposa, anni '10.
Fonte: Wikimedia Commons

Guest post di Natalie Oveyssi.

Questa è la seconda puntata di Forgotten Stories of the Eugenic Age, una serie di blog ospite di Natalie Oveyssi che esplora i modi meno noti che l'eugenetica ha influenzato e coinvolto le vite americane durante la prima metà del ventesimo secolo.

Per le donne americane all'inizio del ventesimo secolo, il matrimonio era un affare pericoloso.

Al suo matrimonio, l'identità civica e sociale di una donna è stata riassunta in quella di suo marito. Ci si aspettava che una moglie fosse sottomessa in casa e nel letto matrimoniale. Se un marito diventava abusivo, indifferente, o comunque poco brillante, aveva poca possibilità di ricorrere. I divorzi erano rari, difficili da ottenere e stigmatizzati.

Anche se una donna potesse ottenere il divorzio per crudeltà o adulterio, la separazione era spesso poco pratica. Poche donne lavoravano dopo il matrimonio e ancora meno dopo aver avuto figli, lasciando la maggior parte finanziariamente dipendenti dai loro mariti. A peggiorare le cose, i giudici nei casi di divorzio di solito assegnavano la custodia dei figli ai loro padri. Le malattie sessualmente trasmissibili erano dilaganti, l'alcolismo era epidemico e persino la discussione di questi gravi problemi – specialmente per quanto riguarda il loro impatto sulle donne – era considerata rozza. Per tutti questi motivi, la scelta del coniuge di una donna era probabilmente una delle determinanti più importanti della sua felicità per tutta la vita.

Ma erano in atto ampi cambiamenti sociali. La "vera donna" borghese dell'era vittoriana – passiva, pia, fragile e domestica – stava affrontando sfide dall'era progressista "New Woman" – passionale, supponente, indipendente e ben istruita. La New Woman ha studiato all'università, ha lavorato prima del matrimonio e occasionalmente dopo, e non ha esitato ad affrontare alcune delle questioni matrimoniali e riproduttive più difficili e scomode del tempo.

In questo contesto, il campo dell'eugenetica è emerso come una lente attraverso la quale le donne della classe media bianca potevano esaminare più approfonditamente questi problemi e risolvere il "problema del matrimonio". Come afferma un articolo della letteratura corrente del 1909, "Il matrimonio è essenzialmente una scienza. "E in effetti, gli eugenisti consigliavano alle donne di imparare tutto ciò che potevano sulla base scientifica del matrimonio, e poi mettere in pratica i fatti nel laboratorio della vita. Se le donne studiassero attentamente l'eugenetica, potrebbero determinare con la massima accuratezza che l'uomo può sposare per assicurare un futuro felice.

Gli eugenisti sostenevano che i tratti negativi che gli uomini potevano mostrare dopo il matrimonio, come l'alcolismo, la promiscuità, la debolezza e la crudeltà, avevano tutti una base ereditaria. Inoltre, sosteneva il dott. Woods Hutchinson, professore clinico di medicina al policlinico di New York, questi tratti non erano limitati alle "comunità di ladri di polli [e] feudali che combattono e si incrociano tra loro e vivono come animali", ma potrebbero anche essere trovati "Sul tetto della società, tra i pigri e mentalmente deboli." Dal momento che qualsiasi uomo indipendentemente dallo status di classe o dall'aspetto esteriore potrebbe avere difetti ereditari invisibili all'occhio inesperto, le donne della classe media che sperano in un matrimonio felice devono essere vigili per proteggere loro stessi.

Qui, gli eugenetici combinavano l'insistenza sulla natura ereditaria dei tratti più indesiderabili con un sano disprezzo per la pratica tradizionale di schermare le donne della classe media da alcune scomode verità sul sesso e sulla vita matrimoniale. La dottoressa Anna Blount, una delle donne eugenetiche più famose, avvertì che gli uomini eugeneticamente inferiori avevano maggiori probabilità di contrarre malattie veneree devastanti – eufemisticamente chiamate "malattie a luce rossa" o "malattie sociali" – che poi trasmettevano ai loro mogli e figli successivi. Perfino i "romanzieri moderni", scrisse Blount, non sono in grado di esprimere la sofferenza di "una sposa fiorita trasformata in pochi mesi dall'invidiabile querulo, o di tornare dall'operazione chirurgica all'ospedale con il meglio della vita e della speranza scomparsi". Blount inoltre ammonì che la crudeltà e la tendenza alla diserzione della moglie erano ereditarie. Le donne avevano bisogno di educarsi sull'eugenetica per salvaguardarsi dal matrimonio con uomini del genere.

Il dott. Norman Barnesby sosteneva che l'alcolismo era o un sintomo o una causa di inferiorità naturale. Le donne potrebbero idealizzare l'alcolista per riformarlo, ma queste cause innegabilmente senza speranza produrrebbero "una vita rovinata e una casa deprimente". Con affermazioni come queste, gli eugenisti avvertirono le donne che, nonostante le loro speranze, gli uomini che sposano abbandoneranno le loro abitudini dannose l'amore non può eliminare le qualità innate.

Oltre a sviluppare la consapevolezza dei principi eugenetici, gli eugenisti hanno sottolineato che le donne potrebbero intraprendere una formazione eugenica speciale per aiutare a identificare i segni di una degenerazione insidiosa nei potenziali partner del matrimonio. Il professor Dean Inge dell'Università di Cambridge e la Eugenics Education Society hanno affermato che senza una conoscenza eugenetica, le donne potrebbero trovarsi attratte semplicemente dal "fisico fine e forte" di un uomo, nonostante la mancanza di informazioni adeguate sulla sua salute. Ma lo sviluppo di un "occhio scientifico" potrebbe aiutarli a evitare queste insidie ​​femminili.

Virginia Hinkins, che insegnava eugenetica alla YWCA della Indiana University, forniva alcuni strumenti concreti per l'esame dell'interesse amoroso. Quando guardava profondamente negli occhi di un amante, le consigliò, le donne non dovrebbero cercare i "ardenti brami ardenti, che infuriano nella litania erotica dell'amore", ma per i sintomi della malattia degli occhi. Continuò: "Il suo cuore, per battere la verità, deve pompare settantadue al minuto, ei suoi sospiri dovrebbero essere sospettati come indicativi di una disposizione morbosa e folle". Gli eugenisti hanno anche insistito affinché i governi locali e statali adottassero leggi che richiedevano uomini e le donne che sperano di sposarsi presentano per la prima volta un certificato di salute eugenetica firmato da un medico che indica che erano idonei a sposarsi.

Se questi suggerimenti sembrano dare un colpo al romanticismo, gli eugenisti certamente non la pensavano così. La dottoressa Elizabeth Hamilton-Muncie ha affermato che gli eugenisti volevano che l'amore fosse essenziale per il matrimonio, ma desideravano anche che le coppie amassero "con gli occhi aperti e il cervello attivo". L'apprendimento dell'eugenetica consentirebbe alle donne di perseguire relazioni romantiche con una sana dose di buon senso, contribuire ad un amore più informato, e quindi più puro. Notevole eugenista e sessuologo britannico, Havelock Ellis, scrisse che il matrimonio tra due giovani sani "corteggiatori sani" innamorati era più propenso a favorire la razza di un matrimonio monetario tra una giovane donna e un uomo anziano malato. I matrimoni amorosi erano spesso di natura eugenetica rispetto ai matrimoni per soldi, stato sociale o semplice convenienza perché l'amore richiedeva alle persone di trovare caratteristiche degne l'una nell'altra.

Alcuni giornali rafforzavano questa connessione tra eugenetica, amore e matrimonio con profili di matrimoni "eugenetici". Questi matrimoni si svolgevano tipicamente tra uomini e donne benestanti, ben istruiti e socialmente prominenti, che esprimevano il loro sostegno all'eugenetica e alla loro convinzione che il loro matrimonio fosse conforme agli ideali eugenetici. Insieme ai soliti dettagli sulla famiglia della sposa, sull'occupazione dello sposo e sulla destinazione della luna di miele, questi profili lusinghieri descrivevano spesso le qualifiche fisiche e le credenziali eugenetiche della coppia.

Uno di questi matrimoni eugenetici è avvenuto tra Leo B. de Lano – piuttosto l'uomo rinascimentale come "atleta, eroe acquatico, sostenitore della temperanza, venditore di cappelli, laureato, avventuriero ed estremista USC" e Betty Wehrle, "come una bella ragazza come mai messo per un artista. "Un articolo del Los Angeles Times ha osservato che de Lano era alto 5 piedi e 10 pollici e 175 sterline, Wehrle era alto 5 piedi e 4 pollici e entrambi erano" biondi perfetti "che erano" praticamente perfetti fisicamente " ", Come evidenziato dagli esami di salute eugenetica a cui avevano presentato prima di accettare di sposarsi.

La già citata Virginia Hinkins, che ha avuto un matrimonio eugenetico, ha detto che i matrimoni eugenici sono nati da "un normale desiderio di conoscere la posizione di un compagno di vita, l'unica assicurazione umana che possiamo ottenere per amore permanente e felice vita matrimoniale". In un momento in cui le opzioni di vita delle donne diminuivano significativamente dopo il matrimonio, alcune donne della classe media si rivolgevano all'eugenetica con la fervida speranza che questa "scienza" potesse aiutarle a fare la migliore scelta coniugale possibile. In un certo senso, concentrarsi sulla selezione scientifica di un coniuge era un modo per evitare di affrontare i gravi problemi che le donne dovevano affrontare una volta sposati. L'eugenetica assicurava che le donne potessero identificare un buon marito, e che la felicità seguisse naturalmente.

Tuttavia, l'interesse delle donne per l'eugenetica durante questo periodo indica anche il loro sforzo concertato per affrontare le difficoltà e le insoddisfazioni del matrimonio e per rivendicare un maggiore controllo sulla propria vita. È toccante che all'inizio del XX secolo, sposare eugeneticamente apparisse più raggiungibile delle riforme sociali per espandere le opzioni economiche e legali delle donne sposate e ridurre lo stigma degli abusi domestici.

fonti:
1. Barnesby, Norma. Forum "Eugenetica e il bambino" (marzo 1913): 341.
2. Blount, Anna. "Effetto del divorzio sulla prossima generazione." San Francisco Chronicle , 28 gennaio 1917.
3. Blount, Anna. "Che cosa significa Bill Bill Health Test se diventa legge." San Francisco Chronicle , 18 marzo 1917.
4. Dicker, Rory. Una storia di femminismi americani. Berkeley, CA: Seal Press, 2008.
5. Ellis, Havelock. "Perché il primo amore è sempre sbagliato." Chicago Daily Tribune , 24 novembre 1912.
6. "Matrimonio Eugenio per iniziare il nuovo anno". Los Angeles Times , 1 gennaio 1914.
7. "Il futuro dell'amore alla luce della scienza". Letteratura corrente OL. XLI, (luglio 1906): 97.
8. "Il matrimonio come il più giovane delle scienze". Letteratura corrente OL. XLVI., (Maggio 1909): 561.
9. "Real Eugenic Marriage." Los Angeles Times , 31 dicembre 1913.
10. Schneider, Dorothy e Carl J. Schneider. Donne americane nell'era progressista, 1900-1920. New York: Facts on File, 1993.
11. "La scienza prima di tutto in questo tormento." Chicago Daily Tribune , 25 ottobre 1915.
12. "Scienza nel matrimonio: la conoscenza dell'Eugenetica impedirebbe unioni sfavorevoli". Washington Post , 20 marzo 1910.
13. "Will not Banish Cupid: Dr. Elizabeth Muncie difende lo scopo di Eugenics." Washington Post , 07 luglio 1914.
14. "Controllerebbe la nascita di tutti i deficienti". New York Times , 21 settembre 1912.

Natalie Oveyssi
Fonte: Natalie Oveyssi

Natalie Oveyssi è una Summer Staff Associate presso il Center for Genetics and Society e si è laureata summa cum laude all'Università di Berkeley nella primavera 2015 con una laurea in Sociologia. È interessata alle intersezioni tra scienza, società e legge.

Solutions Collecting From Web of "Eugenetica, amore e problema del matrimonio"