Etologia della pace: risultati Span Species and Cross Disciplines

Una raccolta accademica di saggi tempestivi sulla scienza comportamentale della pace.

“La credenza popolare persiste che, per natura, gli esseri umani non siano predisposti alla pace. Tuttavia, le prove archeologiche e paleontologiche rivelano che la stragrande maggioranza del nostro tempo come specie è stata spesa in piccole bande di cacciatori-raccoglitori che sono fondamentalmente di natura pacifica ed egualitaria. Il testo rivela anche che la maggior parte della gente della terra vive in società più pacifiche rispetto ai secoli passati “.

Ho appena ricevuto una copia di un importante libro transdisciplinare di saggi accademici originali edito da Drs. Peter Verbeek all’Università dell’Alabama (Birmingham) e Benjamin Peters all’Università del Michigan, intitolato Peace Ethology: Behavioural Processes and Systems of Peace.   Questo volume lungimirante e immensamente ricco nasce da una conferenza tenuta al Centro Lorentz dell’Università Leida nei Paesi Bassi. Ero presente a questo incontro a causa di alcuni dei miei lavori sull’evoluzione e l’etologia del comportamento pacifico – la giustizia selvaggia – negli animali non umani (animali) e sono uscito con più di 50 pagine di note.

I miei interessi nell’etologia della pace derivano dalla mia ricerca a lungo termine sul comportamento del gioco sociale, in particolare fair play, principalmente nei cani, coyote e lupi, e come questi canidi sono in grado di accettare di giocare piuttosto che combattere o competere con l’un l’altro mentre si divertono e fanno lo zoom qua e là. In sostanza, stanno mettendo a punto i giochi in modo che siano in grado di sentirsi sicuri e che il gioco rimanga il nome del gioco (per favore vedi anche). Il defunto antropologo, il dott. Robert Sussman, è stato molto importante per farmi pensare di più sull’evoluzione e l’ecologia della pace negli animali. Il libro che ha co-curato con C. Robert Cloninger, Origini di Altruismo e Cooperazione, è stato un volume fondamentale in questo campo in crescita.

I titoli dei capitoli che riflettono l’attenzione del libro su aspetti evolutivi, ecologici, psicologici, sociologici e comparativi dell’etologia della pace includono “La natura della pace”, “L’inclusione come via per la pace: le esperienze psicologiche di esclusione e inclusione in impostazioni sociali culturalmente diverse , “La nicchia dello sviluppo per la pace”, “Mantenimento della pace e pacificazione dei bambini”, “Reintegrazione degli ex bambini soldato: approcci comunali per guarire le ferite e costruire la pace nelle società postconflittuali”, “Mantenere la pace o far rispettare l’ordine? Superare la tensione sociale tra polizia e civili, “Costruire benefici per la pace”, “La logica evolutiva dell’umano comportamento pacifico” e “Transpecies Peacemaking: il nostro patrimonio evolutivo” (in cui viene discussa l’importanza del gioco sociale). Mi sono piaciuti tutti i saggi e quello che ha attirato la mia attenzione è stato quello di Michael Wessells e Kathleen Kostelny sui bambini soldato. Non ho mai letto molto su questo argomento e non potevo credere a qualcosa di quello che ho letto su come i giovani sono reclutati, come vengono trattati, e quindi come le persone che sono veramente degli eroi lavorano per reintegrare questi individui nella società.

E mentre leggevo i saggi mi sono reso conto che stavo prendendo appunti abbondanti e usando il mio evidenziatore giallo troppo spesso, così ho chiesto a Drs. Verbeek e Peters se potevano rispondere ad alcune domande sul loro libro. Lieto, hanno detto di sì, e la nostra intervista è stata la seguente.

Peter Verbeek

Etologia della pace (copertina)

Fonte: Peter Verbeek

“L’etologia della pace è un approccio scientifico sistematico allo studio della pace che usa i metodi dell’etologia, che è la biologia del comportamento”.

Perché hai modificato Peace Ethology ?

Il libro è stato ispirato dal Centro Lorentz al seminario dell’Università di Leida (18-22 marzo 2013) intitolato “Ostacoli e catalizzatori del comportamento pacifico” che ha riunito cinquantatré scienziati di tre continenti e una serie di discipline, tra cui antropologia, etologia, biologia evolutiva, neuroscienze, scienze politiche e psicologia. Dei 23 autori del libro, 13 hanno partecipato al seminario. Il seminario di 5 giorni si è distinto dalle precedenti conferenze su “pace e conflitto” per mezzo della sua attenzione esclusiva al comportamento pacifico. I partecipanti hanno convenuto che la sua miscela sinergica di argomenti ha molto promesso per lo studio scientifico della pace, e lo scopo di questo libro è di canalizzare ulteriormente questa sinergia presentando un approccio di etica della pace ai processi e ai sistemi di pace comportamentali. Inoltre, abbiamo invitato i partecipanti a questo volume che non hanno partecipato al seminario del 2013, ma il cui lavoro mette in risalto il loro contributo alla scienza comportamentale della pace e ad ampliare la rete di studiosi e scienziati che lavorano e collaborano insieme per avanzare nel campo.

Cos’è l’etologia della pace?

L’etologia della pace è un approccio scientifico sistematico allo studio della pace che usa i metodi dell’etologia, che è la biologia del comportamento. L’etologia della pace è vista meglio come un’applicazione “specifica per la pace” del metodo scientifico, piuttosto che una disciplina scientifica in sé e per sé. L’etologia della pace consente l’integrazione significativa dei diversi sistemi di conoscenza sulla pace e può impalcare la ricerca interdisciplinare sulla pace.

Per favore, dì ai lettori in che modo diverse discipline contribuiscono a questo crescente e importante campo e su come hai scelto i tuoi contributori.

Nell’etologia della pace, la pace viene definita operativamente come “Processi e sistemi comportamentali attraverso i quali specie, individui, famiglie, gruppi e comunità annullano la violenza diretta e strutturale (pace diretta, pace strutturale), tengono sotto controllo l’aggressività o ripristinano la tolleranza ( pace sociale), mantenere solo le istituzioni e l’equità (pace strutturale) e impegnarsi in interazioni reciprocamente vantaggiose e armoniose (pace sociale).

È ovvio da questa definizione operativa che la pace è un concetto complesso e che il suo studio scientifico richiede l’input e la competenza di scienziati sociali e scienziati naturali e persino intuizioni delle discipline umanistiche. Infatti, negli ultimi cinquant’anni, scienziati comportamentali di una vasta gamma di discipline diverse hanno contribuito a scoperte che insieme possono costituire la base per una vera e propria scienza comportamentale di pace. La nostra scelta di contributori per il libro riflette il crescente pool di scienziati che lavorano su processi comportamentali e sistemi di pace, e si basa, in parte, sulle nostre collaborazioni e interessi interdisciplinari. Lo scopo specifico del libro era quello di includere entrambi gli scienziati che hanno partecipato al seminario del Centro di Lorentz e di invitare altri a lavorare su comportamenti pacifici che non hanno partecipato in modo da ampliare la portata complessiva del libro.

Qual è l’importanza della ricerca comparativa e in che modo lo studio degli animali non umani contribuisce al campo?

“Corvi, lupi e wallaby dal collo rosso, per esempio, non sono affatto strettamente correlati, ma ognuna di queste specie mostra il tipo di riconciliazione post-conflitto che vediamo anche negli umani e nelle scimmie. Ciò che questo suggerisce è che la riconciliazione post-conflittuale come un aspetto della pace sociale può avvantaggiare l’idoneità – la sopravvivenza e il successo riproduttivo degli individui – attraverso una vasta gamma di specie “.

Certamente, come esseri umani, una delle nostre principali preoccupazioni riguarda la comprensione della pace nella vita umana. È importante, tuttavia, non dimenticare che siamo una manifestazione della natura; non siamo stati paracadutati. Ne consegue che la natura umana, il nostro essere tipico della specie, è il risultato di processi naturali ed evolutivi. Parte del metodo dell’etologia della pace è studiare l’evoluzione del comportamento pacifico e aggressivo. Un modo per farlo è tornare indietro nel tempo, ad esempio, inferendo il comportamento dall’analisi di oggetti e fossili scoperti nella ricerca archeologica. Un altro modo per arrivare all’evoluzione del comportamento è confrontando il comportamento di specie diverse, ad esempio, specie geneticamente correlate perché condividono un antenato comune. Somiglianze nel comportamento tra specie strettamente correlate suggeriscono una storia evolutiva condivisa del comportamento in questione. Un esempio di questo è “pacificazione” o “riconciliazione post-conflitto” dimostrata dagli umani e dagli scimpanzé e bonobo strettamente imparentati. Questo comportamento aiuta a riparare il danno causato dall’aggressività a relazioni sociali preziose in ciascuna di queste specie e, come tale, è probabile che sia stato selezionato nella storia evolutiva condivisa di queste specie strettamente correlate.

Le somiglianze nel comportamento tra specie che non sono strettamente correlate sono anche di interesse, naturalmente. Corvi, lupi e wallaby dal collo rosso, ad esempio, non sono affatto strettamente correlati, ma ognuna di queste specie mostra il tipo di riconciliazione post-conflitto che vediamo anche negli umani e nelle scimmie. Ciò che questo suggerisce è che la riconciliazione post-conflitto come un aspetto della pace sociale può avvantaggiare l’idoneità – la sopravvivenza e il successo riproduttivo degli individui – attraverso una vasta gamma di specie.

Quali sono alcuni dei tuoi messaggi principali?

Vogliamo sottolineare che la pace è un comportamento e come tale può essere studiato scientificamente come qualsiasi altro aspetto del comportamento. Vogliamo anche sottolineare che mentre l’intrinseca complessità della pace sembra rendere il suo studio scientifico un’impresa scoraggiante, l’etologia della pace consente attraverso i suoi metodi un approccio veramente interdisciplinare che può unire la scienza sociale con le scienze naturali sulla pace.

Chi è il tuo pubblico previsto?

Il nostro pubblico previsto include, ma non è certo limitato a, ricercatori, studenti, insegnanti e professionisti delle scienze comportamentali, ampiamente definiti. Tutti i partecipanti hanno fatto uno sforzo per scrivere in uno stile accessibile a un pubblico generico istruito, e speriamo che il libro abbia un ampio appeal e che i nostri lettori ci contatteranno con le loro domande e commenti. L’etologia della pace, come la pace stessa, prospererà attraverso il dialogo e attraverso il monologo.

Sei fiducioso che l’etologia della pace guadagnerà la trazione in un mondo che ha un tale bisogno di pace?

Sì! L’attività scientifica sulla pace è già lì. Ora abbiamo bisogno di diffondere la parola e ottenere più finanziamenti e coinvolgere più persone! Le persone di tutto il mondo sono profondamente interessate alla pace. Digita “pace” in un motore di ricerca e vedrai cosa intendiamo. Quando le scoperte dell’etologia della pace diverranno più conosciute, il sostegno per essa è destinato a crescere. Speriamo e aspettiamo che il nostro libro possa contribuire a questo.

Quali sono alcuni dei tuoi progetti attuali e futuri?

Un altro laboratorio del Centro Lorentz è in preparazione. Trascorreremo una settimana a Leida nell’aprile del prossimo anno con quasi 40 scienziati di nuovo una vasta gamma di scienze sociali e discipline di scienze naturali per discutere e studiare la ricerca sui “ruoli di astanti in pace e conflitti”. Rimanete sintonizzati! Stiamo anche continuando la nostra ricerca sulla pace, compreso lo studio della riconciliazione e della consolazione in seguito alla violenza e al crimine interpersonale, utilizzando le riprese di telecamere di sorveglianza. Molto da fare . .

C’è qualcos’altro che vorresti dire ai lettori?

La pace non è uno stato passivo ma un processo attivo. Probabilmente ti sei impegnato in aspetti di questo oggi. Continua a praticare la pace, leggi e studia. Le nostre vite e quella dei nostri simili terrestri dipendono da questo.

Grazie Peter e Benjamin per la tua intervista più perspicace e per il tuo libro superbo. Le tue risposte coprono la maggior parte di ciò che i lettori devono sapere per ottenere una copia e leggerla attentamente. Ho apprezzato molto l’ampia portata dei saggi e quanto fossero leggibili. Ho anche apprezzato la combinazione di aspetti accademici e applicati dell’etologia della pace. È bello sapere che rendere il mondo più pacifico è una possibilità distinta. Spero che Peace Ethology goda di un ampio pubblico globale. Sarebbe un libro perfetto per corsi avanzati di laurea e di specializzazione in un’ampia varietà di dipartimenti e programmi.

Solutions Collecting From Web of "Etologia della pace: risultati Span Species and Cross Disciplines"