Etichette progressive per pratiche regressive

"Quando uso una parola", ha detto Humpty Dumpty, in tono piuttosto sprezzante, "significa solo quello che scelgo di significare – né più né meno".

– Lewis Caroll, attraverso lo specchio

"Whole language" (WL), un approccio collaborativo basato sui significati per aiutare i bambini a imparare a leggere e scrivere, emerso alcuni decenni fa come movimento di base. Fino a quando non fu abbattuto da attacchi furiosi da parte di conservatori sociali, comportamentisti accademici e altri, molti insegnanti furono affascinati da questa alternativa al feticcio fonetico e al boom basale che definì il campo. Più che una semplice tecnica didattica, WL è stata una dichiarazione di indipendenza dai programmi di lettura pacchettizzati. Quindi, come hanno reagito gli editori di quei programmi? Alcuni "hanno assorbito la superficie [caratteristiche] della WL e li hanno restituiti agli insegnanti". Altri hanno appena affermato che tutto ciò che era già nel loro materiale commerciale – frammenti di letteratura di morsi e piani di lezione prefabbricati – era un linguaggio completo. [1]

Finché non puoi batterli, fingi di unirti a loro: WL è letteralmente un esempio da manuale di quella strategia. Ma non è certo l'unico. Ad esempio, gli esperti parlano dell'importanza di avere bambini che fanno scienza piuttosto che limitarsi a studiarli, così molte aziende ora vendono kit per facili sperimentazioni. È marchiato come "apprendimento alla scoperta", tranne che gran parte della scoperta è stata fatta in anticipo.

Un mio amico insegnante educatore, uno dei principali studi di costruttivismo, una volta era stato trattato a cena da un editore di libri di testo che cercava il suo consiglio su come i bambini possono svolgere un ruolo attivo in classe e creare un significato attorno alle idee scientifiche. L'editore ascoltò avidamente, prendendo appunti accurati, che il mio amico trovò enormemente gratificante fino a quando improvvisamente si rese conto che l'obiettivo dell'editore era solo quello di appropriarsi delle frasi chiave che potevano essere usate nei materiali di marketing dell'azienda e come titoli di capitolo nel suo libro di testo esistente.

Oppure considera l'apprendimento cooperativo. Avere gli studenti passare la maggior parte del tempo in classe in coppia o in piccoli gruppi è una nozione radicale: l'apprendimento diventa un processo di scambio e riflessione sulle idee con i pari e progetti di pianificazione insieme. Quando impariamo con e gli uni dagli altri, la scuola riguarda noi, non solo me. Ma non appena l'idea cominciò a prendere piede (negli anni '80), fu diluita, ridotta a un espediente per ravvivare un curriculum tradizionale e confortevole. Agli insegnanti è stato detto, in effetti, che non hanno dovuto mettere in discussione il loro modello di apprendimento sottostante; Gli studenti memorizzerebbero fatti e abilità pratiche in modo più efficiente se lo facessero in gruppi. Alcuni scrittori hanno persino raccomandato di usare gradi, certificati e sistemi di punti elaborati per rinforzare gli studenti per cooperare in modo appropriato. [2]

In breve, la pratica di "co-optare" movimenti potenzialmente trasformativi nell'educazione [3] non è una novità. Né, tuttavia, è solo un artefatto storico. Un certo numero di etichette che originariamente indicavano idee progressiste continuano ad essere (errate) appropriate, il loro potenziale radicale viene drenato via, con il risultato che ora vengono invocati dai sostenitori dell'insegnamento del "mazzo di fatti" o di uno stile aziendale, standard- e-test modello di riforma scolastica. [4]

Un campione:

* Coinvolgere non denota un approccio pedagogico specifico; è usato come generale onorifico, a significare un curriculum che gli studenti stessi sperimentano come utile. Ma in questi giorni la parola viene spesso applicata a compiti che potrebbero non essere particolarmente interessanti per la maggior parte dei bambini e che non avevano alcun ruolo nella scelta. In effetti, il valore dei compiti può semplicemente essere ignorato, quindi sentiamo parlare di "impegno" da parte degli studenti, il che sembra significare nulla più che una conformità tempestiva o prolungata. Questi bambini hanno interiorizzato l'agenda degli adulti e sono (estrinsecamente) motivati ​​a completare l'incarico, qualunque esso sia. Se il punto è farli rimanere "su incarico", ci viene risparmiato di dover pensare a quale sia il compito – o chi deve decidere – anche se parliamo seriamente del valore di avere studenti impegnati. [5]

* Originariamente Developmental significava prendere spunto da ciò che i bambini di una certa età sono in grado di fare. Ma per un po 'di tempo, la parola ha finito per implicare qualcosa di diverso: lasciare che i bambini si muovano al loro ritmo. . . su una scala costruita da un adulto. I bambini potrebbero non avere nulla da dire su cosa, se, o perché – solo su quando. (Questo è simile all'idea di "padronanza dell'apprendimento" – una frase che non è stata realmente cooptata perché non è mai stata particolarmente progressiva all'inizio. Stranamente, tuttavia, è ancora brandita con orgoglio da persone che sembrano pensare che rappresenti un approccio lungimirante all'educazione. [6])

* L'apprendimento differenziato, individualizzato o personalizzato emerge da quella che sembrerebbe una premessa perfettamente ragionevole: i bambini hanno esigenze e interessi molto diversi, quindi dovremmo pensare due volte a fare in modo che tutti facciano la stessa cosa, figuriamoci farlo allo stesso modo . Ma c'è una grande differenza tra lavorare con ogni studente per creare progetti che riflettono le sue preferenze e punti di forza, da un lato, e semplicemente aggiustare il livello di difficoltà degli esercizi basati sulle abilità in base ai punteggi dei test degli studenti, dall'altro. Quest'ultima versione è diventata più popolare negli ultimi anni, guidata in parte da programmi problematici come "apprendimento personalizzato di massa" [7] e da aziende tecnologiche che vendono prodotti di "apprendimento digitale individualizzato". (In un saggio futuro avrò altro da dire sulle differenze tra l'autentico apprendimento personale e ciò che potrebbe essere chiamato Personalized Learning, Inc.)

* La valutazione formativa doveva essere di buona qualità – valutare il successo degli studenti mentre stanno ancora imparando piuttosto che valutarli allo scopo di valutare o classificare quando è troppo tardi per apportare modifiche. Ma il concetto "è stato preso in mano – dirottato – dagli editori di test commerciali ed è usato invece per riferirsi a sistemi di test formali", afferma Lorrie Shepard, esperto di valutazione [8]. Fondamentalmente, una serie infinita di test standardizzati di "merdosi" standard – destinati a perfezionare la preparazione per i test high-stake che seguono – sono descritti eufemisticamente come "valutazione formativa". Troppo spesso, in altre parole, l'obiettivo è solo vedere quanto bene gli studenti faranno un altro test, non per fornire un feedback che li aiuterà a riflettere profondamente sulle domande che li incuriosiscono. (Lo stesso è vero per la frase "valutazione per l'apprendimento", che suona bene ma significa poco finché non abbiamo chiesto "Imparare cosa ?") Le probabilità di un risultato intellettualmente prezioso sono magre per cominciare se ci affidiamo ad un test piuttosto che su autentiche forme di valutazione [9].

* Un promemoria per concentrarsi sull'apprendimento, non solo l'insegnamento sembra rinfrescante e illuminato. Dopotutto, le nostre azioni come educatori non contano tanto quanto le esperienze dei bambini. I migliori insegnanti (e genitori) cercano continuamente di vedere cosa fanno attraverso gli occhi di coloro a cui è stato fatto. Ma ad un certo punto ho avuto la nausea di constatare che molti consulenti e amministratori che insistono sul fatto che l'apprendimento è più importante dell'insegnamento in realtà hanno adottato una versione comportamentista dell'apprendimento, con un'enfasi sulle abilità discrete misurate dai punteggi dei test.

Vedi lo schema qui. Abbiamo bisogno di chiedere a quali bambini viene dato di fare, ea quale fine, e all'interno di quale più ampio modello di apprendimento, e come deciso da chi. Se permettiamo a noi stessi di essere distratti da quelle domande, anche le etichette con una storia progressista orgogliosa possono essere cooptate al punto da non fornire più rassicurazione sulla pratica a cui si riferisce l'etichetta.

GLI APPUNTI

1. Questi due account sono stati offerti dagli specialisti di alfabetizzazione Pat Shannon e Harvey (Smokey) Daniels, rispettivamente. Vedi Paula Wolfe e Leslie Poynor, "Politica e il pendolo", ricercatore educativo , gennaio-febbraio 2001, p. 17; e Daniels, "Whole Language: What's the Fuss?", Rethinking Schools , Winter 1993, p. 4.

2. Per ulteriori informazioni sull'apprendimento cooperativo, vedi Alfie Kohn, No Contest: The Case Against Competition , rev. ed. (Houghton Mifflin, 1992), cap. 10.

3. In effetti, l'idea non è limitata alle scuole, né è iniziata lì. La co-opting è una strategia secolare per indebolire i movimenti che tentano di sfidare le strutture di potere esistenti, evitando così la necessità di risposte pesanti che potrebbero finire per rafforzare quei movimenti. Quindi, piuttosto che licenziare lavoratori potenzialmente ribelli, i dirigenti possono promuoverli in posizioni manageriali sulla teoria che qualcuno esiterà a opporsi a un sistema in cui lui o lei ora svolge un ruolo privilegiato. Allo stesso modo, le compagnie petrolifere e del carbone potrebbero evitare di attaccare pubblicamente gli attivisti ambientali, preferendo insistere sul fatto che esse (le compagnie) sostengono gli stessi obiettivi finanziando strategicamente organizzazioni verdi o adottando un vocabolario favorevole alla terra per descrivere le loro iniziative sui combustibili fossili.

4. L'uso strategico (e l'abuso) delle parole per promuovere un'agenda politica – e gli sforzi schietti per fare il cambiamento – ha anche una lunga storia. George Orwell ha scritto il libro su questo: 1984 . Per un esempio più recente, considera come il termine riforma sia stato adottato da quelli di destra. "Per i miei soldi", consigliava l'editorialista conservatore David Brooks, "il miglior principio organizzativo per i centri repubblicani sulla parola" riforma ", che può dare l'impressione che vogliano" promuovere il cambiamento, mentre i democratici restano i difensori frettolosi dello status quo ("Running on Reform", New York Times, 3 gennaio 2004). Ho discusso gli usi a cui quella parola è stata inserita nel campo dell'educazione in "Test Today, Privatize Tomorrow", Phi Delta Kappan , aprile 2004; disponibile all'indirizzo http://ow.ly/IgwWS. Così anche per la scelta delle parole, che è stata adottata come eufemismo per i buoni scolastici dopo che la particolare strategia per minare l'educazione pubblica è stata decisamente respinta dagli elettori in diversi stati.

5. Un avvertimento qui: anche nel suo senso originale, incorrotto, l' impegno non cattura tutto il necessario per creare l'ambiente di apprendimento ideale. Come ha osservato Susan Engel, anche quando gli studenti sono "abbastanza impegnati in una discussione o attività", può essere ancora una lezione diretta dall'insegnante che li esclude dal "porre domande o avere la possibilità di perseguire tali domande". ("Bisogno dei bambini Da sapere: Curiosità nelle scuole, " Harvard Educational Review 81 [2011]: 641-42.)

6. La padronanza dell'apprendimento è associata al lavoro di Benjamin Bloom ed è saldamente radicata in un paradigma comportamentista: Compiti (a volte di scarso valore intrinseco) sono suddivisi in piccole "unità", che gli studenti – non diversamente dagli animali da laboratorio – devono eseguire in sequenza , con monitoraggio continuo, valutazione frequente e, spesso, rinforzo positivo per soddisfare la persona con il potere. Questo è l'esatto contrario dell'educazione costruttivista o progressista. "Ci si aspetta che i bambini progrediscano da un pezzo insignificante di apprendimento a un altro", come Frank Smith descrisse l'idea. Deborah Meier ha offerto una diversa osservazione sulla "padronanza", sottolineando che è una parola strana perché imposta la barra così in alto. Pochi di noi possono affermare di aver veramente padroneggiato ciò in cui lottiamo per migliorare, quindi o la parola deve essere annacquata oppure insegniamo il tipo di abilità banali che possono essere padroneggiate (comunicazione personale, gennaio 2015).

7. Vedi, ad esempio, Maja Wilson, "Personalizzazione: è tutto tranne che personale", Educational Leadership , marzo 2014: 73-77.

8. Lorrie Shepard è citata in W. James Popham, "Valutazioni formative fasulle: attenzione del compratore," Leadership educativa , novembre 2006, p. 86.

9. Vedi il mio saggio "Perché i migliori insegnanti non forniscono test", il 30 ottobre 2014, disponibile all'indirizzo http://ow.ly/Igx5i. Ed ecco un'altra preoccupazione: un ampio gruppo di ricerche ha dimostrato che quando gli studenti sono portati a concentrarsi in modo sproporzionato su come stanno facendo bene, tendono a diventare meno immersi in, e pensieroso, quello che stanno facendo. Come affermano due eminenti studiosi, "Un'enfasi eccessiva sulla valutazione può in realtà minare la ricerca dell'eccellenza" – e questo può essere particolarmente vero per il tipo formativo, a causa della sua importanza durante il processo di apprendimento. (La citazione è di Martin L. Maehr e Carol Midgley, Transforming School Cultures [Westview, 1996], pagina 7. Per ulteriori informazioni sulla distinzione tra attenzione alla performance [conseguimento] e attenzione all'apprendimento, vedere il mio libro The Schools I nostri figli meritano [Houghton Mifflin, 1999], cap. 2.)

Solutions Collecting From Web of "Etichette progressive per pratiche regressive"