Etica dello zoo e le sfide della conservazione compassionevole

Qualche settimana fa ho ricevuto una copia di un libro di Jenny Gray, CEO di Zoos Victoria (Australia), chiamata Zoo Ethics: The Challenges of Compassionate Conservation. Non vedevo l'ora di leggere il libro della signora Gray, e dopo che l'ho fatto ho pensato che il modo migliore per iniziare una discussione sarebbe stato intervistarla. Lei acconsentì, e sotto ci sono le risposte alle domande che le ho inviato. Lasciatemi dire in anticipo che la Sig.ra Grey e io differiamo nelle nostre opinioni sugli zoo (per favore vedi, ad esempio, "Non è ancora successo allo Zoo: restano divisioni affilate), ed è per questo motivo che sono stato lieto di aver trovato il tempo per rispondi a queste domande (alcune delle quali sono precedute da dichiarazioni su come differiamo). La conservazione compassionevole è una disciplina globale e interdisciplinare in rapida crescita che riguarda gli animali in cattività e liberi, e sono anche stato lieto di vedere la signora Gray affrontare le varie sfide che la conservazione compassionevole presenta.

With permission
Fonte: con permesso

La descrizione per Zoo Ethics recita:

Zoo Ethics esamina il funzionamento degli zoo moderni e considera le principali sfide etiche affrontate dalle persone che scelgono di tenere e mostrare animali in zoo, acquari o santuari. Jenny Gray afferma il valore della vita animale e valuta l'impatto dei moderni zoo, compresi i costi per gli animali in termini di benessere e perdita della libertà. Gray evidenzia eventi contemporanei, tra cui l'uccisione del gorilla Harambe allo Zoo di Cincinnati nel maggio 2016, l'abbattimento ampiamente pubblicizzato di una giovane giraffa nello Zoo di Copenaghen nel 2014 e l'investigazione del Tempio della Tigre nella Tailandia occidentale.

Gray descrive i benefici positivi per il benessere e la salute di molti animali tenuti nei giardini zoologici, la maggiore attenzione e protezione per le loro specie in natura, il divertimento e l'educazione delle persone che visitano i giardini zoologici. Zoo Ethics consentirà agli studenti di etica animale e scienze veterinarie, professionisti dello zoo e dell'acquario e visitatori dello zoo interessati di avere una visione informata delle sfide della conservazione compassionevole e di sviluppare le proprie posizioni etiche.

Perché hai scritto Zoo Ethics: The Challenges of Compassionate Conservation e in che modo la tua scrittura del tuo libro è nata dalla tua affiliazione a lungo termine con i giardini zoologici?

Grazie per l'opportunità di parlare del mio libro e delle sfide etiche che devono affrontare le persone che scelgono di lavorare per gli animali. Zoo Ethics è un riflesso del mio viaggio per comprendere il paesaggio etico del lavoro con gli animali negli zoo o in altre strutture. Molte persone hanno opinioni forti su zoo e acquari, tuttavia, pochi impiegano il tempo per sviluppare argomenti coerenti, supportati da fatti e dati reali. Spero che Zoo Ethics sia letto da persone che lavorano per animali o interessati ad animali e che poi si prenderanno il tempo per sviluppare le proprie argomentazioni su ciò che è moralmente accettabile. La mia più profonda speranza è che quando pensiamo profondamente all'etica e alla moralità possiamo vedere la necessità di cambiare e assicurare la volontà di cambiare.

Quali sono i tuoi messaggi principali?

Nella stesura di Zoo Ethics , ho appreso che non esiste un singolo argomento knock out a favore o contro gli zoo. Piuttosto, ogni quadro etico (benessere, diritti, consequenzialismo, virtù ed etica ambientale) fornisce un modo di pensare agli animali e al nostro rapporto con gli animali. Incoraggerei le persone a leggere e riflettere profondamente sui doveri e gli obblighi che abbiamo nei confronti degli animali.

La mia opinione è che difendi gli zoo e ritieni che sia perfettamente corretto tenere gli animali in gabbia per una serie di motivi. Cosa sono e perché è così?

Penso che sia moralmente accettabile ospitare animali in cattività quando si può dimostrare che ciò è nell'interesse dell'individuo, della specie o dell'ambiente. La prigionia può essere nell'interesse di un individuo quando l'alternativa è la morte o la sofferenza e dove le condizioni prigioniere forniscono stati di benessere prevalentemente positivi. Il giudizio di giardini zoologici e acquari è basato su tutte le cose che fanno, non c'è un singolo argomento che giustifica o condanna gli zoo.

Ci sono discussioni e dibattiti in corso incentrati sul ruolo educativo degli zoo e sul loro contributo alla conservazione. Non trovo il modo di giocare la "carta dell'istruzione" particolarmente convincente in termini di come le persone che imparano qualcosa in realtà poi continuino a dare contributi significativi al futuro degli animali in cattività e / o dei loro parenti selvatici. Cosa ne pensi del ruolo degli zoo in questa arena? Ritengo inoltre che giocare a "carte di conservazione" sia un po 'diverso, in quanto ci sono alcuni zoo che danno un contributo significativo ai progetti di conservazione, ma in realtà non aiutano i residenti dello zoo. Tuttavia, dato il numero di zoo in tutto il mondo, solo pochissimi effettivamente fanno qualcosa per la conservazione, quindi è difficile giustificare il mantenimento degli animali in cattività per scopi di conservazione. Puoi dire brevemente ai lettori che cosa ne pensi dei giardini zoologici e della conservazione? (Domanda molto lunga – più di una dichiarazione)

Quando consideriamo che il 50 per cento delle specie sono ora in via di estinzione e molte specie sono in una condizione assolutamente critica, penso che abbiamo bisogno di ogni piccolo aiuto che possiamo ottenere per prevenire la sesta estinzione di massa. Gli zoo e gli acquari sono un giocatore in un'impresa complessa. Penso che gli zoo e gli acquari abbiano un ruolo nell'edilizia e nell'allevamento di specie in via di estinzione e sono incoraggiato a vedere più strutture che impegnano spazio e risorse per le specie in via di estinzione. Certo, bisogna fare di più.

In termini di educazione, hai ragione tutti gli studi (comprese scuole e università) non sono riusciti a fermare la distruzione ambientale fino ad oggi. Ora dobbiamo agire insieme per ispirare le persone ad agire per proteggere gli animali. Gli esperti di cambiamento comportamentale si riferiscono al momento dell'impatto che è quando le persone sono eccitate e motivate a sentire un messaggio. Ora abbiamo prove che gli zoo e gli acquari sono in grado di fornire esperienze profonde che ispirano il cambiamento del comportamento e l'azione per gli animali (ad esempio Ballantyne et al., Jensen et al 2017; Moss et al 2015; Packer and Ballantyne 2010; legati alle campagne – Mellish et al 2016; Pearson et al 2014).

A pagina 118 scrivi: "Rispondendo all'obbligo morale di assicurare che gli animali dello zoo non soffrano è realizzabile per la maggior parte delle specie, mi aspetto che le discussioni sul potenziale per alcune specie di essere considerate come persone non umane possano un giorno portare a limitare la gamma di specie che gli zoo possono contenere e mostrare, o per lo meno porrà ulteriori obblighi a coloro che si prendono cura delle persone non umane. "(mia enfasi) E, a pagina 151 hai scritto," Se il benessere degli animali può essere accontentato, come probabilmente può fare per la maggior parte delle specie, quindi sembra appropriato prendere gioia nel vedere la natura da vicino … "(la mia enfasi) E gli individui di specie che soffrono e non possono essere accolti? Cosa ne pensi della mostra sulla lumaca dello zoo di Detroit che è molto efficace nel superare i principi di biodiversità e conservazione?

Nel tempo gli animali ospitati negli zoo e negli acquari sono cambiati. Allo Zoo di Detroit parlano di meno animali in spazi più grandi. Penso che continueremo a vedere animali più grandi con notevoli esigenze di spazio che si spostano dai giardini zoologici della città, in parchi safari e strutture aperte. Gli zoo della città ospiteranno meno animali di grossa taglia e aumenteranno il numero e la qualità degli animali più piccoli, inclusi invertebrati e rettili. Questi display, come la mostra di lumache a Detroit, sono in grado di soddisfare le esigenze dei singoli animali e anche di essere di impatto in termini di messaggistica di conservazione. In tutto il mondo ci sono molte mostre di questo tipo, tra cui la mostra delle cavallette allo zoo di Basilea in Svizzera, il seppellimento degli scarafaggi allo zoo di St. Louis e la storia della conservazione del Lord Howe Island Stick Insect allo zoo di Melbourne. La casa delle farfalle allo Zoo di Melbourne è costantemente considerata una delle mostre più popolari. Beneficeremo tutti della pausa e della considerazione della diversità delle specie che condividono il pianeta e offrono opportunità per connettersi con le piccole e incredibili. Ma anche qui abbiamo il dovere di prenderci cura e dobbiamo capire i bisogni delle piccole creature.

A pagina 208 scrivi: "Sfortunatamente la maggior parte degli zoo esistenti oggi non soddisfa ancora i requisiti delle operazioni etiche. Nella migliore delle ipotesi, il 3% degli zoo sta cercando di soddisfare gli standard etici, con forse solo una manciata che soddisfa tutti i requisiti. Ma c'è speranza. "Puoi dire ai lettori perché sei fiducioso che il futuro sarà migliore per gli animali in gabbia che Jessica Pierce e io chiamiamo animali" zooed "nel nostro libro The Animals 'Agenda: Libertà, Compassione e Convivenza nel L'età umana quando si nota che ci saranno individui di alcune specie che non possono davvero avere una vita senza soffrire mentre vivono in uno zoo, e che circa il 97 per cento degli zoo di oggi non si sforzano nemmeno "di soddisfare gli standard etici" ?

Nel mio tempo come direttore dello zoo ho visto un maggiore interesse e investimenti in zoo e acquari. Il bisogno di coinvolgere le comunità con la natura e di mettere la biodiversità di fronte a una popolazione sempre più urbanizzata ha dato a giardini zoologici e acquari un ruolo nuovo e importante. Molti dei problemi riscontrati nei giardini zoologici sono legati a lacune nella conoscenza, carenza di risorse e attitudini culturali. Un maggiore interesse per la cognizione animale sta aumentando la conoscenza e una maggiore conoscenza è una credenza stimolante. Senza dubbio la pressione dei social media sta anche aumentando la pressione per il cambiamento.

Sono sempre più ispirato dalle persone che incontro nei giardini zoologici. Il personale professionale è intelligente, appassionato e impegnato in un futuro sostenibile. Si uniscono a giardini zoologici e acquari per modificare sia gli zoo che le attitudini dei visitatori. Fornito di conoscenza e risorse, sono fiducioso che creeranno miglioramenti che non abbiamo nemmeno pensato.

Tutti questi fattori mi danno speranza che vedremo cambiamenti significativi in ​​strutture che trattengono e si prendono cura degli animali.

In vari posti scrivi di animali vulnerabili e dipendenti. Alle pagine 155-156 scrivi: "Quando gli umani mantengono una posizione di dominio sugli altri, creando così una relazione di vulnerabilità e dipendenza, incombe al virtuoso esercitare una grande compassione." Cosa intendi con questo?

Quando scegliamo di portare un animale nelle nostre case come animali domestici o di ospitare un animale in un recinto, creiamo le condizioni in cui non possono più badare a se stessi. Il tuo cane fa affidamento su di te per il cibo e il riparo, ma anche per il supporto aziendale e emotivo. Non è sufficiente semplicemente assicurarsi che abbiano abbastanza risorse per rimanere vivi e non soffrire, bisogna anche assicurarsi che prosperino. Devi agire con compassione e considerare ciò che ogni animale ha bisogno mentalmente, emotivamente e fisicamente. Credo che non dovremmo mai sentirci a nostro agio se abbiamo fatto abbastanza. Ogni giorno dovremmo trovare modi per fare di più.

Tra i principi guida della conservazione compassionevole ci sono "Primo, niente danno" e la vita di ogni individuo conta. Che cosa può contribuire la conservazione compassionevole, o meglio ancora aggiungere, a discutere se gli zoo debbano esistere in primo luogo e che sia giusto tenere gli animali in gabbia o per il loro presunto bene o per scopi di educazione e conservazione?

Non è il mio obiettivo considerare un mondo in cui zoo e acquari non esistono, quindi fin dall'inizio ho la certezza che presumo che zoo e acquari continueranno ad esistere. Piuttosto, vorrei sfidare i lettori a considerare come l'etica può aiutarci a pensare alle nostre relazioni e ai nostri obblighi verso gli animali a nostra cura. Gli zoo e gli acquari contribuiscono alla conservazione e suggerisco che il contributo possa essere migliorato considerando la conservazione compassionevole. Per troppo tempo sembrava che dovessimo scegliere di dare la priorità all'uomo o alla specie. Penso che quando ci prendiamo cura degli individui e delle specie svilupperemo programmi di conservazione più efficaci e di maggior successo.

In che modo i principi di conservazione compassionevole hanno influenzato il tuo pensiero sull'importanza della vita di ogni individuo?

A Zoos Victoria abbiamo cambiato il modo in cui prepariamo gli animali delle specie in via di estinzione per il rilascio. Attraverso l'addestramento alla consapevolezza dei predatori abbiamo aumentato il tasso di sopravvivenza degli individui in un programma dal 45 percento a oltre il 90 percento. Chiaramente questo va bene sia per l'individuo che per la specie. Abbiamo anche cambiato il modo in cui ospitiamo gli animali. Ogni anno aggiorniamo e espandiamo le strutture per gli animali, aumentando le cose che ora sappiamo di aver bisogno di prosperare, tra cui la sfida cognitiva, gli spazi tranquilli per la ritirata e le opzioni per il controllo del loro ambiente. Ci avvaliamo di scienziati del benessere degli animali incaricati di condurre valutazioni del benessere degli animali a livello di singolo animale utilizzando valutazioni scientifiche convalidate sul benessere (comportamento e fisiologia). Abbiamo in corso 46 progetti di ricerca incentrati sull'avanzamento del benessere tra varie specie, dalle farfalle ai gorilla. Questa ricerca ci consente di prendere decisioni informate sulla gestione degli animali che sono nel migliore interesse dei singoli animali a nostra cura.

Molti zoo partecipano a quella che chiamano "eutanasia di gestione" dei cosiddetti "animali in eccedenza". Ho molti problemi sia con l'uso della parola "eutanasia" che con la frase "animali in eccedenza". In una sezione del tuo libro poni alcuni esperimenti di pensiero molto interessanti e stimolanti che sollevano una serie di problemi con il modo in cui gli amministratori dello zoo si occupano di diversi tipi di animali. Nelle pagine 214-215 considerate l'argomento "Uccidere gli animali in eccedenza", concentrandosi sul destino di Marius, una giovane e sana giraffa che è stata uccisa (non soppressa eutanasia, nonostante quello che sostengono) allo zoo di Copenaghen, perché è stato deciso che Marius non ha potuto contribuire al programma di allevamento dello zoo. Un po 'dopo che Marius è stato ucciso, quattro leoni sono stati uccisi nello stesso zoo per lo stesso motivo. Durante un incontro allo Zoo di Detroit nel maggio 2017, dove ci siamo incontrati, qualcuno si è riferito al direttore dello zoo di Copenhagen che ha deciso che era perfettamente ok uccidere Marius come un eroe. Francamente, trovo che la caratterizzazione sia perversa e il massacro di Marius e dei quattro leoni sia inaccettabile, molti altri e non trovo che questo sia un problema complesso – e mi chiedo se avresti scelto di uccidere Marius o altri animali che hai deciso non potevano contribuire per un motivo o per l'altro al programma di allevamento del tuo zoo.

Sono d'accordo che c'è una differenza tra una morte che è nell'interesse dell'individuo (eutanasia) e l'uccisione che pone fine a una vita sana. Invito i lettori a riflettere sui problemi nella sezione delle domande malvagie, inclusa la morte di Marius, e sviluppare i propri argomenti. Non ho deliberatamente dato risposte semplici a questioni complesse. Molti argomenti possono essere montati. Spero che gli studenti di etica possano perfezionare non solo la loro visione personale, ma anche i plausibili argomenti contrari.

Cosa ne pensi di trasformare gli zoo in santuari?

In Zoo Ethics definisco lo zoo per includere tutte le strutture che ospitano gli animali in uno stato di cattività, compresi zoo, acquari, santuari, giardini di farfalle e parchi dei rettili. "Santuario" è una parola con un contesto positivo che è spesso immeritato. Mentre ci sono incredibili santuari, gestiti da personale ben intenzionato, ce ne sono molti altri che sono veramente terribili senza i fondi o le competenze per prendersi cura degli animali. Non giudicherei una struttura sul nome o la dimensione del saldo bancario, ma piuttosto sull'attenzione, sulla ricerca e sullo sforzo che dedicano alla cura degli animali che detengono e all'impatto che essi producono sulla conservazione e l'educazione. Ho visto strutture semplici che hanno una straordinaria cura degli animali e strutture grandi e ricche con terribile cura degli animali.

Come ti senti nei giardini zoologici virtuali?

Sono interessato a come la tecnologia aiuterà a migliorare la vita degli animali in cattività. Se i documentari fossero sufficienti, non ci troveremmo di fronte alla sesta estinzione e gli zoo e gli acquari non riceverebbero le visite che attualmente stanno vivendo. Anche se non credo che la tecnologia sostituirà gli zoo e gli acquari, penso che la tecnologia possa migliorare le visite. A Zoos Victoria utilizziamo la tecnologia per mostrare animali che non terremmo, ad esempio nel nostro acquario "profondo" c'è un enorme schermo dove nuotano le balene. La tecnologia può anche portare alla vita le minacce alla fauna selvatica al punto che le persone sono in presenza di un vero animale. Mostriamo l'impatto dei rifiuti di palloncini sugli uccelli marini, senza danneggiare i nostri uccelli marini, e forniamo l'opportunità di impegnarci a soffiare bolle invece di rilasciare palloncini. In 6 mesi 41.000 persone hanno già preso questo impegno. Stiamo anche studiando le opzioni per la realtà virtuale combinate con esperienze sensoriali di animali reali per migliorare l'empatia di conservazione in alcune delle nostre specie criptiche come le rane Baw Baw. È probabile che la combinazione sia potente.

La tecnologia consente osservazioni senza impatto umano e l'uso diffuso di telecamere ci consente di intraprendere nuove ricerche sui comportamenti degli animali e sugli impatti di varie attività sul benessere degli animali. Ad esempio, utilizziamo telecamere termiche per monitorare il comportamento degli animali durante la notte e le telecamere nest box per monitorare in modo non invasivo i pulcini di Little Penguin. Usiamo anche la tecnologia per aiutarci a consegnare il cibo in momenti casuali durante il giorno a una selezione di specie che beneficiano di regimi di alimentazione imprevedibili. Scopriamo anche capacità interessanti che mostrano quanto poco sappiamo veramente degli altri esseri intelligenti che condividono il nostro pianeta.

Quali sono alcuni dei tuoi progetti presenti e futuri?

Zoo Victoria continuerà a sostenere l'importanza della conservazione basata su zoo. Siamo entusiasti dei progetti che supportiamo e gestiamo. Quest'anno pubblicheremo una seconda popolazione di Bandicoots barrati orientali su Philip Island, iniziando il processo di delisting di una specie attualmente elencata come estinta in natura. Sostenere la prima guarigione di mammiferi in Australia è un'impresa eccitante. Ampliamo il nostro allevamento per programmi di rilascio incentrati sul recupero delle 21 specie più a rischio in Victoria.

Continueremo la campagna per l'etichettatura dell'olio di palma sul cibo in Australia, la protezione degli ambienti forestali e la riduzione dei rifiuti oceanici. Continueremo anche a mettere animali in pericolo critico di fronte alle persone, attraverso esibizioni dal vivo, programmi educativi, gallerie fotografiche o documentari. Credo che molte persone cambieranno i loro comportamenti, anche solo un po ', quando vedranno cosa stiamo per perdere. È devastante considerare veramente un futuro senza leoni o elefanti o opossum delle montagne pigmei.

Alla base di tutti questi obiettivi di conservazione, stiamo continuando a guidare i progressi nell'uso della scienza per promuovere gli standard di benessere degli animali nel nostro stesso cortile, ma anche in tutto il settore, lavorando per migliorare i professionisti degli animali e diffondere conoscenze e apprendimenti.

Sul palcoscenico mondiale ho appena assunto il ruolo di Presidente dell'Associazione Mondiale di zoo e acquari. La posizione mi offre una grande piattaforma per parlare di animali, la conservazione e le nostre responsabilità come esseri etici.

C'è qualcos'altro che vorresti dire ai lettori ?

Viviamo in un'epoca in cui gli animali sono sotto estrema minaccia. Oltre il 50 per cento delle specie animali sono in pericolo. La più grande minaccia per gli animali è l'uomo. La portata delle minacce alla sopravvivenza delle specie richiede molte soluzioni. Spero che conoscere l'etica ci aiuti a fare in modo di trovare interventi efficaci che siano compassionevoli e considerare gli interessi di ogni animale coinvolto.

Grazie mille, Jenny, per aver risposto a queste domande. Speravo che avresti risposto alla domanda se avresti sostenuto l'uccisione di Marius. 2

Detto questo, spero che la tua intervista raggiunga un vasto pubblico globale perché queste domande e questi dibattiti, insieme ad altri, non spariranno se vengono ignorati. È importante che le persone parlino apertamente di come sono d'accordo e in che modo si differenziano se, ad esempio, sia permesso in primo luogo di tenere gli animali in gabbia, se l'allevamento in cattività debba continuare, se va bene uccidere animali sani che non possono contribuire al programma di allevamento di uno zoo, se gli animali da zoo dovrebbero essere spediti in giro per l'accoppiamento o per altri scopi, se dovrebbero essere costretti ad accoppiarsi, e quale dovrebbe essere il futuro degli zoo. E, dal momento che solo una piccola percentuale di zoo sta cercando di soddisfare gli standard di benessere, è chiaro che il benessere di numerosi singoli animali è regolarmente ignorato negli zoo di tutto il mondo. La detenzione di animali nei giardini zoologici dimostra come il benessere degli animali fallisca gli individui di numerose specie. 1

Per coloro che vogliono saperne di più sulla conservazione compassionevole ci sarà una conferenza internazionale che si terrà a Sydney, in Australia, il prossimo novembre, e fonti che presentano discussioni ad ampio raggio su zoo e altre aree in cui la conservazione compassionevole può svolgere un ruolo importante sono Ignorare Natura non di più: il caso per la conservazione compassionevole, "La compassione come etica pratica ed evoluta per la conservazione", "Promuovere i predatori e la conservazione compassionevole", "La conservazione compassionevole incontra Cecil il leone ucciso" e il sito Web del Centro per la conservazione compassionevole.

Siamo l'ancora di salvezza per animali in cattività e liberi, individui che dipendono totalmente dalla nostra buona volontà e che mettono il loro benessere in primo luogo in un mondo sempre più dominato dall'uomo. La conservazione compassionevole sicuramente può, e dovrebbe, aprire la strada.

1 Per una visione piuttosto diversa sugli zoo, vedi questa intervista intitolata "Queste ossessionanti foto di animali mirano a farti rivedere una visita allo zoo" con la nota fotografa Jo-Anne McArthur, sul suo nuovo libro intitolato Captive. Vedi anche "The Whale Sanctuary Project: Saying No Thanks to Tanks" e un'intervista con il dott. Lori Marino, presidente e presidente del consiglio di amministrazione del progetto The Whale Sanctuary.

2 L' ho aggiunto a causa di un buon numero di persone che hanno detto che anche a loro sarebbe piaciuta una risposta a questa domanda da parte di un importante amministratore dello zoo, piuttosto che dire che si tratta di un problema complesso ecc. Ecc.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Ulteriori informazioni su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "Etica dello zoo e le sfide della conservazione compassionevole"