Età adulta emergente: The Twenty-Something Stage of Life

Tutto cresciuto ma non pronto a commettere

L’adolescenza è una fase liminale, è la soglia di transizione tra dipendenza infantile e responsabilità degli adulti. La parte difficile è sapere quando sei arrivato.

Quel sentimento in discussione sembra abbastanza comune tra i ventenni in questo momento: entrambi i miei figli sono stati recentemente dotati di magliette su questo tema. Sebbene si possa sostenere che storicamente la transizione dalle responsabilità dell’infanzia all’adulto era lunga, diseguale e confusa, certamente negli Stati Uniti a metà del secolo era abbastanza chiaro: sei diventato un adulto quando hai finito la scuola (2) hai ottenuto un lavoro (3) sposato e (4) ha avuto figli. Non solo la transizione temporale è stata relativamente breve durante i decenni in cui l’età del matrimonio per le donne si aggirava sopra i 20 anni, ma era anche relativamente sequenziale. Le istituzioni sociali tendevano a sostenere le persone che si muovevano attraverso di esso in ordine. Le cose erano molto più difficili per le persone che non lo facevano.

Nei decenni successivi, diversi cambiamenti sociali hanno allungato la transizione verso l’età adulta e allentato la sequenza. La scuola è diventata sempre più estesa. Anche se la maggior parte degli adolescenti finisce la scuola superiore e frequenta l’università, solo il 59% di coloro che iniziano una laurea triennale termina in sei anni. Per coloro che iniziano negli istituti di iscrizione aperta come i college della comunità, tale percentuale scende al 32%. Lavorare durante il college è diventato normativo. Poiché l’età del matrimonio è aumentata a partire dalla metà del secolo, molte più persone stanno avendo figli prima del matrimonio, complicando ulteriormente la transizione all’età adulta mentre le persone lavorano per combinare i ruoli – ad esempio incontri con partner e genitori – in modi che non sono ancora chiaramente definito.

Nancy Darling

Fonte: Nancy Darling

Età adulta emergente: Jeffrey Arnett ha sostenuto che questi cambiamenti culturali hanno portato a una nuova fase di vita tra l’adolescenza, quella che era stata tradizionalmente definita come uno stato di preparazione e socializzazione e l’età adulta. “L’emergente età adulta”, sostiene, è uno stadio di vita normativo caratterizzato da:

  • esperienze diverse
  • mancanza di impegni a lungo termine
  • relazioni romantiche instabili e impiego

La stampa popolare tende a concentrarsi sulla mancanza di impegno e instabilità delle relazioni romantiche e sulla disoccupazione degli adulti emergenti. Per gli evoluzionisti, potrebbe essere la diversità del periodo più controverso. Se parlo di 15enni statunitensi, posso presumere che la maggior parte di loro sarà a scuola e vivrà con i genitori. Se parlo di 50enni, la maggior parte sarà o è stata in relazioni romantiche a lungo termine, lavorando, con i bambini. La maggior parte degli 80enni sono pensionati. Ma 20 persone? Potrebbero essere sposati con figli, in una scuola di specializzazione, lavorando 60 ore alla settimana e troppo occupati fino ad oggi, o un genitore single che lavori due volte. La diversità di questa fascia di età è sorprendente.

Altre due caratteristiche sorprendenti di questo gruppo sono che, sebbene siano adulti legalmente e cognitivamente, spesso non hanno ancora assunto i ruoli più strettamente associati all’età adulta: occupazione, matrimonio e genitorialità. Quando assumono questi ruoli – come fanno molte persone sui 20 anni – non ne parliamo più come “adulti emergenti”. Li chiamiamo semplicemente adulti.

L’apparizione dell’età adulta, apparentemente, finisce quando le persone assumono impegni e decidono di assumere ruoli tradizionali. Non è come l’infanzia, che termina il nostro tredicesimo compleanno.

Le sfide dell’emergere nell’età adulta

Come diranno molti ventenni, la libertà di esplorare ha sia vantaggi che costi. Gli adulti emergenti usano i servizi di salute mentale ad alti tassi rispetto a quelli più grandi o più giovani di loro. Hanno più disturbi dell’umore, maggiore ansia e più alti tassi di consumo di sostanze.

Sebbene molti lottino per prepararsi a un’attività lucrativa, può essere difficile per i giovani adulti stabilire una carriera stabile. L’adulto medio emergente sperimenterà otto cambi di lavoro tra i 18 e i 29 anni e sperimenterà almeno molti cambiamenti di partner romantici. Il cambiamento, per molti, è stressante.

D’altra parte, questo è un decennio caratterizzato dall’ottimismo: il cambiamento può anche cambiare in meglio. Gli adulti emergenti descrivono tipicamente il loro futuro come una delle possibilità e sono ottimisti riguardo al loro successo a lungo termine. Uno dei vantaggi che hanno pochi legami è la libertà di esplorare. Questo decennio si vede in genere in cui i giovani dedicano meno tempo ad aiutare gli altri e più tempo a concentrarsi su se stessi.

Riferimenti

Arnett, JJ, Zukauskiene, R., & Sugimura, K. (2014). La nuova fase della vita dell’età adulta emergente tra i 18 ei 29 anni: implicazioni per la salute mentale. Lancet Psychiatry, 1 (7), 569-576. doi: 10.1016 / s2215-0366 (14) 00.080-7

Solutions Collecting From Web of "Età adulta emergente: The Twenty-Something Stage of Life"