Età dei genitori e malattia mentale: la dimensione materna

Di gran lunga la prova più convincente fino ad oggi per la teoria del cervello impresso proviene da uno studio di 1,7 milioni di cartelle cliniche danesi che ha rivelato che la dimensione della nascita predice in modo attendibile il rischio di una malattia autistica piuttosto che di uno spettro psicotico in età avanzata. Secondo la teoria, la psicosi deriva dalla sovraespressione relativa dei geni materni e dell'autismo dalla relativa sovraespressione di quelli paterni. E poiché i geni paterni tendono ad aumentare la crescita e quelli materni che limitano la crescita, la dimensione della nascita può essere presa come proxy per i relativi livelli di espressione dei geni parentali.

Ma ora due dei ricercatori che hanno condotto questo studio originale sono tornati allo stesso enorme set di dati per testare la teoria contro più delle sue previsioni: quelle relative all'età dei genitori. Come sottolineato, nessuno studio precedente ha simultaneamente testato e confrontato gli effetti dell'età dei genitori sulle condizioni dello spettro autistico e schizofrenico nella stessa grande popolazione. Grazie all'accesso a 30 anni di dati nazionali sulla salute pubblica in Danimarca, i ricercatori hanno progettato il loro studio "per valutare rigorosamente gli effetti dell'età di entrambi i genitori, la loro differenza di età e più di 20 covariate in generale tra tutti i disturbi autistici e schizofrenici".

Come ho spiegato in un post precedente, i genitori non sono gli stessi per quanto riguarda gli effetti dell'età relativi al rischio di malattia mentale nella loro prole. Questo perché gli spermatozoi vengono costantemente prodotti durante la vita di un uomo, con l'opportunità di copiare gli errori nel suo DNA per accumularsi, spiegando la scoperta ben documentata che i padri più anziani hanno maggiori probabilità di avere bambini con autismo. Al contrario, il DNA di una donna è sequestrato indisturbato e non copiato nelle sue ovaie da prima della sua nascita fino a quando un ovulo è finalmente rilasciato per la fecondazione nella sua vita adulta.

Quindi che dire dell'età materna e della salute mentale? Come illustra il diagramma sottostante, il nuovo studio ha rilevato che l'età paterna e materna superiore alla media erano coerentemente associate ad un aumento del rischio di disfunzioni autistiche nella prole (Figura 1A e B).

Evolution, Medicine, and Public Health [2016] pp. 286–298
Figura 1. Rischio di disturbi psichiatrici della prole in età parentale. I grafici sono divisi per disordini autistici (A-C) contro schizofrenici (D-F) e per età materna (A, D), età paterna (B, E) e differenza di età dei genitori (C, F) alla nascita. Le linee orizzontali tratteggiate (RR = 1,0) indicano il rischio zero. Per i grafici delle differenze di età dei genitori, i gruppi di sinistra del centro rappresentano le madri 1-3, 4-7 o 8-14 anni più grandi dei loro partner riproduttivi al momento del parto. I gruppi a destra sono padri 7-10, 11-15 o 16-27 anni più vecchi dei loro partner riproduttivi. I punti grigio scuro indicano i valori P di rischio <0,05. Tutti i valori di P sono stati corretti da Bonferroni prima di ulteriori interpretazioni. La chiave fornisce i nomi completi di gruppi di disturbo autistico e schizofrenico per le abbreviazioni nelle trame
Fonte: Evolution, Medicine and Public Health [2016], pp. 286-298

Coerentemente con questo fu la scoperta che i figli dei padri più giovani erano l'opposto (Figura 1B). Questo effetto protettivo per l'autismo è stato riscontrato anche nella progenie nata da madri più giovani (Figura 1A). Mentre le età materne e paterne al di sotto della media erano entrambe protettive per l'autismo, i padri più giovani mostravano di più l'effetto. Le uniche eccezioni erano i disturbi comportamentali ed emotivi, che mostravano un aumento del rischio relativo nei gruppi di età paterna e materna più giovani (Figura 1A e B). Come speculano gli autori, questo potrebbe essere dovuto al fatto che questi disturbi sono più lontanamente correlati agli altri autistici.

Le tendenze per i cinque disordini autistici erano più o meno le stesse per i tre gruppi di età materna più anziani (Figura 1A). Tuttavia, contrariamente ai risultati relativi all'autismo, né l'età avanzata della madre né quella paterna erano associate a un rischio significativamente modificato di qualsiasi disturbo schizofrenico (Figura 1D ed E). Invece, i modelli di rischio per i cinque disordini schizofrenici nella prole nati all'interno dei tre gruppi di età materna più giovani della media sono stati costantemente aumentati (Fig. 1D), ma non nella progenie dei tre gruppi di età paterna più giovani della media (Figura 1E).

Oltre a indagare sull'età di entrambi i genitori, la variabile di differenza dell'età dei genitori ha permesso ai ricercatori di separare età parenti diverse alla nascita, con valori sul lato sinistro della distribuzione corrispondente ai padri più giovani che si riproducono con madri più anziane e valori sulla destra correlati ai più giovani madri che si riproducono con padri più anziani (Figura 1C e F). Nel complesso, il rischio autistico e schizofrenico nella prole è stato più basso per i genitori più anziani. Il rischio di autismo era più alto verso i margini di distribuzione, con un rischio per i padri di età compresa tra 7 e 27 anni più anziani rispetto alle madri, coerentemente più significativo di quello delle madri di età compresa tra 1 e 14 anni più grandi dei padri (Figura 1C). Anche il rischio di schizofrenia era in gran parte a forma di U, con il rischio che la maggior parte dei disturbi aumentasse con l'aumentare delle differenze di età dei genitori (Fig. 1F).

Il rischio della prole di molti disturbi psichiatrici è aumentato se le madri oi padri hanno avuto lo stesso disturbo, se ci sono state complicanze del diabete o dell'ipertensione durante la gravidanza, precedenti aborti e se i figli sono nati più di recente. I rischi erano spesso diminuiti se i bambini erano nati più vicini al termine, i pesi alla nascita erano più vicini ai punteggi medi e superiori di APGAR. Come questi autori hanno trovato in precedenza, nelle loro attuali analisi il rischio di disturbi autistici era generalmente più elevato nei figli e il rischio di disturbi schizofrenici generalmente più elevati nelle figlie – contrariamente alla saggezza psichiatrica convenzionale, ma proprio come previsto dalla teoria del cervello impressa. Poiché tutte le madri sono femmine e tutti i padri maschi, la psicosi rivela inevitabilmente un pregiudizio femminile all'espressione genica e all'autismo maschile.

I ricercatori concludono che i loro "risultati forniscono supporto a molti studi precedenti che hanno indicato che l'età paterna e materna al di sopra della media sono indipendentemente legate all'aumentato rischio di autismo nella loro prole." Notano che il cambiamento nel rischio autistico nell'intera fascia d'età paterna (Fig. 1B) sembra essere approssimativamente coerente con la teoria dell'errore di copia accumulata. Tuttavia, aggiungono che questo tipo di spiegazione è più difficile da mantenere per le madri più anziane – qualcosa che è particolarmente importante in considerazione del fatto che le madri più anziane conferiscono anche maggiore rischio di autismo alla loro prole.

Lo studio ha rilevato un aumento del rischio di schizofrenia, disturbi dello spettro della schizofrenia, depressione maggiore e schizofrenia-schizotipico-disturbi deliranti in gruppi di età materna minori di 15-21 e 22-24 anni, ma i rischi non sono cambiati in modo uniforme nell'intera fascia di età (rispetto all'autismo , Fig. 1D), suggerendo che potrebbero essere coinvolti anche fattori psicosociali, culturali o legati alle risorse. Ad esempio, gli effetti dell'età materna precoce alla nascita sul rischio di schizofrenia della prole sono stati collegati a fattori di stress sociale e ambientale che possono essere più comuni nelle famiglie che riproducono in precedenza.

Lo studio mostra che i rischi di disturbo autistico e schizofrenico tendono ad essere più alti nei genitori più dissimili rispetto a genitori con età più simili. Tuttavia, i livelli di rischio di autismo si spostano verso le differenze estreme di età dei genitori, dove i padri hanno 11-27 anni in più delle madri, o dove le madri hanno 4-14 anni più dei padri (Figura 1C). Ciò suggerisce che potrebbero esserci effetti protettivi per l'autismo conferito dai più giovani gruppi di età materna e paterna 1-3 che neutralizzano gli effetti negativi del genitore più anziano (Figura 1A e B). Per lo meno, ciò evidenzia la complessità dei disturbi psichiatrici quando sono influenzati dall'età di entrambi i genitori e dalla loro differenza tra molti altri fattori all'interno di una singola generazione.

Il quadro generale è che i rischi di schizofrenia sono più alti quando i genitori (in particolare le madri) sono i più giovani, ma questi rischi sembrano svanire verso la metà del periodo riproduttivo e iniziano a peggiorare i rischi di un disturbo autistico sempre più grande quando le madri e il loro partner invecchiano. Come gli autori sottolineano, questo è il modello predetto dalla teoria del cervello impresso "che ipotizza che l'autismo e la schizofrenia siano gli estremi di un unico gradiente di perturbazione tra interessi riproduttivi paterni e materni." Essi riferiscono anche che

le madri più anziane tendono a partorire bambini più grandi […], sono più attenti in media, hanno meno conflitti con la loro prole […] e le vedono crescere con meno visite ospedaliere e migliori della media salute generale e sviluppo […]. I nostri dati hanno anche rivelato che l'età materna è significativamente correlata positivamente con essenzialmente tutti i tratti relativi alla nascita (…). Tali differenze nella qualità della prole (vale a dire salute, sopravvivenza) e un tasso statisticamente in diminuzione di cambiamento dei partner con l'età delle donne […] potrebbero contribuire all'allocazione delle risorse durante e dopo la gravidanza essere meno vincolate nelle madri più anziane.

Gli autori aggiungono che questa è una conseguenza dell'evoluzione e che "Troppe poche generazioni sono passate ad aspettarsi che i tratti della storia di vita ancestrale naturalmente selezionati siano scomparsi negli esseri umani moderni, quindi l'età materna sembra essere un logico ultimo predittore del rischio di prole di schizofrenia e autismo, indipendentemente dal peso alla nascita. "Il loro diagramma qui sotto riassume la situazione.

Evolution, Medicine, and Public Health [2016] pp. 286–298
Un modello schematico di come i rischi diametralmente opposti dei disturbi mentali nella prole possono essere concettualizzati per fare perno tra la schizofrenia e l'autismo man mano che aumenta l'età della madre. (A) Una curva del valore riproduttivo del 1911 per le donne australiane disegnata dopo la versione di RA Fisher nel suo capitolo sul teorema fondamentale della selezione naturale, specificando che le prime nascite si sono verificate all'età di 20 anni e l'ultima nascita normalmente a età poco più di 40 anni e assumendo quella materna l'età mediana alla nascita era di circa 30 anni. (B) Il passaggio dal rischio massimo di schizofrenia e il rischio minimo di autismo nella prole nata da giovani madri a sinistra, attraverso il rischio minimo (zero se proporzionato al rischio nella prole di madri di età media nella popolazione) per qualsiasi disturbo psichiatrico nella prole nato per madri di valore riproduttivo mediano, al rischio massimo di autismo e rischio di schizofrenia minimo nella prole nata per le mamme che si avvicinano alla menopausa sulla destra, basata sui modelli generali tracciati in Fig. 1 e rischi diametralmente opposti di autismo e schizofrenia dipendenti dalle dimensioni alla nascita. Le differenze di rischio legate alla prole sono figlie o figli; sono probabilmente minori rispetto agli effetti dei pregiudizi di approvvigionamento patri / indotta materna-materna e / o dei geni materni la cui espressione è assunta a covare con l'età per esprimere inizialmente alta ma gradualmente diminuendo la resistenza alla coercizione patrigenica per un maggiore approvvigionamento di prole nel utero e dopo la nascita
Fonte: Evolution, Medicine and Public Health [2016], pp. 286-298

Infine, un punto non espresso dagli autori, ma forse vale la pena aggiungere che la tendenza vista dalla seconda guerra mondiale per le madri di avere le loro famiglie un po 'più avanti nella vita potrebbe essere ancora un altro fattore nella cosiddetta "epidemia di autismo" dei tempi moderni. In termini del diagramma sopra, una tale tendenza alle successive nascite rappresenterebbe uno swing sociale secolare del pendolo verso un crescente rischio di autismo.

Ma le donne che hanno avuto i loro figli in seguito, o stanno pensando di posticiparli, possono consolarsi con una realizzazione che solo la teoria del cervello impressa e il suo modello diametrico di malattia mentale avrebbero potuto proporre e che questo studio appoggia in modo sorprendente: Questo è quello, se aumentano il rischio di autismo nella loro prole, stanno anche riducendo il corrispondente rischio di psicosi!

Solutions Collecting From Web of "Età dei genitori e malattia mentale: la dimensione materna"