Esseri umani splendenti

"Non cesserò di praticare la filosofia, di [curare] il miglior stato possibile della tua anima [ psyches therapeia ]." – Socrate

I filosofi Hubert Dreyfus e Sean Kelly hanno scritto un libro erudito e di facile lettura, All Things Shining: Leggere i classici occidentali per trovare significato in un'era secolare (2011), che, sebbene inteso per un pubblico non specializzato, ha implicazioni significative per le pratiche psicoterapeutiche e psicoanalitiche contemporanee. [i] Anche se i loro riferimenti espliciti a Heidegger sono sorprendentemente scarsi, [ii] nella mia lettura gli autori attingono pesantemente sia dalla sua (1927/1962) delucidazione dell'essere umano esistente come un ricco intero contestuale, dall'essere -il mondo e la sua analisi (1954/1977) su come le entità, inclusi gli esseri umani, sono diventate comprensibili per noi nella nostra era tecnologica come mera "riserva permanente" – risorse da misurare, manipolare e sfruttare. Il libro presenta un affascinante resoconto storico di come l'intelligibilità delle entità si è evoluta – o devoluta – dall'antico mondo di Omero attraverso il Medioevo al nichilismo che divenne l'erede del pensiero illuminista:

Il mondo era … un mondo di cose sacre e splendenti. Il

le cose splendenti ora sembrano lontane. Il libro è destinato a portare

li chiudono ancora una volta … [e] per scoprire la meraviglia che eravamo

una volta capace di sperimentare. (Dreyfus e Kelly, 2011, p. Xi)

Dreyfus e Kelly esaminano e cercano di rianimare una specie di pratica sacra, ancora marginalmente a nostra disposizione, che gli antichi greci chiamavano poiesis :

Fino a circa cento anni fa, la coltivazione e la cura

le pratiche di poiesis hanno organizzato un modo centrale per le cose. Il

lo stile poietico si manifestò … nelle abilità dell'artigiano per

portare le cose al meglio … Questo coltivando, come un artigiano,

comprensione poietica di come far emergere significati al loro meglio

Era vivo e vegeto verso la fine del diciannovesimo secolo, ma è sotto

attacco nella nostra era tecnologica. (pagina 206)

Usando la falegnameria come loro principale esempio, Dreyfus e Kelly mostrano che la comprensione dei poetici è sia pratica che incarnata e che ci permette di vedere distinzioni di significato e valore che coloro che non hanno una comprensione così poetica non possono vedere. La pratica vinica permette di apprendere entità e situazioni nella loro unicità ed è quindi fonte di cura, rispetto e persino riverenza. L' abilità di Poietics è molto più ricca della semplice competenza tecnica e dell '"intelligenza" delle macchine.

Come osservano Dreyfus e Kelly, i progressi della tecnologia hanno diminuito l'importanza delle abilità poietiche nella vita contemporanea:

Nella misura in cui la tecnologia elimina il bisogno di abilità, lo fa

elimina anche la possibilità di un significato … Le abilità rivelano

differenze significative per noi … Nella misura in cui toglie

il bisogno di abilità, la tecnologia appiattisce la vita umana … appiattito

insieme alla [perdita] di senso del mondo è la nostra comprensione

noi stessi. Umore di affetto e riverenza – nato da vicino e

l'attenzione attenta alle distinzioni di valore in un dominio-sono quasi

perso a noi [come è la nostra] comprensione di noi stessi come coltivatori di

senso. (pp. 213-214)

La tecnologia, affermano gli autori, genera disumanizzazione e nichilismo e fa una forte richiesta per il recupero e la conservazione di pratiche poietiche che resistono a un modo di vivere tecnologico.

Tali riflessioni sono molto importanti per le pratiche psicoterapeutiche e psicoanalitiche, che sono perennemente a rischio di cadere nell'abisso del nichilismo. Nella nostra Age of the Quick Fix guidata dall'assicurazione, procedure manuali – come quelle della terapia cognitiva comportamentale, per esempio – per modificare "variabili" misurabili stanno sempre più sostituendo l'impegno di cura con gli esseri umani sofferenti. In psicoanalisi, lo scientismo di Freud e l'oggettivismo cartesiano (Askay e Farquhar, 2006; Stolorow, 2011), che hanno gettato un'ombra sulla pratica psicoanalitica sin dal suo inizio, sono tornati alla ribalta nella forma del riduzionismo neurobiologico, esemplificato nella caricatura in il classico ossimoro, "neuropsicoanalisi", e nella richiesta di "trattamento basato sull'evidenza", uno slogan notevolmente privo di qualsiasi interrogativo filosofico su quale sia la "prova" appropriata per guidare l'approccio terapeutico a un'anima umana sofferente ( psychia therapeia ).

Il contrasto tra Dreyfus e Kelly di competenza tecnica e abilità poetica è sorprendentemente simile a quello di Donna Orange, George Atwood e mia (1997) della distinzione aristotelica tra techne e phronesis alla pratica psicoanalitica. La razionalità tecnica o tecnica è il tipo di metodo e conoscenza richiesti per la produzione uniforme di cose. È esemplificato nelle regole tradizionali e routinizzate della tecnica psicoanalitica, specialmente perché queste sono richieste per tutti i pazienti, tutti gli analisti, tutte le coppie analitiche e tutte le situazioni. Noi sosteniamo "che l'intera concezione della psicoanalisi come tecnica è sbagliata … e deve essere ripensata" (pagina 21). Suggeriamo inoltre che ciò che è necessario per fondare la pratica psicoanalitica non è la techne ma la phronesis o la saggezza pratica. A differenza della techne , la phronesis è una forma di comprensione pratica che è sempre orientata al particolare, all'unicità dell'individuo e alla sua situazione. [Iii] La pratica psicoanalitica come una forma di phronesis cerca dialogicamente di esplorare e illuminare i singoli mondi emozionali in tutta la loro ricchezza, diversità e inclinazione al contesto. È la natura poietic / fonetica delle pratiche psicoanalitiche che costituisce la nostra migliore difesa contro l'invasione dal "neuroismo" riduttivo (Brothers, 2002) e dall'oggettivismo scientista che minaccia l'umanità della nostra chiamata. In tali pratiche, i mondi emotivi sono abilitati a risplendere con una sorta di sacralità che richiama un impegno etico, rispettoso e premuroso (Orange, 2011; Stolorow, 2011, capitolo 8).

RIFERIMENTI

Askay, R., & Farquhar, J. (2006). Apprendere l'inaccessibile: psicoanalisi freudiana e fenomenologia esistenziale . Evanston, IL: Northwestern University Press.

Brothers, L. (2002). Identità errata: il problema mente-cervello riconsiderato . Albany, NY: State University di New York Press.

Dreyfus, H., & Kelly, SD (2011). Tutto brilla: leggere i classici occidentali per trovare significato in un'epoca secolare . New York: stampa gratuita.

Engberg-Pedersen, T. (1983). La teoria di Aristotele dell'intuizione morale . Oxford, Regno Unito: Oxford University Press.

Heidegger, M. (1962). Essere e tempo (J. Macquarrie & E. Robinson, Trans.). New York: Harper & Row. (Opera originale pubblicata nel 1927)

– (1977). La domanda sulla tecnologia (W. Lovitt, Trans.). In La domanda sulla tecnologia e altri saggi (pp. 3-35). New York: Harper & Row. (Opera originale pubblicata nel 1954)

Orange, DM (2011). Oltre l'individualismo: contributi filosofici di Buber, Gadamer e Lévinas. In R. Frie e W. Coburn (a cura di), Le persone nel loro contesto: la sfida dell'individualità nella teoria e nella pratica (pp. 43-57). New York: Routledge.

– Atwood, GE, & Stolorow, RD (1997). Lavoro intersoggettivo: contestualismo nella pratica psicoanalitica . Hillsdale, NJ: Analytic Press; link: http://www.amazon.com/Working-Intersubjectively-Contestualism-Psychoanalytic-Practice/dp/0881633607/ref=la_B001IXOF6S_1_5?ie=UTF8&qid=1337702903&sr=1-5

Stolorow, RD (2011). Mondo, affettività, trauma: Heidegger e psicoanalisi post-cartesiana . New York: Routledge; link: http://www.routledgementalhealth.com/world-affectivity-trauma-9780415893442

[i] Apparso in DIVISION / Review: un forum psicoanalitico trimestrale .

[ii] Sospetto che una riluttanza a riferirsi a Heidegger in modo estensivo possa essere sorto nel contesto dell'esposizione della portata del suo coinvolgimento nel movimento nazista. In un capitolo scritto con George Atwood e Donna Orange, abbiamo commentato "l'enigmaticità di Heidegger …, il filosofo che ha contribuito così tanto a liberare la nostra visione dell'umanità dalla regola prevalente di disumanizzazione dell'oggettivazione ma che si è anche consegnato a una massa orribile movimento politico ineguagliato nella storia per le sue oggettivizzazioni de-individualizzanti e annichilenti "(Stolorow, 2011, p 85).

[iii] È stato suggerito che la phronesis ha un aspetto poietico in quanto coltiva la sophia (saggezza) nel dominio umano (Engberg-Pedersen, 1983).

Copyright Robert Stolorow

Solutions Collecting From Web of "Esseri umani splendenti"