Essere uno scimmione sedulo / mimicizzato: buono o cattivo?

Sei una "scimmia seducente?"

Una "scimmia seducente" è un'euristica stenografica per chi è coscienziosamente attento e cerca di imparare imitando intenzionalmente gli altri. L'apprendimento con l'esempio è alla base di questo. Il vero apprendimento, tuttavia, deve essere intenzionale, diretto e duraturo. Questo breve pezzo è un "come" che discute la motivazione e l'abilità per raggiungere gli obiettivi.

//fourier.eng.hmc.edu/e161/lectures/nn/node9.html
Fonte: "Imitazione." Http://fourier.eng.hmc.edu/e161/lectures/nn/node9.html

La prospettiva della scimmia seducente, scritta ad arte nel 1887 da Robert Louis Stevenson in un articolo pubblicato su A College Magazine , Londra, parla della strada maestra verso l'abilità. Qui, parla di "trucchi scimmia" usati per sviluppare e perfezionare il suo stile letterario. Alluso a è un panorama di altri grandi (ad esempio, Keats, Burns, Shakespeare) nelle arti che cita come aver usato questo strumento per sviluppare competenza.

Envy Theory ( Envy Theory: Prospettive sulla psicologia dell'invidia, autore, 2010) suggerisce questa tendenza universale – l'imitazione – descrivendo come l'invidia inconscia e l'apprendimento dall'ambiente utilizzano meccanismi psicodinamici: identificazione, proiezione e introiezione per costruire e modellare mondo interiore: la mente. Discussioni dettagliate di questa radice imitativa si trovano in quel libro e negli articoli su questo blog, "Invidia!"

C'è una scimmia seducente in ognuno di noi. Il suo potenziale emerge quando le aspirazioni prendono di mira un obiettivo e falliscono. Questa disillusione può diventare la strada reale per il successo finale.

L'imitazione senza mente non è un vero apprendimento

L'imitazione, la copia e l'identificazione imitativa sono processi diversi. L'imitazione è in genere una duplicazione non cosciente, quasi riflessiva, del comportamento di un altro. Questo è vero per i primati non umani e per le persone che replicano l'azione di un altro in modo non intenzionale.

Quando gli umani copiano , ha una qualità più intenzionale; è un tentativo consapevole di riprodurre un'azione appresa. L'identificazione imitativa è un tentativo intenzionale di imparare e replicare il materiale appreso. Questa forma di apprendimento si verifica in genere quando si studia per apprendere, comprendere e integrare questo nuovo materiale acquisito nel proprio repertorio.

L'imitazione e la copia hanno una forte base nel neurocircuito cerebrale, in particolare quelli che vengono chiamati "neuroni specchio" scoperti per la prima volta intorno al 1996. Un neurone specchio è un nervo che spara sia quando un animale agisce e quando osserva la stessa azione eseguita da un altro. Il neurone "rispecchia" il comportamento dell'altro, come se l'osservatore stesse agendo. Tali neuroni sono stati trovati in specie di primati. Nell'uomo, l'attività cerebrale coerente con quella dei neuroni specchio è stata trovata nella corteccia premotoria, nella zona motoria supplementare, nella corteccia somatosensoriale primaria e nella corteccia parietale inferiore.

Una tendenza innata, quindi, per la suggestionabilità, l'imitazione e l'apprendimento è basata biologicamente. In Envy Theory, questo rafforza l'assioma di "biomental", che enfatizza la stretta unione del proprio corpo e della propria mente. La mente è incarnata e il corpo è disposto.

Trigger per invidia ed emulazione

La base dell'invidia inconscia si basa sulla capacità innata del "codice binario" della mente. Questo codice programma ogni mentalità per apprendere la realtà nei contrasti: un polo è superiore o più desiderabile della sua controparte. Cognizione, valutazione e discriminazione avvengono e alla fine danno un significato complesso. Le emozioni di una persona imputano sensazioni forti a questa dicotomia discrepante. L'estremità superiore dello spettro diventa altamente desiderabile mentre l'estremità inferiore è rovinata, svalutata, sminuita e quindi evitata, respinta e respinta.

Nel mondo interpersonale, l'invidia tipicamente attribuisce "superiorità" all'altra e "inferiorità" all'io. Sentirsi inferiori, inadeguati o "falliti" diventa il grande provocatore ad agire, all'inizio in modo difensivo, per ridurre l'ansia che accompagna questa esperienza conflittuale.

Il dolore del fallimento è un grande motivatore. Può essere mortale quando si trasforma in invidia auto-indebolente. La sequenza di perdita, delusione, dissonanza, l'emozione polarizzata binaria di default, la ferita, la rabbia e l'ingiustizia sensitiva o suscitano l'invidia o possono aprire la strada all'emulazione.

La sana maturazione dell'invidia

Envy Theory ha introdotto la nuova idea della sana maturazione dell'invidia . Nel normale corso dello sviluppo, le situazioni più invidiose e benigne migliorano se stesse. Ciò si verifica come un'interazione tra il proprio temperamento innato e la facilitazione di un buon paesaggio culturale. La propria capacità di recupero, i genitori abbastanza bravi e l'apertura ad essere gradevoli promuovono la sana maturazione dell'invidia. Trauma, disgrazia ed elementi di casualità nella propria esperienza possono interferire con questa traiettoria positiva. Pertanto, essere attenti a questi potenziali ostacoli e affrontarli con interventi correttivi e riparativi non può che rafforzare il proprio muscolo emotivo e arricchire la mente. La motivazione personale è l' auto-attivismo , essenziale per sviluppare le abilità necessarie per essere uno studente coscienzioso ed entusiasta. Gli strumenti per sviluppare le capacità di gestione delle invidie si trovano negli articoli su questo blog, "Envy This!" E in Envy Theory .

Ninivaggi, Frank J., (2010). Envy Theory: Prospettive sulla psicologia dell'invidia, Rowman & Littlefield Press, Lanham, MD (amazon.com).

@ constantine123A

Piace?

Solutions Collecting From Web of "Essere uno scimmione sedulo / mimicizzato: buono o cattivo?"